Motocross Nazioni: Francia Mondiale, Italia che sfortuna!

Motocross Nazioni: Francia Mondiale, Italia che sfortuna!

Quinto successo di fila per i transalpini che in gara 3 hanno la meglio sui nostri. Cairoli senza occhiali, che jella

di Redazione Corsedimoto
Gautier Paulin

L’Italia è stata per una ventina di minuti campione del Mondo Motocross. Ma in un finale beffa la Francia ci ha strappato il titolo trascinata dal coriaceo Gautier Paulinm terzo davanti a Lupino e Cairoli nella terza sfida da tutto-o-niente. Decisiva la sfortuna che si è abbattuta sul nostro Tony Cairoli costretto a guidare senza occhiali per oltre metà dei 30 minuti più due giri. Su un tracciato fangoso e velocissimo come RedBud, nel Michigan, Cairoli non poteva resistere a Paulin nel duello che valeva il Mondiale. “Solo se passi Paulin” hanno scritto i meccanici di Tony sul cartello di segnalazione. Ma non è successo. Peccato.

POKER – E’ il quinto Mondiale di fila per la Francia che ha schierato oltre a Paulin l’ottimo Dylan Ferrandis e il comprimario Jordi Tixier al posto dell’infortunato ex iridato Romain Febvre.  L’Italia ha perso per due punti pagando la sfortuna nera che aveva già colpito Tony Cairoli in gara 1, quando l’ex iridato era scivolato in uscita dalla prima curva dopo aver compiuto una partenza super. Tony aveva comunque rimediato chiudendo sesto in strepitosa rimonta.  Grande l’apporto di Alessandro Lupino, 12° in gara 2 e strepitoso quarto nello spareggio.  L’ultima e decisiva manche è stata dominata dagli olandesi Glenn Coldenhoff, in giornata di grazia, e Jeffrey Herlings. Era stata molto buona anche la prestazione di Michele Cervellin, schierato in MX2. Ma purtroppo non è bastato. L’Italia non vince il titolo a squadra dal lontano 2002.

cover squadre

cover arrivo 3

 

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Lofoten - 2 mesi fa

    Sfortuna Italia, cosa dovrebbero dire gli olandesi che hanno dominato vincendo tutte le 3 gare con 2 piloti diversi?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy