FSBK: Gregory Leblanc a caccia dell’ennesimo titolo con Kawasaki SRC

FSBK: Gregory Leblanc a caccia dell’ennesimo titolo con Kawasaki SRC

Pluri-Campione FSBK tra Superbike e Supersport, Gregory Leblanc quest’anno con il Team Kawasaki SRC punterà al terzo titolo consecutivo con ambizioni mondiali

Commenta per primo!

Cinque titoli in sei anni tra Superbike e Supersport, senza trascurare successi continui nell’Endurance con quattro affermazioni alla 24 Heures Moto di Le Mans (2010, 2011, 2012, 2013) ed altrettanti al Bol d’Or (2012, 2013, 2014, 2015). Di questo, insieme al Team Kawasaki SRC, ne è stato capace Gregory Leblanc, pluri-Campione FSBK tra il Championnat de France Superbike (2013, 2014, 2015) e Supersport (2010 e 2012), atteso quest’anno nuovamente al via della serie Superbike d’Oltralpe ed in tutte prove del Mondiale Endurance sempre con una Kawasaki Ninja ZX-10R preparata dalla compagine di Gilles Stafler.

Se proprio le corse di durata rappresenteranno il programma prioritario per la stagione 2016, ‘The White’ non sottovaluterà la chance di riaffermarsi il riferimento del Campionato francese Superbike con l’obiettivo di aggiudicarsi il quarto titolo di fila. In questo suo ‘diario’ pubblicato da Kawasaki Motors Europe l’esperto pilota transalpino racconta come ha vissuto il precedente lustro da pilota del Team Kawasaki SRC e le sue sensazioni alla vigilia di un anno importante per il prosieguo della carriera, guardando già ad un possibile approdo al Mondiale dal 2017.

Tutto è iniziato nel 2010: un anno molto importante per me, il primo vissuto insieme al Team Kawasaki SRC conquistando subito il titolo francese Supersport e la nostra prima affermazione alla 24 ore di Le Mans“, ricorda Gregory Leblanc. “Da quella stagione mi sono sempre alternato tra Endurance e FSBK, ma non è certamente facile per un pilota: nella Superbike francese corro da solo e posso esser libero di adattare il set-up al mio stile di guida, mentre nell’Endurance la messa a punto della moto deve essere congeniale a ciascun pilota dell’equipaggio. Di fatto questa è la principale differenza, ma tecnicamente le due Ninja ZX-10R a loro volta presentano diversi cambiamenti: la moto del FSBK è di fatto una Superstock 1000, mentre nel Mondiale Endurance ci sono sostanziali modifiche al propulsore, elettronica, forcellone…

La Kawasaki EWC è molto più potente, ma allo stesso tempo più facile da guidare grazie all’elettronica e alle numerose soluzioni di settaggi disponibili. Chiaramente per un pilota alla fine la mentalità non cambia: in sella bisogna sempre frenare più tardi possibile ed aprire il gas velocemente!

Di questi anni vissuti con il Team Kawasaki SRC ricordo con grande affetto tutte le vittorie nelle maratone d’Endurance di 24 ore francesi, successi emozionanti che ti fanno vivere delle sensazioni incredibili davanti ad un pubblico numerosissimo. Con la squadra di Gilles (Stafler) ho trovato una seconda famiglia: siamo cresciuti insieme e, dopo tutti questi successi, l’obiettivo per noi è di conquistare il titolo Mondiale Endurance.

In ogni caso, sebbene molti pensano che i piloti francesi siano prevalentemente portati verso le corse di durata, voglio dimostrare che sono pronto per correre nel Mondiale Superbike, così se si dovesse presentare l’opportunità e se la Kawasaki volesse scommettere su di me… sono pronto!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy