CEV Moto2 Albacete Gara: seconda vittoria di Alejandro Marinelarena

CEV Moto2 Albacete Gara: seconda vittoria di Alejandro Marinelarena

Ramos secondo resta leader, 3° Syahrin

di Redazione Corsedimoto

A 20 anni in piena corsa per il titolo nel CEV Moto2. Alejandro Marinelarena, classe ’92 al secondo anno di presenza nella formula 600cc 4 tempi prototipo Campeonato de España de Velocidad, ha conquistato oggi ad Albacete la sua seconda affermazione dopo Barcellona ai comandi della Suter MMX2 ottimamente preparata dal TargoBank CNS Motorsport sfruttando le disavventure e/o errori dei suoi più diretti avversari nella corsa al titolo. Scattato soltanto dalla seconda fila dello schieramento (un fatto inusuale per lui, da sempre velocissimo nel “time attack”), “Alex” al giro di boa contesa si è proposto quale leader, iniziando una fuga in solitaria valsa la seconda affermazione stagionale nel CEV Moto2, rilanciando le quotazioni in campionato dopo lo “zero” rimediato in Gara 1 al Motorland Aragón di Alcañiz. Bella vittoria per Marinelarena, nativo di Irurzun (Navarra) che corre con la licenza del Moto Club d’Aragón, occasione sfumata per Roman Ramos, secondo dopo aver condotto la Ariane2 (Moto2 progettata e realizzata completamente in Spagna) del Team Stratos alla sua prima pole position, confermandosi capoclassifica di campionato grazie ad un rendimento costante di quattro podi (comprensivi di una vittoria e tre secondi posti) in quattro gare, ora con 19 lunghezze da amministrare nei confronti di Marinelarena. Terzo in gara ed in campionato figura invece il giovane e talentuoso pilota malese Hafizh Syahrin, al secondo anno nel CEV con diverse apparizioni nel mondiale da wild card (4° lo scorso anno in casa a Sepang, al via quest’anno di Le Mans e Barcellona) con la KALEX del Team Stylobike iscritta sotto le insegne del Petronas Raceline Malaysia, tuttora alla ricerca di una prima affermazione nel CEV che, visto il potenziale, non tarderà ad arrivare. Seconda vittoria stagionale per Marinelarena (92) Cocente delusione invece per Dani Rivas, scattato dalla prima fila e a tratti in testa con la KALEX del TSR Motorsports, incappato in una caduta alla curva 9 rimediando un pesante “zero” ai fini campionato. Con il pilota iberico fuori dai giochi ha così concluso al quarto posto il giovanissimo elvetico vincitore di Gara 2 ad Aragón Jesko Raffin, al via con una KALEX 2012 del Pons Racing con il supporto del Grand Prix Team Switzerland, mentre alle sue spalle prosegue il momento-no di uno dei candidati al titolo quale Kenny Noyes, soltanto 6° con la Suter MMX2 del Team LaGlisse ereditata dal bi-Campione in carica Jordi Torres, battuto nel finale anche da Russell Gomez con la AJR del sodalizio H43 Team Nobby tra Manuel Hernandez e Noboru Ueda a precedere la KALEX dell’Amalgama Team condotta da Oscar Climent (7°). Passando alla classe Superstock 600, da quest’anno integrata nell’ambito del CEV Moto2, a seguito della squalifica di Alejandro Esteban (tredicesimo assoluto con la Kawasaki Ninja ZX-6R dell’AE19 Basoli Competicio), Miquel Pons con la Yamaha R6 del DVRacing Group Pons si è aggiudicato la terza affermazione consecutiva ritrovandosi ora con 19 punti di vantaggio su Jorge Arroyo nella “Copa de España Superstock 600”. Fuori dai giochi invece Elena Rosell. Cronaca di Gara Per la prima volta in carriera la Ariane2 scatta dalla pole grazie al capoclassifica di campionato Roman Ramos, autore ieri nel doppio-turno di prove ufficiali del miglior riferimento cronometrico in 1’31″102, affiancato in prima fila dalle KALEX di Dani Rivas (TSR Motorsports) e Hafizh Syahrin (Petronas Raceline Malaysia). Allo spegnimento del semaforo è proprio il pilota malese a avere il miglior spunto, leader alla staccata della curva 1 su Rivas, Syahrin, Marinelarena e Noyes, sfila compatto il gruppo senza alcun stravolgimento di classifica con il solo Jesko Raffin alla curva 10 in grado di portarsi in sesta piazza a scapito di Russell Gomez. Va in archivio il primo dei 20 giri previsti e già il terzetto di testa formato da Syahrin, Rivas e Ramos riesce a scappar via portando in un lampo il proprio vantaggio su Marinelarena (4°) a 1″5. “Pescao” Hafizh Syahrin detta il ritmo, Rivas e Ramos restano a ruota, riesce nel corso del quarto passaggio a recuperare qualcosa Marinelarena, non Kenny Noyes che resta quinto in solitaria. Più problematica la situazione per il proprio compagno di squadra Juan Solorza, a terra con la seconda Suter MMX2 del Team LaGlisse. Secondo posto e leadership per Roman Ramos Al quinto passaggio Marinelarena porta il proprio svantaggio da 1″5 a 1″, è il momento giusto per attaccare: Dani Rivas lo fa alla curva “Jordi Gené”, ma Syahrin risponde alla curva 9, favorendo anche Ramos che passa in seconda posizione. La confusione generata da questa bagarre riporta in piena corsa per la vittoria non soltanto Alejandro Marinelarena, ma anche Kenny Noyes, ora a poco meno di 2″ dalla vetta. Chiaro e lampante che Syahrin “frena” il gruppo di testa, decide pertanto di rompere gli indugi alla curva 7 Ramos che conquista la leadership, presto imitato alla tornata seguente da Rivas. All’ottavo giro il leader di gara, nel tentativo di scappar via, sbaglia all’uscita della veloce “chicane” delle curve intitolate ad Alvaro Bautista e Julian Simon, questo consente a Rivas e Syahrin di presentarsi in scia alla Ariane2 #40 nel rettilineo dei box e conquistare rispettivamente la prima e seconda posizione. Un errore che costa caro a Ramos, passato in un sol colpo dal primo al quarto posto a vantaggio anche di Marinelarena, con ora anche Kenny Noyes a stretto contatto e alle loro spalle Jesko Raffin in progressiva rimonta. Raggiunto il giro di boa della contesa Marinelarena è visivamente il pilota più veloce in pista: riesce a sfilare Syahrin per la seconda piazza, si lancia ora all’assalto della KALEX di testa. Rivas comprende il momento, ma suo malgrado è protagonista di un imperdonabile errore alla staccata della curva 9 con il risultato di ritrovarsi a terra ed abbandonare le proprie velleità di vittoria finale. Con il pilota TSR Motorsports fuori gioco passa così al comando Marinelarena con qualche metro di vantaggio rispetto a Ramos e Syahrin, a 3″ Noyes è in crisi nerissima tanto da vedersi raggiungere e superare da Raffin nel corso del quattordicesimo giro. Inizia così la fase decisiva della contesa con Marinelarena e Ramos compagni di fuga: i due sono a stretto contatto, non prima di un errore di Ramos in uscita dalla curva 9, apparentemente in difficoltà nella gestione degli pneumatici. Ancora un podio per Hafizh Syahrin Questa sbavatura del poleman consente al portacolori TargoBank CNS Motorsport di portare a 1″ il proprio margine sulla Ariane2, non distante nemmeno Syahrin, anche se ormai tagliato fuori dalla corsa per la vittoria. Qui di fatto si decide la contesa: dopo Barcellona, Alejandro “Alex” Marinelarena torna sul gradino più alto del podio, Roman Ramos è secondo, Hafizh Syahrin terzo completa il podio con a seguire Jesko Raffin, nel finale Russell Gomez riesce a sfilare Kenny Noyes nel confronto che vale la quinta piazza. Tra le Superstock 600 vittoria di Alejandro Esteban (13°) davanti a Miquel Pons (14°), a terra invece Elena Rosell nel corso dell’undicesimo giro. CEV Repsol Moto2 2013 Circuito de Albacete, Classifica Gara 01- Alejandro Marinelarena – TargoBank Motorsport – Suter MMX2 – 20 giri in 30’56.019 02- Roman Ramos – Team Stratos – Ariane2 – + 2.445 03- Hafizh Syahrin – Petronas Raceline Malaysia – KALEX Moto2 – + 4.421 04- Jesko Raffin – Pons Racing – KALEX Moto2 – + 7.828 05- Russell Gomez – H43 Team Nobby Talasur Blumaq – AJR Moto2 – + 8.864 06- Kenny Noyes – Team Calvo – Suter MMX2 – + 10.124 07- Oscar Climent – Amalgama Team – KALEX Moto2 – + 28.264 08- Angel Poyatos – Halcourier MS – AJR Moto2 – + 35.280 09- Santiago Hernandez – TSR Motorsports – KALEX Moto2 – + 39.513 10- Antonio Alarte – PL Racing Moto2 – Suter MMX2 – + 39.767 11- Ezequiel Iturrioz – MR Griful Team – AJR Moto2 – + 45.687 12- Pedro Rodriguez – Halcourier MS – AJR Moto2 – + 45.738 13- Miquel Pons – DVRacing Group Pons – Yamaha YZF R6 – + 55.948 (STK600) 14- Andres Gonzales – MR Griful Team – AJR Moto2 – + 1’04.293 15- Jorge Arroyo – Andalucia Cadiz Pastrana Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 1’11.753 (STK600) 16- Maksim Averkin – Motorrika – FTR Moto M212 – + 1’11.871 17- Samuel Rankin – H43 Team Nobby Talasur Blumaq – AJR Moto2 – + 1’12.796 18- Luis Miguel Mora – H43 Team Nobby Talasur Blumaq – AJR Moto2 – + 1’23.011 19- Rodrigo Concha – Team Stratos – Ariane2 – + 1’26.682 20- Jesus Alconchel – Transtasa Macisa – Kawasaki ZX-6R – + 1’30.036 (STK600) 21- Marcus Woodbine – Wilson Racing – Harris Moto2 – + 1’34.470 22- Ivan Lookin – Motorrika – FTR Moto M212 – a 1 giro 23- Guillermo Llano – Hospitality Motobox – Yamaha YZF R6 – a 1 giro (STK600) 24- Abian Santana – Fricar Team – Yamaha YZF R6 – a 1 giro (STK600) 25- Aitor Martinez – Petrofer Fly Group – Yamaha YZF R6 – a 1 giro (STK600) Alessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy