Bol d’Or Kawasaki SRC in pole provvisoria, Suzuki S.E.R.T. 2°

Bol d’Or Kawasaki SRC in pole provvisoria, Suzuki S.E.R.T. 2°

Kawasaki SRC primeggia nelle prime qualifiche del Bol d’Or 2017 davanti a Suzuki SERT, YART Yamaha, F.C.C. TSR e Honda 111, 7° i Campioni del Mondo di GMT94 Yamaha con Canepa.

La stagione 2017/2018 del Mondiale Endurance FIM EWC si apre con una “saetta verde” al comando delle prime qualifiche ufficiali del Bol d’Or, grande classica del motociclismo d’Oltralpe giunta alla sua 81esima edizione, la terza consecutiva sulla sua “casa” rappresentata dal Circuit Paul Ricard di Le Castellet. Il Team Kawasaki SRC, impegnato per il secondo anno di fila nelle sole 24 ore francesi e non per tutto il FIM EWC, con la media sul giro di 1’58″609 si è garantito la pole position provvisoria grazie ai tempi di Mathieu Gines (1’59″412), Fabien Foret (1’58″883), ma soprattutto di un velocissimo Randy De Puniet in 1’57″532 a soli 3 decimi dal primato della pista.

KAWASAKI, SUZUKI, YAMAHA E HONDA NELLA TOP-4 – Il Team Kawasaki SRC, che al Bol d’Or tra Magny-Cours e Le Castellet ha raccolto 4 vittorie (consecutive: 2012, 2013, 2014 e 2015) e 2 secondi posti nelle ultime 6 edizioni, inizia a spron battuto l’atto inaugurale del Mondiale Endurance 2017/2018 grazie ad un RDP in gran spolvero, velocissimo sin dai Pré-Test e confermatosi tutt’uno con la Kawasaki Ninja ZX-10R #11 gommata Pirelli dopo il 2° posto del Bol d’Or 2016 e della 24 ore di Le Mans dello scorso mese di aprile. Considerata questa performance, Kawasaki SRC è vicinissima a conquistare la pole, ma la concorrenza non manca con ben 4 differenti case costruttrici ai primi 4 posti, addirittura 5 nei primi 6. Alle spalle della Ninja #11, la nuova GSX-R 1000 del pluri-titolato Suzuki S.E.R.T. spicca il secondo tempo provvisorio con la media di 1’59″055 frutto dei tempi di Vincent Philippe (1’58″893), Etienne Masson (1’59″432) e del neo-acquisto Gregg Black (1’58″842), motivati a bissare il trionfo del 2016, all’epoca con il compianto Anthony Delhalle alla guida. Yamaha nelle posizioni che contano è rappresentata oltre che da YART (3° con Broc Parkes, Kohta Nozane e Marvin Fritz) anche dai Campioni del Mondo in carica di GMT94, provvisoriamente 7° con il nostro Niccolò Canepa in 1’59″422 nuovamente il più veloce del trio titolare completato da David Checa (1’59″956) e da Mike Di Meglio (2’00″074), quest’ultimo al suo esordio al Bol d’Or.

RISCOSSA HONDA E BMW? – Aspettando le Qualifiche 2 in programma domattina, la buona notizia di giornata è la competitività Honda con due differenti squadre con la “vecchia” e la nuova CBR 1000RR Fireblade SP2. Con il modello 2016 F.C.C. TSR Honda è provvisoriamente 4° con il rientrante Alan Techer, Freddy Foray e Josh Hook “gommati” Bridgestone, per una manciata di millesimi meglio rispetto a Honda Endurance Racing #111 che ha rinnovato la propria line-up: accanto al capitano Sebastien Gimbert è stato ingaggiato Gregory Leblanc (4 vittorie al Bol d’Or con Kawasaki SRC) più, direttamente dal Motomondiale, Yonny Hernandez, il quale si è espresso su convincenti livelli di competitività prima di incappare in una caduta nelle qualifiche in seguito ad un contatto con un pilota più lento. Nelle posizioni che contano si fa rivedere anche la BMW con Tecmas 6° grazie all’apporto di due specialisti come Julien Da Costa e Kenny Foray, al rientro Penz13 è 9° assoluta con il nostro Alex Polita alla guida affiancato da Markus Reiterberger e Danny Webb. Bene anche la BMW IVRacing, decima annoverando in equipaggio Fabrizio Lai, mentre tra le EWC Emiliano Bellucci si ritrova 32° con la Yamaha R1 del Motobox Kremer Racing e da capo-classifica dell’Europeo Classic Endurance.

Kevin Manfredi (Suzuki No Limits Motor Team) il più veloce tra i piloti Superstock
Kevin Manfredi (Suzuki No Limits Motor Team) il più veloce tra i piloti Superstock
CHE LOTTA IN SUPERSTOCK CON L’ITALIA PROTAGONISTA – L’Italia si conferma ai vertici anche nella classe Superstock. Se la pole provvisoria (8° assoluti) è dei Campioni del Mondo in carica di Yamaha Viltais Experience, scorrendo la classifica è 3° di classe al debutto Matteo Ferrari (con Kawasaki Ecurie Chrono Sport in equipaggio con Alexis Masbou e Louis Rossi), 5° il rientrante 3ART Yam’Avenue con Luca Marconi competitivo e motivato a ripetere il podio del 2016, 7° tra le Stock il debuttante team AvioBike di Giovanni Baggi insieme ai fratelli Federico e Christian Napoli particolarmente veloci nella giornata odierna. Si è sono guadagnati una standing ovation di tutto il paddock invece Kevin Manfredi ed il No Limits Motor Team: con la giallo-nera Suzuki GSX-R 1000 #44 preparata dalla compagine di Moreno Codeluppi il pilota italiano, affiancato da Andrea Boscoscuro e dalla novità Michael Mazzina, in 1’59″518 è stato il più veloce in assoluto tra i piloti della Superstock (!) confermando il potenziale velocistico fuori discussione di moto e squadra. Obiettivo raggiunto anche per lo Special Team Ducati by Z Racing di Jacopo Zizza: la Ducati 1299 Panigale S iscritta alla classe Supertwin, vittoriosa in questa categoria alla 24 ore di Le Mans, si è agevolmente qualificata con tutti e tre i piloti titolari (Mika Giron, Gregory Monaya e Lionel Ancelin), chiudendo le prime prove ufficiali davanti a ben 14 squadre tra EWC e Superstock.

81ème BOL D’OR
Classifica Qualifiche 1

01- Team SRC Kawasaki – Kawasaki ZX-10RR – 1’58.609 (EWC)
02- Suzuki S.E.R.T. – Suzuki GSX-R 1000 – 1’59.055 (EWC)
03- YART Yamaha – Yamaha YZF R1 – 1’59.138 (EWC)
04- F.C.C. TSR Honda France – Honda CBR 1000RR – 1’59.207 (EWC)
05- Honda Endurance Racing – Honda CBR 1000RR SP2 – 1’59.244 (EWC)
06- Tecmas BMW – BMW S1000RR – 1’59.767 (EWC)
07- GMT94 Yamaha – Yamaha YZF R1 – 1’59.817 (EWC)
08- Yamaha Viltais Experience – Yamaha YZF R1 – 2’00.271 (SST)
09- WEPOL BMW Motorrad by Penz13 – BMW S1000RR – 2’00.647 (EWC)
10- EKO IVRacing BMW CSEU – BMW S1000RR – 2’00.756 (EWC)
11- Volpker NRT48 Schubert Motors – BMW S1000RR – 2’00.807 (EWC)
12- Team 33 Accessoires Louit Moto – Kawasaki ZX-10R – 2’00.860 (SST)
13- Bolliger Team Switzerland – Kawasaki ZX-10R – 2’01.060 (EWC)
14- Maco Racing Team – Yamaha YZF R1 – 2’01.307 (EWC)
15- Ecurie Chrono Sport – Kawasaki ZX-10R – 2’01.572 (SST)
16- Moto Ain CRT – Yamaha YZF R1 – 2’01.613 (SST)
17- 3ART Yam’Avenue Moto Team 95 – Yamaha YZF R1 – 2’01.998 (SST)
18- Team R2CL MKS Partelya – Suzuki GSX-R 1000 – 2’02.018 (EWC)
19- Junior Team LMS Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – 2’02.048 (SST)
20- AvioBike – Yamaha YZF R1 – 2’02.186 (SST)
21- National Motos – Honda CBR 1000RR SP2 – 2’02.241 (EWC)
22- April Moto Motors Events – Honda CBR 1000RR SP2 – 2’02.270 (EWC)
23- No Limits Motor Team – Suzuki GSX-R 1000 – 2’02.321 (SST)
24- BMRT 3D Maxxess Nevers – Kawasaki ZX-10R – 2’02.378 (SST)
25- Tati Team Beaujolais Racing – Kawasaki ZX-10R – 2’02.600 (SST)
26- AM Moto Racing Competition – Kawasaki ZX-10R – 2’02.800 (SST)
27- LMD63 Ultimate Cup – Yamaha YZF R1 – 2’02.937 (SST)
28- RAC 41 – Honda CBR 1000RR – 2’03.331 (SST)
29- Hertrampf Racing Endurance – Ducati 1299 Panigale S – 2’03.367 (STW)
30- Team LRP Poland – BMW S1000RR – 2’03.431 (EWC)
31- Atomic 68 – Suzuki GSX-R 1000 – 2’03.455 (SST)
32- Motobox Kremer – Yamaha YZF R1 – 2’03.455 (EWC)
33- Team 18 Sapeurs Pompiers – Kawasaki ZX-10R – 2’04.034 (SST)
34- Energie Endurance 91 – Kawasaki ZX-10R – 2’04.158 (SST)
35- JMA – Suzuki GSX-R 1000 – 2’04.700 (SST)
36- DL Moto Racing – Kawasaki ZX-10R – 2’04.753 (SST)
37- Space Moto 37 – Suzuki GSX-R 1000 – 2’04.790 (EWC)
38- MotoTech EWC Team – Honda CBR 1000RR SP2 – 2’05.105 (EWC)
39- Wojcik Racing Team – Yamaha YZF R1 – 2’05.463 (EWC)
40- WSB Endurance Team – Kawasaki ZX-10R – 2’05.830 (EWC)
41- Team GP Moto – Kawasaki ZX-10R – 2’05.984 (EWC)
42- LMC Endurance – Yamaha YZF R1 – 2’06.087 (EWC)
43- ARTEC #199 – Kawasaki ZX-10R – 2’06.382 (SST)
44- Dunlop Motors Events – Honda CBR 1000RR SP2 – 2’06.546 (SST)
45- Special Team Ducati by Z Racing – Ducati 1299 Panigale S – 2’06.923 (STW)
46- Moto 39 Competition – Kawasaki ZX-10R – 2’06.949 (SST)
47- Glazik Moto Sport Passion – Suzuki GSX-R 1000 – 2’06.991 (EWC)
48- Flam Racing – Suzuki GSX-R 1000 – 2’07.014 (SST)
49- Girls Racing Team – Yamaha YZF R1 – 2’07.310 (SST)
50- Acro Racing Team – Yamaha YZF R1 – 2’07.347 (EWC)
51- Skull Motors – Kawasaki ZX-10R – 2’07.764 (EWC)
52- Cambodge ACR74 – Suzuki GSX-R 1000 – 2’08.083 (SST)
53- Speedteam72 – Yamaha YZF R1 – 2’08.510 (SST)
54- Team Broke Racing – Yamaha YZF R1 – 2’08.547 (EWC)
55- Team Mongore 13 – Aprilia RSV4 – 2’08.609 (EWC)
56- Sarazin Motorsport by Hall Moto – Yamaha YZF R1 – 2’01.987 (SST)
57- Zuff Racing Team – Honda CBR 1000RR SP2 – 2’05.988 (SST)
58- PHI Endurance – Kawasaki ZX-10R – 2’07.680 (EWC)
59- AMSS TRB Vidra Team Serbia – Yamaha YZF R1 – 2’06.783 (EWC)

Il Bol d’Or 2017 in Diretta TV su Eurosport 2

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy