Daytona SportBike: diverse novità in griglia per il 2012

Daytona SportBike: diverse novità in griglia per il 2012

Diversi cambi di casacca per la stagione 2012

Commenta per primo!

Una delle classi più spettacolari del pianeta, riservata a professionisti, ma, cosa ben più importante, aperta ai giovanissimi. La Daytona SportBike, eletta (un pò troppo frettolosamente) a classe regina del panorama motociclistico americano nel 2009 dal promoter DMG, nel 2012 vivrà un vero e proprio “ricambio generazionale” con i top-teams che hanno deciso di affidarsi ai giovani talenti del motociclismo made in USA, rinfrancati da un 2011 che spesso ha visto dei podi under-21 come nel caso del Miller Motorsports Park, con una media di 20 anni tra Josh Herrin, Cameron Beaubier e PJ Jacobsen.

Con il campione 2011 Danny Eslick che potrebbe passare in Superbike, si è già guadagnato questa promozione il vice-campione e vincitore della Daytona 200 nel 2010 Josh Herrin, dalla prossima stagione in sella ad una Yamaha R1 ufficiale. Al suo posto il Graves Motorsports ha deciso di puntare sui giovanissimi Cameron Beaubier, ex-stella della Red Bull MotoGP Rookies Cup, pilota KTM nel mondiale 125cc, protagonista di un buon 2011 con la R6 privata del Jake Holden Racing, e Garrett Gerloff, rivelazione all’esordio nell’AMA SuperSport tanto da conquistare pole e vittoria in Gara 1 al New Jersey Motorsports Park.

Se M4 Suzuki ha rinnovato la fiducia a Dane Westby ed il Latus Motors Racing con Jason DiSalvo passerà da Ducati a Triumph, in casa Vesrah Suzuki è stato riconfermato il solo Cory West, a tratti contendente al titolo nell’arco della stagione 2011.

Da seguire con interesse anche PJ Jacobsen, 17enne talento portato in gara quest’anno dal Celtic Racing/Fast by Ferracci, passato insieme la main sponsor ARMA Energy Drink alla Yamaha YZF R6 del Markbilt Racebikes. Questi per il momento i primi cambi di casacca importanti per una Daytona SportBike che strizza l’occhio ai giovanissimi a cominciare dal primo round del 2012 che vale una stagione: la 200 miglia di Daytona.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy