Daytona 200: clamoroso, Gerloff KO, ritorna Tommy Hayden!

Daytona 200: clamoroso, Gerloff KO, ritorna Tommy Hayden!

Sostituirà Garrett Gerloff, femore fratturato nelle prove

di Redazione Corsedimoto

Tutto in poco meno di 2 ore. Il team Graves Motorsports, formazione ufficiale di Yamaha Motor Corporation USA dell’American Superbike e Daytona SportBike, ha ingaggiato per l’edizione 2012 della 200 miglia di Daytona Tommy Hayden (nella foto d’archivio con la Suzuki Yoshimura), chiamato a sostituire in corsa in sella alla Yamaha YZF R6 #8 il giovanissimo (16 anni) Garrett Gerloff, caduto rovinosamente nell’inaugurale sessione di prove libere, rimediando la frattura del femore destro.

Gerloff, talento emergente del motociclismo americano, poco dopo aver spiccato il 7° riferimento cronometrico assoluto aveva perso il controllo della propria R6 all’ingresso dell’infield del Daytona International Speedway all’altezza della curva 1, obbligando i commissari all’esposizione della bandiera rossa. Sin dai primissimi minuti si è intuito l’entità dell’infortunio per il 16enne texano, confermato dalle lastre effettuate all’Halifax Health Medical Center di Daytona Beach: frattura del femore destro, prolungati tempi di recupero con l’inevitabile addio sogni di gloria alla Daytona 200.

Con Gerloff, vincitore all’esordio a 16 anni appena compiuti nell’ultima prova dell’AMA SuperSport 2011 al New Jersey Motorsports Park (pole e trionfo in Gara 1 con riferimenti cronometrici da SportBike), fuori gioco, il team manager Chuck Graves si è subito adoperato per trovare un sostituto all’altezza per la 200 miglia, siglando l’accordo in serata con Tommy Hayden, libero da impegni contrattuali dopo esser stato appiedato al termine della passata stagione da Yoshimura Suzuki per problemi di budget.

Tommy, fratello di Nicky e Roger, ha trovato l’intesa con Graves Yamaha soltanto per disputare la 200 miglia di Daytona con la Yamaha YZF R6 iscritta sotto la denominazione del team Yamaha Extended Service Graves Motorsports. “Tornare in pista in sostituzione di un pilota infortunato non era quello che volevo“, ha ammesso il campione AMA Supersport 2004 e 2005 con la Kawasaki ufficiale. “Mi dispiace per Garrett, spero di portare la sua R6 nelle posizioni di vertice a Daytona. Con Yamaha ho corso per tanti anni (dal 1999 al 2001 con il team Yamaha Factory in Superbike e Supersport con 4 vittorie all’attivo, ndr), è bello tornare a correre con la casa dei Tre Diapason: spero di ripagare la fiducia con un bel risultato alla 200 miglia.

Come detto Tommy Hayden era stato appiedato al termine della stagione 2011 dell’American Superbike dal team Yoshimura per i tagli di budget imposti da American Suzuki Corporation. Nelle ultime settimane il pilota del Kentucky, vice-campione AMA Superbike 2010, era stato indicato come possibile secondo pilota del team Pegram Racing su BMW senza tuttavia trovare l’accordo, ritrovandosi per la prima volta dal 1998 senza una moto per Daytona. Almeno fino alla sera di giovedì 15 marzo…

Alessio Piana

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy