All Japan Superbike: Autopolis ospita il terzo round, l’ultimo prima della 8 ore di Suzuka

All Japan Superbike: Autopolis ospita il terzo round, l’ultimo prima della 8 ore di Suzuka

Caccia aperta ad Akiyoshi

Commenta per primo!

Il terzo appuntamento stagionale, l’ultimo prima della 8 ore di Suzuka. Ad Autopolis questo fine settimana torna in pista l’All Japan Superbike per la “Super 2&4 Race”, evento in concomitanza con la Formula Nippon (principale campionato automobilistico per monoposto del Giappone) e con la ST600 (Supersport), crocevia di una stagione sempre più indirizzata verso l’ennesimo trionfo di Kousuke Akiyoshi. Campione 2010 e 2011, costretto alla resa lo scorso anno per la frattura al femore destro rimediata nelle prove del primo round a Motegi, l’esperto pilota giapponese dal 2009 collaudatore ed occasionalmente pilota per il programma Honda MotoGP ha iniziato il 2013 come meglio non si poteva: dominio assoluto sotto il diluvio a Motegi, riconferma poche settimane più tardi alla “2&4 Race” di Suzuka. A punteggio pieno in cima alla classifica di campionato, il tre volte vincitore della 8 ore di Suzuka si presenterà ad Autopolis con il chiaro intento di ipotecare la conquista del suo terzo titolo JSB1000 e con tutte le premesse del caso per centrare questa impresa. Imprendibile per chiunque tra Motegi e Suzuka, Kousuke Akiyoshi è già in “forma 8 ore”, senza oltretutto farsi mancare nulla in queste ultime settimane: test pre-gara ad Autopolis dell’All Japan Superbike, prove a Motegi della Honda RC213V MotoGP, ma anche un’apparizione a Monza nel Mondiale Supersport in sostituzione dell’infortunato Leon Haslam in seno al team Pata Honda riuscendo a conquistare qualche punticino in Gara 1, salvo incappare in una rovinosa caduta nella seconda manche. Takumi Takahashi (634) primo inseguitore di Akiyoshi in campionato Battuta d’arresto senza nessuna conseguenze per Akiyoshi, deciso ad Autopolis di tornare sul gradino più alto del podio su questo tracciato ad un lustro di distanza dall’affermazione conseguita nel 2008 con Yoshimura Suzuki prima di trasferirsi armi e bagagli in HRC. Le prospettive sembrano essere delle migliori per lui (2° tempo nei test pre-evento di settimana scorsa), anche se in questa circostanza dovrà vedersela con una vasta schiera di avversari. Il primo della lista, due volte secondo tra Motegi e Suzuka, risponde al nome di Takumi Takahashi, con HARC-PRO Honda vincitore nel 2011 (la sua prima affermazione in Superbike) ed ancor prima nel 2008 tra le 250 GP, costretto al forfait lo scorso anno per un infortunio alla spalla riscontrato nei test pre-gara. Il talentuoso pilota giapponese, da quest’anno integrato nel Test Team HRC per il progetto MotoGP, cerca di far valere la costanza di rendimento per battere il più esperto compagno di marca Akiyoshi, testimoniato dai soli 6 punticini di svantaggio in campionato. E’ Takahashi il primo rivale del portacolori F.C.C. TSR Honda per la conquista del titolo (e, con ogni probabilità, in prospettiva anche per la 8 ore di Suzuka dove si confronteranno con le rispettive squadre di appartenenza), ma è lecito attendersi ad Autopolis il riscatto del Campione in carica Katsuyuki Nakasuga. Infortunatosi alla spalla sinistra lo scorso mese di marzo, l’eroe di Valencia (2° assoluto in MotoGP da sostituto dell’infortunato Ben Spies) e della 8 ore di Suzuka lo scorso anno (prima pole in 11 anni per la Yamaha con annesso record della pista) ha stretto i denti nei primi due round, ma ora è pronto a dare il massimo in sella alla Yamaha R1 gommata Bridgestone del YSP Racing Team cercando di far valere i trascorsi favorevoli su questo tracciato: vittoria nel 2004 tra le 250 GP, ma soprattutto successo nel 2007 e 2012 nella top class JSB1000. Yoshimura Suzuki con Tsuda (12) in evidenza nei test pre gara ad Autopolis “Kats” Nakasuga osservato speciale del weekend, in egual misura per il leggendario, inimitabile, sempreverde (nel senso letterale del termine..) Akira Yanagawa, terzo in campionato ad ex-aequo con il Campione in carica, ma soprattutto intenzionato a regalare alla Kawasaki un successo sul tracciato di casa (e proprietà). D’altronde Akira, da quando è tornato in madrepatria nel 2004, non ha mai fatto peggio del 4° posto conquistando complessivamente 1 vittoria (nel 2010 dopo un lungo digiuno), 5 podi comprensivi di 4 secondi posti consecutivi dal 2004 al 2007. Per chi conosce a menadito l’impianto nipponico ovviamente l’obiettivo non può che esser la vittoria, sfruttando oltretutto un periodo a lui particolarmente favorevole: con le squadre già completamente immerse nello sviluppo delle moto per la 8 ore di Suzuka, la Kawasaki con la propria emanazione diretta del Reparto Corse KHI di Akashi (il celebre “Team Green”) ha potuto provare in lungo ed in largo nei giorni scorsi proprio ad Autopolis. Sarà interessante seguire l’operato dell’icona delle due ruote nella Terra del Sol Levante, altresì di Takuya Tsuda, il più veloce in 1’48″477 nei test pre-gara di settimana scorsa con la Yoshimura Suzuki, e pronto a riscattare i risultati al di sotto le aspettative (giù dal podio tra Motegi e Suzuka) conseguiti nelle prime due gare. Speranzosi di puntare alla vittoria già raggiunta nell’ultimo decennio su questo tracciato anche Tatsuya Yamaguchi (vincitore nel 2009 con HARC-PRO Honda, oggi al via con la Honda preparata da Moriwaki ed iscritta dal proprio TOHO Racing) e Yukio Kagayama, vincitore nel 2002 con la Suzuki GSV-R MotoGP (all’epoca i prototipi della top class erano ammessi nell’All Japan), ma “trasparente” ai fini classifica. Yukio Kagayama (71) cerca la prima vittoria stagionale Con queste premesse si prospetta un round avvincente dell’All Japan Superbike, l’ultima occasione per i protagonisti del motociclismo “Made in JPN” di confrontarsi in una gara-sprint prima dell’evento che vale una carriera: la 8 ore di Suzuka. All Japan Road Race Championship 2013 La Classifica di Campionato dopo i primi 2 round 01- Kousuke Akiyoshi – F.C.C. TSR Honda – Honda CBR 1000RR – 50 02- Takumi Takahashi – MuSASHi RT HARC-PRO Honda – Honda CBR 1000RR – 44 03- Katsuyuki Nakasuga – Yamaha YSP Racing Team – Yamaha YZF R1 – 36 04- Akira Yanagawa – Team Green – Kawasaki ZX-10R – 36 05- Yukio Kagayama – Team Kagayama – Suzuki GSX-R 1000 – 35 06- Tatsuya Yamaguchi – TOHO Racing with Moriwaki – Honda CBR 1000RR – 30 07- Takuya Tsuda – Yoshimura Suzuki Racing Team – Suzuki GSX-R 1000 – 27 08- Takeshi Yasuda – Honda Suzuka Racing Team – Honda CBR 1000RR – 27 09- Yoshihiro Konno – MotoMap Supply – Suzuki GSX-R 1000 – 25 10- Takuya Fujita – Dog Fight Racing Yamaha – Yamaha YZF R1 – 21

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy