All Japan Superbike Suzuka Prove Haslam 1°, Kiyonari si frattura

All Japan Superbike Suzuka Prove Haslam 1°, Kiyonari si frattura

Leon Haslam il più veloce nelle prove libere dell’All Japan Superbike a Suzuka davanti a Nakasuga, Ryuichi Kiyonari cade e si frattura la clavicola sinistra.

Nel bene e nel male, sono le wild card d’eccezione a catalizzare l’attenzione a Suzuka nell’ambito del decisivo appuntamento stagionale 2016 dell’All Japan Superbike. Se Leon Haslam, al via con la Kawasaki Ninja ZX-10R Factory del Team Green, per soli 75 millesimi rispetto a Katsuyuki Nakasuga (in procinto di aggiudicarsi il settimo titolo JSB1000 in carriera) ha primeggiato nelle odierne prove libere, al ritorno in madrepatria Ryuichi Kiyonari (nella foto) cade e si frattura la clavicola sinistra. In evidenza ieri tanto da spiccare il quarto crono in sella alla seconda Suzuki GSX-R 1000 gommata Dunlop del Team Kagayama capeggiato dal collega/amico Yukio, “King Kiyo” nel turno di attività della mattinata ha perso il controllo della moto con conseguente frattura della clavicola sinistra, già infortunata lo scorso mese di maggio nella tappa del British Superbike a Brands Hatch Indy.

Per il quattro volte vincitore della 8 ore, l’unico quest’anno proprio con Suzuki Team Kagayama a spezzare nei primi 40 minuti di gara l’egemonia Yamaha, weekend concluso anzitempo lasciando campo aperto alla classe di Leon Haslam. Convocato da Kawasaki KHI per correre l’ultima tappa dell’All Japan Superbike 2016, il vice-Campione BSB in 2’06″261 ha degnamente sostituito il leggendario Akira Yanagawa (KO per infortunio) migliorando il 2’06″469 siglato nel Top 10 Trials della 8 ore di Suzuka del luglio scorso e con la prospettiva di battere il muro del 2’06” domani nel corso delle qualifiche ufficiale. Un traguardo già raggiunto nel mese di aprile alla 200km da Katsuyuki Nakasuga (2’05″799, primato assoluto per una Superbike sul tracciato dell’ottovolante), oggi 2° con la R1 ufficiale e determinato a far suo il quinto titolo consecutivo JSB1000 in carriera domenica già al termine di Gara 1.

Il due volte poleman e vincitore della 8 ore punta in ogni caso a fronteggiare la concorrenza dello “straniero” Haslam oltre che di Takuya Tsuda, il più veloce dei test e 3° oggi con Yoshimura Suzuki, seguito da Takumi Takahashi (HARC-PRO Honda), Kazuki Watanabe (Kawasaki Team Green), Kohta Nozane (Yamaha Factory) con Yamaguchi, Kagayama, Fujita e la BMW condotta da Sakai a completare la top-10. Da segnalare questo weekend l’esibizione delle nuove Honda CBR 1000RR SP2 e Suzuki GSX-R 1000 Model Year 2017, al debutto ‘pubblico’ nella Terra del Sol Levante.

All Japan Road Racing Championship 2016
48th MFJ Grand Prix Suzuka
Classifica Prove Libere

01- Leon Haslam – Team Green – Kawasaki ZX-10R – 2’06.261
02- Katsuyuki Nakasuga – Yamaha Factory Racing Team – Yamaha YZF R1 – + 0.075
03- Takuya Tsuda – Yoshimura Suzuki Shell Advance – Suzuki GSX-R 1000 – + 0.623
04- Takumi Takahashi – MuSASHi RT HARC-PRO – Honda CBR 1000RR – + 0.878
05- Kazuki Watanabe – Team Green – Kawasaki ZX-10R – + 0.946
06- Kohta Nozane – Yamalube Racing Team – Yamaha YZF R1 – + 1.255
07- Tatsuya Yamaguchi – TOHO Racing – Honda CBR 1000RR – + 1.450
08- Yukio Kagayama – Team Kagayama – Suzuki GSX-R 1000 – + 2.178
09- Takuya Fujita – Yamalube Racing Team – Yamaha YZF R1 – + 2.247
10- Daisaku Sakai – Team Motorrad39 – BMNW S1000RR – + 2.485
11- Yoshihiro Konno – MotoMap Supply – Suzuki GSX-R 1000 – + 2.524
12- Shinichi Nakatomi – Hitmac RC Koshien – Yamaha YZF R1 – + 2.881
13- Kousuke Akiyoshi – au & Teluru Kohara RT – Honda CBR 1000RR – + 2.893
14- Yuuya Kondou – GBS Mochizuka Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 3.748
15- Yuki Takahashi – Moriwaki Racing – Honda CBR 1000RR – + 4.048

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy