Morte Nicky Hayden, la famiglia chiede sei milioni €

Morte Nicky Hayden, la famiglia chiede sei milioni €

Maxi risarcimento chiesto all’automobilista che ha investito l’ex iridato MotoGP

di Redazione Corsedimoto
PHILLIP ISLAND, AUSTRALIA - FEBRUARY 24: Nicky Hayden of USA and Red Bull Honda World Superbike team speaks in box during practice ahead of round one of the FIM World Superbike Championship at Phillip Island Grand Prix Circuit on February 24, 2017 in Phillip Island, Australia. (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

La famiglia di Nicky Hayden ha chiesto sei milioni € di risarcimento all’automobilista che il 22 maggio 2017 investì l’ex campione del Mondo della MotoGP che si stava allenando in bicicletta nei pressi del circuito di Misano.

Il Resto del Carlino riporta che la maxi richiesta è stata recapitata dalla famiglia del pilota americano ai legali del 31enne di Morciano di Romagna (Rimini) che era alla guida dell’auto. Il processo per omicidio stradale inizierà il 10 ottobre prossimo presso il tribunale di Rimini. Dalla ricostruzione dei fatti risulta che Hayden sulla sua bici da corsa non abbia dato la precedenza all’incrocio fra  vie Ca’ Raffaelli e Tavoleto, venendo investito dalla Peugeot che viaggiava a più dei 50 km/h previsti.

PERIZIE – Tre le perizie depositate: una della parte civile (la famiglia di Hayden), una della difesa e quella ordinata dalla Procura. Secondo quest’ultima l’auto al momento dell’impatto viaggiava a 72,8 km/h invece del limite dei 50 orari consentito in quel tratto. Stando alla ricostruzione del perito del Tribunale,  se l’automobilista  avesse viaggiato a 50 all’ora “sia continuando a velocità costante, sia reagendo e frenando, l’incidente sarebbe stato evitato“.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. MirkoM1 - 3 mesi fa

    Vogliono soldi, non giustizia! Figuraccia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. fabu - 3 mesi fa

    quindi alla fine, si tratta di vil denaro. l’importante é trarre profitto anche dalla morte di un figlio. assurdo, se l’auto fosse andata alla velocitá indicata da un cartello l’incidente non sarebbe successo. e se un ciclista avesse rispettato una volta tanto il codice della strada? ma chi é la parte lesa in questa vicenda?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy