Valentino Rossi

Valentino Rossi: “2020 anno cruciale: se non miglioriamo addio MotoGP”

Valentino Rossi pronto ad aprire un nuovo capitolo nelle corse automobilistiche: "Vorrei fare almeno un decennio. 2020 anno cruciale per il futuro".

14 dicembre 2019 - 7:12

Il mondo endurance delle quattro ruote si frega le mani: Valentino Rossi presto comparirà tra i protagonisti delle corse automobilistiche. Preannuncia la sua presenza alla 24 Ore di Le Mans, di Spa, del Nürburgring. La 12 Ore del Golfo è solo un antipasto di quel che sarà la nuova carriera del Dottore. Da sempre amante delle quattro ruote, era parso evidente già ai tempi dei test con la Ferrari. Un richiamo che lo stava spingendo a lasciare il Motomondiale per tentare l’avventura in Formula 1. Ma poi non ha voluto rischiare il grande cambio di categoria.

Nel corso degli anni Valentino Rossi non ha mai perso il contatto con le competizioni di auto. Per oltre un ventennio ha partecipato al Rally di Monza vincendo ben sette edizioni, l’ultima lo scorso anno. D’altronde papà Graziano l’ha sempre detto: suo figlio una volta appeso al chiodo il casco della MotoGP proseguirà con le corse automobilistiche. Ad Abu Dhabi, nel giorno delle qualifiche della 12 Ore del Golfo, arriva la conferma definitiva. Il campione di Tavullia ha intenzione di correre almeno un decennio sulle macchine da competizione.

2020 ANNO CRUCIALE PER IL DOTTORE

Solo pochi giorni fa si è cimentato con la Mercedes F1 di Lewis Hamilton a Valencia. Non solo una grande trovata pubblicitaria, ma un’esperienza che servirà da base portante per il futuro. “Se Bottas vuole posso dargli il mio posto al fianco di Viñales, ed io vado al suo posto con Hamilton, lo faccio volentieri. Rossi-Hamilton con la Mercedes e Bottas-Viñales con la Yamaha – ha scherzato Valentino Rossi nella conferenza stampa di Yas Marina -. Realisticamente parlando penso che per la F1 sia troppo tardi. Però l’altro giorno è stata una grande esperienza, un test vero, bello lavorare con Mercedes e il team di Hamilton. La F1 è un qualcosa di surreale. Sono andato piuttosto forte, però è un giorno“.

Quando inizierà questa nuova avventura del Dottore nell’endurance? La decisione verrà presa entro le prime gare del Mondiale MotoGP 2020. L’idea è proseguire per il biennio successivo, fino al 2022. Ma tutto dipenderà dai primi test e dai risultati delle prime gare in MotoGP. “L’anno prossimo è cruciale per decidere il mio futuro. Purtroppo dovrò decidere abbastanza presto se continuare o meno. Dipenderà tanto dai risultati, abbiamo fatto dei cambiamenti nella squadra. Vedremo se riusciremo ad essere più veloci di quest’anno – ha concluso Valentino Rossi -, altrimenti meglio chiudere qui“. Per il nove volte iridato inizierà una nuova avventura: il suo staff si prepara al cambio, Alessio Salucci lo affiancherebbe in pista. E sono già tanti i tifosi pronti a convertirsi all’endurance.

2 commenti

Max75BA
20:01, 14 dicembre 2019

…avrei voluto vedere Rossi gareggiare nel mondiale sbk…

lorenzoursan_14190819
17:28, 14 dicembre 2019

Magari!
Potrebbe nascere un sito ad hoc: “CorsediEndurance”.
Che io non seguirei….

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Mattia Casadei MotoE 2019

ESCLUSIVA Mattia Casadei: “Servirebbero più turni nei weekend MotoE”

Valentino Rossi

Valentino Rossi-Yamaha, c’è tanta fretta. Sumi: “Deve decidere presto”

MotoGP, Shinichi Sahara

MotoGP, Sahara: “Marc Marquez è umano e può sbagliare”