Sylvain Guintoli

Sylvain Guintoli, un’estate in Suzuki senza sosta

Sylvain Guintoli senza sosta con Suzuki: dopo la 8 Ore di Suzuka, il GP Brno, una serie di test IRTA e privati, sarà in pista a Silverstone al posto di Mir.

22 agosto 2019 - 15:06

Per Sylvain Guintoli è un’estate su di giri. Dopo la partecipazione alla 8 Ore di Suzuka, il GP e il test IRTA di Brno, i test Suzuki a Brno, il test al KymiRing lunedì e martedì, questo fine settimana a Silverstone sostituirà Joan Mir. Di seguito un’intervista esclusiva di Philippe Debarle su Paddock-GP.

Sylvain, come è stata la tua scoperta del KymiRing?

Scoprire un nuovo circuito è sempre interessante perché di solito torniamo sempre sulle stesse piste. Mi è piaciuto scoprire un nuovo paese perché non conoscevo la Finlandia. Ero spesso a Helsinki, ma di passaggio, non ero mai stato in Finlandia. È stato bello passare qualche giorno lì, a vedere questo paese dove ci sono molte foreste e laghi. È bellissimo e mi piace. Mi piace la vita all’aria aperta, che ha reso questa esperienza piacevole. Il circuito è l’immagine del paese: c’è molto spazio, è nel mezzo della foresta a circa un’ora e mezza da Helsinki. Non è ancora finito, c’è ancora del lavoro, ma nel complesso è stata un’ottima esperienza. Abbiamo trascorso due giorni, uno sotto la pioggia e uno sull’asciutto. La scoperta di questo circuito è stata interessante perché ha poco in comune con gli altri tracciati, ha davvero un suo carattere.

Ti piace il layout del circuito finlandese?

È un circuito a due facce: la prima parte è molto veloce. La prima curva è veloce, seguita da una sequenza che termina con una curva stretta che precede il lungo rettilineo di 1200 metri. È quindi molto tortuoso e collinare. Il modo in cui è scollina è interessante. Questo circuito è ben fatto e molto tecnico e sarà un circuito molto fisico.

Cosa ne pensi dell’asfalto su asciutto e bagnato?

Non è una domanda facile perché quando c’è un nuovo rivestimento serve tempo per trovare la condizione ideale. Ma nel complesso è andato tutto bene. Alla fine della giornata, la pista era pulita. Il rivestimento si evolverà inevitabilmente in positivo nel primo anno di funzionamento. Deve essere solo gommato.

Dopo questo periodo di intensa attività, sarai finalmente in grado di fare una vacanza?

“Ho lasciato mia moglie per tutta l’estate con i nostri cinque figli in vacanza (ride). Ma è vero che nelle nostre attività a volte si è molto impegnati in un certo periodo dell’anno, mentre altre volte è più rilassato. Vedremo dopo Silverstone , ma l’anno non è ancora finito. Ho ancora dei test a Motegi, una wild card in Giappone, poi ci saranno test a Jerez, quindi c’è ancora del lavoro.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi ci scherza su: “Servono sette evoluzioni di motore”

MotoGP, Johann Zarco

MotoGP, Dovizioso e Miller danno il benvenuto a Zarco

fenati test privati jerez

Moto2-Moto3: La pioggia pone fine ai test a Jerez