Reale Avintia Racing: obiettivo team ufficiale nel 2021

Reale Avintia Racing ha presentato moto e piloti per il 2019, con un obiettivo dichiarato: diventare team ufficiale entro il 2021.

10 marzo 2019 - 5:00

Reale Avintia Racing punta ad avere moto ufficiali nella categoria MotoGP entro un paio di stagioni. Nel corso della presentazione della squadra, svolta durante questo primo fine settimana di gare, è stato espresso l’obiettivo di quello che è ormai l’unico team privato rimasto nella categoria regina. I piloti per il 2019 li conosciamo: Tito Rabat e Karel Abraham con le Desmosedici GP 2018, Vicente Pérez con la KTM in Moto3.

Al centro della foto ufficiale troviamo Raúl Romero, uno dei fondatori della squadra, l’allora BQR (By Queroseno Racing), nel 1994. Un percorso lungo per il team, che nel 2001 approda in 125cc fino ad arrivare nel 2012 in MotoGP, nel periodo in cui era partito “l’esperimento CRT” (durato solo due stagioni). A metà 2015 poi ecco l’accordo con Ducati, un salto di qualità importante, anche se rimane tutt’ora un passo indietro rispetto ad altri legami tra team ufficiali e satellite.

Ne abbiamo svariati esempi: Pramac Racing per Ducati, Red Bull KTM Tech 3 per la squadra austriaca, Petronas SRT per Yamaha, LCR Honda per HRC. Si tratta infatti di team satellite, ma tutti possono essere considerate squadre ‘semiufficiali’ visto il materiale che ricevono dalle strutture ufficiali. Reale Avintia Racing rimane l’unico team completamente privato, un investimento non indifferente che non sarebbe possibile senza due grandi sponsor (si parla di cifre attorno ai 12 milioni all’anno).

Si può capire quindi come la struttura andorrana cerchi di compiere un ulteriore passo avanti. “Vogliamo essere un team ufficiale nel 2021” ha dichiarato Raúl Romero. L’obiettivo è raggiungere un accordo con le uniche due squadre con solo due moto in griglia, Suzuki e Aprilia. Mentre la casa di Noale non sembra particolarmente interessata, la squadra di Hamamatsu sta considerando l’idea. Davide Brivio starebbe spingendo in questa direzione, convinto che sia un’ulteriore occasione di crescita.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Graziano Rossi: “Vorrei vedere Valentino correre per sempre”

MotoGP: Ducati che ancora non svolta e il sogno Marc Marquez

MotoGP: Dal 19 al 20 agosto si prova al KymiRing