Clinica Mobile: il Dottor Costa cede il testimone a Michele Zasa

Inizia oggi l'era di Michele Zasa e Guido Dalla Rosa Prati

17 marzo 2014 - 17:10

Il Dottor Claudio Costa ha ceduto al Dottor Michele Zasa e al CEO del “Centro Diagnostico Europeo – Poliambulatorio Dalla Rosa Prati”, Guido Dalla Rosa Prati, la guida della Clinica Mobile. Il passaggio di consegne è avvenuto oggi nel corso di una conferenza stampa nella quale sono stati ripercorse le tappe principali dei 37 anni di collaborazione tra la struttura fondata dal Dottor Costa ed il Motomondiale. L’uomo che più di ogni altro ha rappresentato la Clinica Mobile affida la sua creatura al Dottor Michele Zasa che ricoprirà il ruolo di intervento diretto sui campi di gara e al Dottor Guido Dalla Rosa Prati che coordinerà la nuova divisione specialistica e curerà la sviluppo della struttura. “Mio padre“, ha dichiarato un commosso Dottor Claudio Costa, “mi ha regalato un sogno e questo sogno è diventato storia. Quando un maestro diventa vecchio ha tre possibilità: o non lascia nessun erede e la sua storia finisce con lui; oppure continua fino a quando anche i suoi allievi sono diventati troppo vecchi per continuare; oppure si trova un erede che abbia la sua stessa età di quando ha iniziato. Ho scelto Michele Zasa, oltre che per le sue indubbie qualità di medico, perché ha la stessa età di quando ho iniziato

Non sono il nuovo Dottor Costa“, ha sottolineato il Dottor Michele Zasa, “ma cercherò di portare avanti al meglio questa sua creatura“. In merito al personale impiegato in pista ha aggiunto: “Sui circuiti europei la Clinica Mobile potrà contare su 6 fisioterapisti e su 2 medici, un rianimatore ed un ortopedico“. Guido Dalla Rosa Prati, CEO e fondatore del Poliambulatorio omonimo ha dichiarato: “La Clinica Mobile potrà contare sulle tecnologie d’avanguardia e sugli specialisti del nostro centro diagnostico che, senza falsa modestia, ha ben pochi eguali. Una nuova eccellenza per Parma che esporteremo in tutto il mondo“.

Presenti alla cerimonia anche diversi piloti accuditi dal Dottor Costa tra i quali Andrea Iannone, pilota Ducati MotoGP; Chiara Fontanesi, campionessa del Mondo di Motocross e Michele Rinaldi già campione del Mondo di Motocross. Immancabile la presenza di Alex Zanardi. Il pilota bolognese medaglia d’oro alle Paraolimpiadi di Londra ha dichiarato: “Anche se è vero che tutti siamo importanti ma che nessuno è indispensabile, questo per il Dottor Costa non vale. Michele Zasa raccoglie un testimone non facile ma se Claudio, che è un uomo intelligente, ha scelto lui e Guido Dalla Rosa Prati vuol dire che si sente tranquillo“. Christian Tarragoni

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jorge Lorenzo

Jorge Lorenzo sopravvive a Silverstone: “Pensavo di arrivare ultimo”

Valentino Rossi

Valentino Rossi chiede il forcellone in carbonio: “Misano test importante”

Andrea Dovizioso

Andrea Dovizioso lascia l’ospedale: la Tac esclude danni