Superbike Imola: Jonathan Rea che doppietta, è più forte di tutto

Il fuoriclasse Kawasaki abbatte le speranze Ducati scattando dalla terza fila. Raggiunto Carl Fogarty: 59 vittorie a testa

13 maggio 2018 - 11:35

Jonathan Rea è un marziano, batte non solo gli avversari ma anche le regole un pò folli del Mondiale Superbike. Stavolta ha affondato le speranze Ducati pur partendo con due file di svantaggio: il campionissimo Kawasaki in terza, il rivale Chaz Davies catapultato in pole come “regalo” per il quarto posto in gara 1. Una rimonta portentosa,  e poi due tentativi di sorpasso andati a vuoto su un  Chaz Davies poco arrendevole: il primo al Tamburello e l’altro alla Tosa. In entrambe le occasioni il ducatista è riuscito a incrociare la linea e salvare il primato. Ma niente ha potuto al 14° passaggio dalla Variante Alta: Rea ha puntato l’intero, ha messo il muso della verdona davanti e la bollente sfida è finita lì. (La fotosequenza della scivolata di Lorenzo Savadori alla Rivazza)

PRIMATISTA – Con la 17° doppietta della carriera Jonathan Rea eguaglia il primato assoluto di vittorie di Carl Fogarty: 59 a testa. Il sorpasso è questione di tempo, anzi di..giorni. Dopo sei round anche il Mondiale 2018 sembra indirizzato: +47 punti su Chaz Davies, ovvero quasi un round intero sui sette che restano. Il quarto alloro iridato, tanti quanti ne ha firmati Foggy negli anni ’90, ad oggi pare inattaccabile.

STRATEGIA – Il più forte piloti dei tempi moderni Superbike aveva studiato ogni mossa nel dettaglio. Sapeva di essere velocissimo, specie nei primi giri, e che sarebbe stato fondamentale non perdere troppo in partenza. Così, pochi attimi prima del via, il suo capotecnico Pere Riba è andato a parlare con Leon Haslam, wild card Kawasaki una fila davanti, perchè gli facesse un pò di spazio dove infilarsi. Piano che ha funzionato a metà, perchè alla prima curva il numero uno aveva solo mantenuto la posizione, senza guadagnarne. Ma da lì in avanti si è avventato sul gruppo passando gli avversari come birilli. Al quarto dei 19 giri era già alle calcagna di Chaz Davies, disturbato nelle battute iniziali dal baby Michael Rinaldi, per la prima volta al comando ma poi retrocesso (come sabato) al settimo posto. Il duello con il gallese è stato molto intenso, spettacolare: ma ormai tutti sanno come finisce quando c’è di mezzo il Cannibale…

MELANDRI TRAVOLTO – Giornata molto in grigio per la Ducati che oltre a mancare il successo sulla pista di casa ha perso per strada Marco Melandri, travolto alla Rivazza dall’olandese Michael van der Mark. Il pilota Yamaha è andato nel box a porgere le scuse “ma mi importa il giusto, ormai la gara era andata” ha commentato un delusissimo Marco, che perde anche il terzo posto nel Mondiale adesso nelle mani di Tom Sykes, terzo al traguardo.  Lo scudiero Kawasaki ha 72 punti in meno di Rea: la ZX-10R è una buona moto, ma non vince da sola.

Foto: Marco Lanfranchi

9 commenti

l.zecchin_417
4:05, 14 maggio 2018

Ciao Paolo. ora la cosa si fa’ veramente complessa … l’unica cosa da fare era togliere le strozzature alle bicilindriche e livellare. invece
prima i limitatori di giri regola assurda che purtroppo penalizza piu’ i piloti stop and go che non quelli di percorenza come Melandri o Rea
poi involontariamente la Pirelli con il /65 altro vantaggio alla percorenza
Davies manco lo usa per ovvie ragioni rende la moto piu’ pesante…
di fatto mondiale finito e pensare che con altri valori poteva essere terreno di conquista Ducati vedi il record che a tutt’ora appartiene a Davies 2014… mha vedremo il prossimo con la V4 ma con i limitatori la vedo dura anche con quella. poi che dire tutte le altre formazioni hanno moto inferiori elettronica inferiore e piloti inferiori….
se avessero aperto ai 1300 twin liberi sarebbe entrata KTM ufficiale con sponsor RedBull almeno erano tre le case che spendevano e sinceramnte altre due moto competitive non facevano cerco schifo. anzi

marcogurrier_911
1:05, 14 maggio 2018

Dott Gozzi buongiorno,
Ho visto due belle gare a Imola….rimango però sconcertato quando rivedo il commento tv, a questo punto spero Mediaset interrompi, perché non si può parlare per venti minuti di “che cosa ha fatto la Kawasaki”
Inoltre, soliti sorpassi non visti/commentati, e zero analisi su aspetti più che rilevanti e prezioso quale quinto posto di torres in Mv ((!!!!!) la brutta farà di Honda e gagne, savadori sotto tono soprattutto se comparato col bel campionato fatto due anni fa.
Cosa ne pensa?

marcogurrier_911
1:05, 14 maggio 2018

E ancora:
-come da Voi riportato L impasse manageriale di Ducati c è anche in Sbk. La situazione con laV4 quale potrebbe essere?
– ho paura di una involuzione come purtroppo spesso è accaduto in carriera del forte melandri; a 35 anni quale può essere uno scenario sostenibile per lui? Credo che il quarto posto in generale non rispecchi il suo talento
– visto che le selle sono poche, è possibile un travaso “al contrario”, e cioè di un pilota dalla GP alla SBK?
Grazie molte

POTRESTI ESSERTI PERSO:

SBK Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea: “Lotteremo ancora per il Mondiale”

Marco Melandri

Marco Melandri precisa: “Sull’autocontagio ero ironico, sono dentro un uragano”

marco melandri

L’opinione di Marco Melandri: “Vietare lo sport ai giovani è un crimine”