Superbike Imola Gara: vince Checa, sbagliano Haslam e Biaggi

Haslam termina quinto, Biaggi perde 6 punti ed è 11°

26 settembre 2010 - 9:10

Gara 1 al cardiopalma quella che si è appena disputata sul circuito di Imola per il penultimo round della stagione 2010 della Superbike. E’ successo l’impensabile, con un Max Biaggi sotto pressione e in grave difficoltà che ha terminato in undicesima posizione. Dall’altro lato della lotta per il titolo Leon Haslam (Suzuki Alstare) ha condotto una gara “tutta cuore”, vanificando gli sforzi all’ultimo giro nel tentativo di sopravanzare il rivale per il successo di manche Carlos Checa all’ingresso della “Rivazza” andando largo e finendo nella ghiaia, concludendo quinto.

Il pilota di Derby aveva compiuto un’ottima partenza, restando sempre nelle posizioni di testa. Già nel corso dell’ottava tornata era stato protagonista di un’uscita di pista in entrata alla “Tamburello”, mentre era incollato all’allora leader di gara Tom Sykes (Kawasaki Racing Team). Grazie ad un Carlos Checa (Ducati Althea Racing) in ottima forma,  “Pocket Rocket” è riuscito a recuperare il gap perso a causa dell’escursione, mettendosi in mostra per tutto il coraggio e talento che ha a disposizione.

Gara completamente diversa invece per Max Biaggi (Aprilia Alitalia). Se ad inizio gara si poteva pensare ad un suo tentativo di controllare la situazione, con il romano che navigava abbastanza tranquillo in sesta posizione, al terzo giro il pilota romano è stato protagonista di una… quasi caduta molto pericolosa alla “Villeneuve” che lo ha fatto scendere fino alla tredicesima posizione.

Di lì in poi, il “Corsaro” non è stato in grado di reagire, compiendo diversi altri errori e costretto ad un lungo al passaggio numero otto a causa di un’entrata subita dal connazionale Luca Scassa (Ducati Supersonic Racing), con i due finiti sulla ghiaia della “Rivazza”. Il 4 volte campione della 250 terminerà undicesimo, conservando grazie a tutte queste vicissitudini in pista un vantaggio di 52 punti su Haslam, con 75 ancora da assegnare. La vittoria è andata così a Carlos Checa, forse il più meritevole di vittoria in questo week-end e sicuramente il più competitivo fino ad ora. Il pilota di Barcellona ha dovuto compiere una bella rimonta visto la non certa posizione di partenza agevole (nono in griglia), ma la sua costanza di rendimento ha pagato al termine.

Dal fronte dei piloti italiani c’è la splendida notizia del secondo posto di Lorenzo Lanzi (Ducati DFX Corse), autore di una gara incredibile che lo ha portato anche in testa alla corsa per diversi giri. Un giallo pesa però sul pilota romagnolo: nel corso del quarto giro infatti l’ex pilota ufficiale Ducati ha compiuto un taglio evidente di curva, non cedendo successivamente la posizione a Jakub Smrz (Aprilia Pata B&G). Il fatto è stato messo sotto la lente della commissione gara, ma nessun provvedimento è stato preso contro il pilota italiano.

Completa il podio “tutto Ducati” il giapponese Noriyuki Haga, protagonista di una seconda parte di corsa davvero di alto livello. “Nitronori” ha preceduto alla bandiera a scacchi Jakub Smrz, Leon Haslam, l’inglese Tom Sykes (Kawasaki Racing Team), autore di una manche davvero di alto livello specialmente nella prima metà della stessa, Michel Fabrizio (Ducati Xerox), e i due inglesi Shane Byrne (Ducati Althea) e Cal Crutchlow (Yamaha Sterilgarda). Ennesima prova sfortunata per James Toseland, vittima di un problema tecnico alla YZF-R1 ufficiale del team Yamaha Sterilgarda nel corso dell’ottava tornata, mentre occupava la sesta posizione.

HANNspree Superbike World Championship 2010
Imola, Classifica Gara 1

01- Carlos Checa – Althea Racing – Ducati 1198 – 21 giri in 38’27.631
02- Lorenzo Lanzi – DFX Corse – Ducati 1198 – + 1.171
03- Noriyuki Haga – Ducati Xerox Team – Ducati 1198 – + 1.472
04- Jakub Smrz – Team Pata B&G Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 6.691
05- Leon Haslam – Team Suzuki Alstare – Suzuki GSX-R 1000 – + 9.584
06- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX 10R – + 10.979
07- Michel Fabrizio – Ducati Xerox Team – Ducati 1198 – + 15.023
08- Shane Byrne – Althea Racing – Ducati 1198 – + 15.913
09- Sylvain Guintoli – Team Suzuki Alstare – Suzuki GSX-R 1000 – + 17.025
10- Cal Crutchlow – Yamaha Sterilgarda Team – Yamaha YZF R1 – + 20.795
11- Max Biaggi – Aprilia Alitalia Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 21.243
12- Ruben Xaus – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – + 25.860
13- Luca Scassa – Supersonic Racing Team – Ducati 1198 – + 31.551
14- Max Neukirchner – HANNspree Ten Kate Honda – Honda CBR 1000RR – + 31.689
15- Troy Corser – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – + 44.349
16- Federico Sandi – Gabrielli Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 58.693
17- Ian Lowry – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX 10R – + 1’10.388
18- Matteo Baiocco – Team Pedercini – Kawasaki ZX 10R – + 1’13.648
19- Fabrizio Lai – ECHO CRS Honda – Honda CBR 1000RR – + 1’15.939

Valerio Piccini

Servizio Fotografico: Diego De Col

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea: “Serve una nuova moto, la caduta è colpa mia”

Supersport Cluzel

Supersport, prove Argentina: Cluzel è impressionante, Gonzalez insegue

Superbike, Toprak

Superbike Argentina Prove 2: Super Toprak, adesso chi lo prende?