Supersport Portimao Prove 3: conferma di van der Mark

Leader nel corso delle FP3, a terra Kenan Sofuoglu

5 luglio 2014 - 8:47

Conclusiva sessione di prove libere pre-qualifiche del Mondiale Supersport all’Autódromo Internacional do Algarve di Portimão con tre differenti case costruttrici (Honda, Kawasaki, MV Agusta) rappresentate nelle prime tre posizioni, ma con due piloti a far l’andatura. Michael van der Mark, capoclassifica di campionato e reduce da un sensazionale ruolino di marcia con tre vittorie e due secondi posti nelle ultime cinque gare, ha condotto la Honda CBR 600RR #60 Ten Kate iscritta dal Pata Honda World Supersport Team davanti a tutti grazie al riferimento cronometrico di 1’45″659, sufficiente per distanziare di 8/100 il tri-Campione del Mondo Kenan Sofuoglu.

A lungo al comando della graduatoria, nella parte conclusiva della sessione il funambolico pilota turco è incappato in una scivolata alla curva 10 demolendo la propria Kawasaki Ninja ZX-6R, mostrandosi anche dolorante per la botta subita. Impossibilitato a risalire in sella (ma per le qualifiche in programma alle 15:55 locali, le 16:55 italiane, ci sarà), Sofuoglu ha concluso con il secondo tempo a precedere il vincitore di Misano Jules Cluzel, terzo con la MV Agusta F3 675 ufficialmente schierata da MV Agusta Reparto Corse con, a seguire, Jack Kennedy (PTR Honda) e Kev Coghlan (DMC Yamaha).

Per quanto concerne i nostri portabandiera, il pluri-Campione italiano Massimo Roccoli è ottimo sesto assoluto in questa sua seconda esperienza da alfiere MV Agusta Reparto Corse ritrovandosi davanti agli altrettanto convincenti Raffaele De Rosa (7° su PTR Honda), Lorenzo Zanetti (8°, Pata Honda Ten Kate) e Marco Bussolotti, in piena top-10 con la Honda CBR 600RR #24 del Team Lorini. A seguire Roberto Tamburini (Kawasaki Ninja ZX-6R del San Carlo Puccetti Racing) risale di qualche posizione portando a termine le FP3 con il tredicesimo crono, meglio rispetto a Roberto Rolfo (14°), Luca Marconi (15°), Alex Baldolini (17°, terza wild card stagionale con la MV del proprio ATK Racing), Christian Gamarino (20°) con Alessandro Nocco 22°.

Supersport World Championship 2014
Autódromo Internacional do Algarve, Classifica Prove Libere 3

01- Michael van der Mark – Pata Honda World Supersport Team – Honda CBR 600RR – 1’45.659
02- Kenan Sofuoglu – MAHI Racing Team India – Kawasaki ZX-6R – + 0.080
03- Jules Cluzel – MV Agusta Reparto Corse – MV Agusta F3 675 – + 0.577
04- Jack Kennedy – CIA Insurance Honda – Honda CBR 600RR – + 0.614
05- Kev Coghlan – DMC Panavto Yamaha – Yamaha YZF R6 – + 0.681
06- Massimo Roccoli – MV Agusta Reparto Corse – MV Agusta F3 675 – + 0.741
07- Raffaele De Rosa – CIA Insurance Honda – Honda CBR 600RR – + 0.816
08- Lorenzo Zanetti – Pata Honda World Supersport Team – Honda CBR 600RR – + 0.818
09- Marco Bussolotti – Team Lorini – Honda CBR 600RR – + 0.884
10- PJ Jacobsen – Kawasaki Intermoto Ponyexpres – Kawasaki ZX-6R – + 0.915
11- Ratthapark Wilairot – Core PTR Honda – Honda CBR 600RR – + 1.086
12- Florian Marino – Kawasaki Intermoto Ponyexpres – Kawasaki ZX-6R – + 1.472
13- Roberto Tamburini – San Carlo Puccetti Racing – Kawasaki ZX-6R – + 1.490
14- Roberto Rolfo – Team Go Eleven – Kawasaki ZX-6R – + 1.624
15- Luca Marconi – Team Lorini – Honda CBR 600RR – + 1.806
16- Valentin Debise – Com Plus SMS Racing – Honda CBR 600RR – + 1.857
17- Alex Baldolini – ATK Racing – MV Agusta F3 675 – + 1.858
18- Tony Covena – Kawasaki Intermoto Ponyexpres – Kawasaki ZX-6R – + 1.976
19- Fabio Menghi – VFT Racing – Yamaha YZF R6 – + 2.422
20- Christian Gamarino – Team Go Eleven – Kawasaki ZX-6R – + 2.705
21- Nacho Calero Perez – CIA Insurance Honda – Honda CBR 600RR – + 2.968
22- Alessandro Nocco – San Carlo Puccetti Racing – Kawasaki ZX-6R – + 2.995
23- Alexey Ivanov – DMC Panavto Yamaha – Yamaha YZF R6 – + 4.006

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

can oncu supersport

Nuove sfide: Dalla Moto3, Can Öncü approda in World Supersport

Toprak, Yamaha

Andrea Dosoli: “Visto? Toprak è già veloce anche con Yamaha”

Lucas Mahias

Lucas Mahias, il debutto in MotoE gli costa un dito mignolo