MotoGP, Valentino Rossi: “40 anni cominciano ad essere molti”

Valentino Rossi è consapevole che Yamaha non potrà colmare il gap da Honda e Ducati nei test di Sepang. E ammette: "40 anni iniziano ad essere molti".

4 febbraio 2019 - 15:00

Valentino Rossi è atterrato a Jakarta per la presentazione della nuova M1, in una cerimonia super seguita in tutto il mondo. Grande l’attesa per conoscere la livrea Yamaha dettata dal nuovo sponsor Monster, ma maggiore è la curiosità di vederla in pista. La prima occasione sarà mercoledì a Sepang, per la prima giornata di test MotoGP, dove si saggeranno le novità frutto del lavoro invernale da parte dei tecnici di Iwata.

MotoGP, Yamaha e il problema gomme

Serve un deciso step in avanti per iniziare bene la stagione 2019, a cominciare dal mix motore-elettronica. Il primo obiettivo è guadagnare in accelerazione e risolvere il problema dello spinning, che tante gare ha dissanguato l’anno scorso. “Dopodomani cominciano i test, arriviamo dopo una stagione difficile, rispetto al 2018 ci aspettiamo molto di più. L’obiettivo di questa stagione è essere più competitivi e cercare di lottare per vincere – ha detto Valentino Rossi a Sky Sport -. Abbiamo parlato a lungo con gli ingegneri giapponesi che hanno lavorato questo inverno, la chiave sono sempre le gomme, bisogna cercare di fare una moto che consumi meno le gomme, le faccia lavorare bene. Qui abbiamo sofferto nell’ultimo periodo. Ci saranno tante cose da provare, tanti piloti su moto diverse, tanti team nuovi, sarà molto emozionante vedere iniziare questi test“.

Sarà forse l’ultimo biennio del Dottore in MotoGP? Sarà il tempo a dirlo e, soprattutto, i risultati. Un’altra stagione in apnea potrebbe mettere la parola fine sul futuro del pesarese. Colmare il divario tecnico dalla RC213V e dalla Desmosedici non sarà facile sul breve-medio termine. “Nella seconda parte dell’anno scorso abbiamo sofferto un po’ rispetto alla Ducati e alla Honda. Non mi aspetto in questo test di vedere recuperato tutto il gap, ma sarà importante capire se siamo riusciti a recuperare un po’, per vedere se stiamo lavorando nella direzione giusta“. Il 16 febbraio Valentino Rossi festeggerà il suo 40° compleanno, il peso degli anni comincia a farsi sentire contro avversari ambiziosi, agguerriti e soprattutto più giovani: “40 anni cominciano ad essere molti, ma penso che in futuro anche altri piloti correranno più a lungo. Bisogna impegnarsi molto, allenarsi, fare tutto il possibile, non lasciare niente al caso… Si va a dormire presto (ride, ndr)”.

Scommetti con Johnnybet

Ricambi moto 4moto.it

Biglietteria per tutti gli eventi motoristici, F1 inclusa

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Max Biaggi assolto dall’accusa di evasione fiscale

Moto2, Alex Márquez: “Questa è una vittoria di squadra”

Pol Espargaró esalta KTM e attacca: “Petrucci supera senza rispetto”