MotoGP, Oscar Haro: “Lorenzo bloccato dall’elettronica”

Oscaro Haro, direttore sportivo della LCR Honda, svela la natura del problema che ha costretto Jorge Lorenzo al ritiro. E su Rossi: "2° perché era stanco".

19 aprile 2019 - 23:09

Oscar Haro, direttore sportivo del Team LCR Honda, svela il probabile motivo che ha costretto Jorge Lorenzo al ritiro: l’elettronica. Sebbene ad Austin la RC213V abbia mostrato qualche segno di inaffidabilità, l’ingegnere spagnolo della HRC assicura che tutto è setto controllo.

Nel corso delle qualifiche al COTA il maiorchino è stato costretto improvvisamente a parcheggiare la sua moto per un problema alla catena. Un episodio simile a quello accorso a Marc Márquez  durante il week-end in Argentina, ma di natura ben diversa da quanto accaduto in gara a Jorge Lorenzo. “In Honda la priorità assoluta è l’affidabilità della moto, anche al di sopra di un campionato – ha spiegato Oscar Haro a Motociclismo.es -. Ciò che interessa di più è che non si rompa, che metta fine alle gare, perché quell’affidabilità è ciò che vuole trasmettere ai suoi clienti. Non appena c’è un problema minimo, tutto si ferma, i motori sono tolti, l’elettronica è controllata, tutto è controllato, perché è la loro priorità. Sul problema della catena ci sta lavorando, ma il problema di Jorge era l’elettronica, che è più vaga della meccanica. Non penso che la Honda sia in un momento di problemi, ma ci sono stati due fattori e dobbiamo lavorarci sopra“.

Austin week-end da dimenticare per Honda

Su un circuito dove la Honda era strafavorita i tre piloti con moto ufficiale hanno chiuso anzitempo la gara. Ad Austin HRC ha vissuto uno dei peggiori week-end della storia. La pole di Marc Marquez è sicuramente l’ennesima prova di forza, ma non rilascia punti. “In situazioni così critiche, il telaio Yamaha o Suzuki funziona un po’ meglio di quello di Honda… Il circuito era talmente messo male che non appena uscivi dalla linea e premevi sui freni frettolosamente si va a terra. Ed è quello che è successo a Marc Márquez e Cal Crutchlow“.

A beneficiare maggiormente della caduta del Cabroncito Alex Rins, alla sua prima vittoria in MotoGP dopo averla strappata a Valentino Rossi. “Penso che non abbia battuto Alex perché era stanco – ha aggiunto Oscar Haro -. Era molto forte nel mezzo della gara, ma alla fine, quando Alex ha spinto di più, non è riuscito a seguirlo. Ha commesso due errori dovuti alla mancanza di concentrazione dovuta all’affaticamento, stiamo parlando di uno zio di 40 anni“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Jorge Lorenzo ‘go on’: sedile standard e nuovo ‘Aero-pack’

Moto2/3, le novità nei test privati a Barcellona

MotoGP, Paolo Ciabatti: “Miller o Petrucci? Decideremo in Catalunya”