MotoGP, Lin Jarvis: “Yamaha deve ampliare il test team”

Lin Jarvis annuncia che non sono previste wild card per Jonas Folger: "Il test team Yamaha dovrà prima essere ampliato".

18 febbraio 2019 - 15:52

Jonas Folger, nuovo collaudatore Yamaha, ha lasciato Sepang con un po’ di amaro in bocca. Non ha potuto eseguire un paio di giri veloci, focalizzando l’attenzione esclusivamente su aggiornamenti per la YZR-M1. Al pilota tedesco il compito di provare alcune specifiche di elettronica e un nuovo sistema blipper per un cambio senza interruzioni. Ad oggi non sono previste wild card, almeno fino a quando non verrà ampliato il test team di Iwata.

Nessuna wild card per il collaudatore

Il prossimo test con Jonas Folger è previsto per aprile, probabilmente sul circuito del Mugello (in alternativa a Misano). In Malesia ha girato con 3″ di gap dalle Ducati in vetta. Alla fine nel box Yamaha hanno deciso di offrirgli un setting più adatto al suo stile di guida, ma il suo compito è risparmiare del lavoro a Valentino Rossi e Maverick Vinales, soprattutto a stagione in corso. “Sappiamo che Jonas probabilmente ha il potenziale per guidare più velocemente. Ma la sua missione a Sepang non è stata quella di fare giri veloci. Il suo compito era fare molti giri, darci feedback e provare nuove parti“, ha sintetizzato Lin Jarvis a Speedweek.com. Nessuna uscita in gara è stata prevista, nelle condizioni attuali sarà difficile rivederlo in un GP. “Dobbiamo cambiare molto per poter partecipare alla gara, l’obiettivo non è questo. Se scopriremo più avanti che le cose stanno andando bene, e che potrebbe aiutare il nostro programma, allora ci penseremo“.

Esami in vista anche per Folger

Il team di collaudatori è stato realizzato per costruire un ponte tra il Giappone e l’Europa, oltre a risparmiare lavoro ai piloti ufficiali. Nel Mondiale 2018 troppo tempo è stato sprecato per testare materiali nuovi che si sono poi rivelati inutili. Bisognerà anche vedere se Jonas Folger saprà adattarsi a questo nuovo ruolo di secondo piano e se il suo lavoro riuscirà a portare frutti. “Vedremo in futuro quanto sarà importante il test team. Dobbiamo anche aspettare e vedere come Jonas va avanti in queste vesti. È un nuovo scenario per lui. Era un pilota da corsa, poi si è fermato. Ora è tornato da collaudatore – ha concluso Lin Jarvis -. È qualcosa che gli piace? O non gli piace? Quali sono i suoi sentimenti? È troppo presto per giudicare, sia per lui che per noi. Ma siamo felici con lui. E siamo lieti di aver iniziato questo nuovo progetto“.

Scommetti con Johnnybet

Ricambi moto 4moto.it

Biglietteria per tutti gli eventi motoristici, F1 inclusa

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Moto3: Albert Arenas tornerà in azione a Jerez

La sfida di NTS, il piccolo costruttore giapponese in Moto2

MotoGP, Dovizioso: “Non seguirò le orme di Valentino Rossi”