Mike Leitner: “Speriamo di riavere Pedrosa in un paio di mesi”

Mike Leitner parla del recupero di Dani Pedrosa e della fiducia riposta in lui. "Ha già vissuto queste situazioni, sa come affrontarle."

24 febbraio 2019 - 15:58

L’impegno attorno al progetto KTM in MotoGP è davvero massimo, ma si attende in particolare il ritorno in azione di Dani Pedrosa. Sul neo tester della casa austriaca sono riposte molte speranze, anche se a causa dell’infortunio bisognerà attendere ancora prima di vedere il fantino di Sabadell con i colori KTM. Dal canto suo, Pedrosa sta lavorando per tornare in forma il più presto possibile, desideroso di essere così di aiuto alla struttura di Mattinghofen.

Leitner: “Pedrosa può fornirci informazioni importanti”

“L’operazione è andata bene, ho parlato con lui al telefono subito dopo” ha dichiarato Mike Leitner, Team Manager KTM, a motogp.com. “Ora è solo questione di tempo. Speriamo che in circa due mesi sia di nuovo in forma, ma non sono un dottore. Abbiamo grandi progetti assieme a lui, ma vedremo quando sarà pronto per tornare in sella.” Leitner conosce bene i problemi fisici di Pedrosa, avendo lavorato a lungo al suo fianco in passato: “Ha già dovuto affrontare questo tipo di situazioni e ormai conosce il modo in cui prepararsi per tornare al top della condizione.” Ma si pensa già al futuro: “Abbiamo parlato con Dani del migliore approccio possibile per questo lavoro. Per anni ho lavorato accanto a lui e conosco il suo talento. A lungo è stato tra i migliori della categoria e può fornirci informazioni importanti. Dani è un pilota molto preciso e meticoloso, la partnership con KTM è sicuramente un’ottima notizia.”

Risse: “Puntiamo sulla sua esperienza”

Sulla stessa lunghezza d’onda Sebastian Risse, Direttore Tecnico Red Bull KTM Factory, che parla di grande impegno, senza nascondere la fiducia riposta nell’esperienza del pilota catalano.  “Dobbiamo riuscire a realizzare assieme a Pedrosa una moto che si adatti non solo a lui, ma a tutti i piloti” ha dichiarato. “Si tratta di un lavoro impegnativo per tutti. Dani è un pilota che guarda molto i dettagli e dobbiamo cercare di farlo sentire fin da subito a suo agio. Ha grande esperienza e siamo lieti di poterne usufruire, anche se purtroppo dovremo aspettare un po’. Gli auguriamo di rimettersi presto in modo da riaverlo in azione il più velocemente possibile.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MotoGP: Danilo Petrucci lavora sull’ergonomia, ma la sella ‘scotta’

Valentino Rossi e il segreto del ‘Risorgimento Yamaha’

MotoGP, Fabio Quartararo festeggia 20 anni come miglior rookie