MotoGP, Cal Crutchlow: “Marc Marquez, chiamatelo il gatto”

Cal Crutchlow sottolinea come Marc Marquez sia un talento anche nelle cadute: "Lui cade sempre in piedi".

26 gennaio 2019 - 15:02

Tre vittorie e cinque podi nelle ultime tre stagioni per Cal Crutchlow, un buon feeling con la RC213V e il team LCR Honda di Lucio Cecchinello. Nonostante qualche malumore per i ritardi nell’adozione del forcellone in carbonio, il britannico è pienamente soddisfatto di essere in orbita Honda e adesso toccherà a lui farsi spazio costantemente nel gruppo di testa. La stagione 2018 ha regalato belle emozioni nonostante il titolo iridato sia stato assegnato con qualche Gran premio d’anticipo: “C’erano solo un paio di gare in cui sapevi che Marc era probabilmente migliore di chiunque altro e poteva vincere, come in Texas“, ha detto in un’intervista a Superbikeplanet.com. “Ma in altre gare ci sono state delle battaglie, Jorge ha vinto due gare, io una, Rins era lì tutto l’anno e Dovi ha lottato nel miglior modo possibile“.

L’anno scorso Crutchlow ha vinto una gara (in Argentina) ed è salito due volte sul podio (San Marino e Giappone), ma in almeno altre tre o quattro occasioni ha sfiorato la top-3. Merito di HRC che rispetto alla stagione precedente ha fornito un V4 più potente: “Continuiamo a spingere tanto, ma penso che in una situazione di gara, il nostro motore ci abbia aiutato molto… Quindi la moto 2019 è un nuovo un passo avanti“. Sul bagnato Cal ha dimostrato di avere un passo in più, ma nel 2018 questo non si è verificato. Per molti è dovuto all’ormai sin troppo chiacchierato problema all’anteriore della Honda, ma il britannico fa chiarezza: “Il punto di forza della Honda è l’entrata in curva, ma noi mordiamo più di quanto possiamo masticare ed è per questo che ci siamo schiantati davanti. Perché questo è il nostro vantaggio. Non è un’area debole della moto. È l’area forte e continuiamo a sfruttarla e spingere il più possibile“.

Fra poco più di una settimana si ritornerà in pista per il primo test invernale 2019 e Cal Crutchlow non sarà in perfetta forma dopo l’infortunio rimediato a Phillip Island. Lui è un pilota che commette pochissimi errori e uno di questi l’ha pagato a caro prezzo. Ironia della sorte… Marquez è uno dei piloti che registra il maggior numero di cadute della MotoGP eppure è diventato campione del mondo: “In realtà fatto male più spesso di quanto non sembrasse. E’ che lui vuole mostrare i suoi punti  a nessuno. Come ha detto il dottor Mir, non ha idea di come abbia fatto a guidare con la spalla così. Aveva un brutto infortunio alla spalla… credo che i piloti non siano mai al 100%. Ma come abbiamo sempre detto, lo chiamiamo “il gatto” per una ragione. Cade, e atterra sempre in piedi. È un talento speciale sia quando si tratta di spingere al limite, sia nel rialzarsi dopo un incidente“.

Scommetti con Johnnybet

Ricambi moto 4moto.it

Biglietteria per tutti gli eventi motoristici, F1 inclusa

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Eugene Laverty: “Bitubo è il nostro asso nella manica”

MotoGP: Danilo Petrucci lavora sull’ergonomia, ma la sella ‘scotta’

BSB Silverstone, gara 2: Tarran Mackenzie, la rivincita