MotoGP: Si correrà in Argentina fino al 2021

Annunciata oggi l'estensione dell'accordo per mantenere la tappa stagionale del Motomondiale a Termas de Río Hondo fino al 2021.

11 dicembre 2018 - 10:05

Il Campionato del Mondo MotoGP avrà una tappa fissa in Argentina fino al 2021: nel corso della presentazione del Gran Premio Motul de la República Argentina 2019 è stato annunciato l’accordo che mantiene l’Autódromo Termas de Río Hondo nel calendario del Motomondiale per altre tre stagioni (per un totale di sei consecutive, visto che si corre lì dal 2014). La firma è stata ufficializzata alla presenza del Governatore della Provincia di Santiago del Estero Gerardo Zamora, oltre al Direttore del Dipartimento delle Operazioni di Dorna Sports Carles Jorba, ma chiaramente non sono mancate anche autorità provinciali e nazionali.

“Arriveremo al sesto Gran Premio d’Argentina consecutivo” ha dichiarato Gerardo Zamora, annunciando così l’estensione del contratto fino al 2021. “Dorna Sports ancora una volta ha avuto fiducia in noi e ne siamo orgogliosi, anche perché è il risultato degli sforzi di tanta gente Si tratta di un insieme di lavori pubblici e privati, ma siamo anche contenti perché il pubblico è cresciuto continuamente, con un impatto importante nell’economia della regione [si parla di un guadagno nel 2018 di 18 milioni di euro, riunendo più di 170.000 spettatori nel corso del fine settimana, ndr]. Chi non ha ancora preso parte ad un GP, ne avrà l’occasione nei prossimi tre anni.”

“Per la prima volta c’è una certa continuità” ha aggiunto Carles Jorba. “Dal 2014 abbiamo tutti lavorato molto per questo progetto, che sarebbe durata inizialmente cinque anni, fino all’estensione dell’accordo. Siamo davvero contenti di aver raggiunto questo traguardo, vista l’importanza del mercato latinoamericano per la MotoGP. I piloti, le squadre e le fabbriche si rendono conto che la tappa a Termas de Río Hondo è ormai stabile, il tracciato piace ed i continui miglioramenti sono stati apprezzati.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MotoGP, Maverick Vinales: “Serve una Yamaha più aggressiva”

MotoGP, Cal Crutchlow: “Non posso guidare come Marc Marquez”

Superbike: Buon giorno Imola, Alvaro Bautista oggi in pista