Superbike: Jonathan Rea è inavvicinabile. Per adesso

Quattro su quattro, il Cannibale sta dominando il campionato d'inverno. La Kawasaki con il nuovo motore vola ancora di più

29 gennaio 2019 - 8:02

Jonatha Rea chiude da assoluto dominatore la fase europea dei test invernali Superbike. Quattro volte su quattro (Aragon, due Jerez e Portimao) è stato lui il più veloce in pista (qui i tempi finali). Inutile girarci intorno, anche se il livello della concorrenza si è alzato molto, specie dal lato Ducati,  il Cannibale parte seriamente a caccia del quinto titolo Mondiale consecutivo. Lui è un fuoriclasse, non c’è dubbio, e la  Kawasaki versione 2019 sembra considerevolmente più competitiva della precedente versione. La norma sul controllo di giri aveva creato grattacapi la scorsa stagione, e spesso la ZX-10R prendeva paga in rettilineo da Yamaha e Ducati V2. Adesso, con 600 giri in più nella manica, Rea ha in mano l’arma totale. Nei test di Portimao ha fatto il vuoto con la gomma da tempo, infliggendo quasi un secondo a tutti gli altri. Ma è stato in configurazione gara che Jonathan ha fatto più spavento, anche con la nuova Pirelli SCX, la gomma studiata apposta per la sprint race da 10 giri della domenica mattina. A Phillip Island, uno dei tracciati che predilige, Rea ha nel mirino 62 punti, cioè il massimo del bottino garantito dal format a tre gare novità della prossima stagione.

È stato un test super-positivo” gongola Jonatham Rea. “A Jerez, nei giorni precedenti, non ci avevamo capito granchè perchè l’asfalto nuovo aveva un pò scombinato le carte dello sviluppo invernale.  Ma a Portimao abbiamo potuto svolgere un lavoro perfetto, anche se faceva un pò freddo e la finestra di temperatura non è stata mai quella che avremmo voluto. Le novità di telaio vanno bene e anche sull’elettronica stiamo facendo passi avanti. Sono contento soprattutto della simulazione sulla distanza, che ha migliorato i riferimenti della gara 2018. Anche le nuove Pirelli hanno passato l’esame.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MotoGP: Prove di ‘penalità’ in Qatar

MotoGP, Test Qatar: A metà giornata Alex Rins 1°

Test MotoGP, Paolo Ciabatti: “Ducati lavora su ciclistica e aerodinamica”