Superbike: conclusi i Test per la Ducati a Jerez de la Frontera

Davide Giugliano e Chaz Davies affiancati da Luca Scassa

28 novembre 2014 - 17:00

Oggi al Circuito de Jerez il Ducati Superbike Team ha completato una tre-giorni di Test finalizzati allo sviluppo della Panigale R per la stagione 2015 del World Superbike. Con, di fatto, soltanto la giornata di mercoledì svoltasi su pista asciutta, Davide Giugliano e Chaz Davies hanno proseguito il lavoro iniziato al MotorLand Aragón di Alcañiz settimana scorsa verificando le potenzialità del nuovo motore e la nuova elettronica, più di vari componenti studiati espressamente per l’anno venturo. Tra ieri e oggi, tuttavia, le condizioni meteo non hanno favorito i Ducatisti, scesi comunque in pista concentrandosi inevitabilmente sulla prova dei setting ‘rain’ e su differenti tarature della nuova elettronica. Accanto ai piloti titolari, negli ultimi due giorni di test è sceso in pista anche Luca Scassa, il quale ha avuto modo di fare qualche giro con la 1199 Panigale in versione Superbike 2014. Il test, recita il comunicato stampa Duati, “è stato organizzato per valutare una possibile collaborazione del pilota Aretino per quanto riguarda l’attività di collaudatore per la prossima stagione”. “Sono stati tre giorni tutto sommato positivi e nonostante il meteo, che ci ha consentito di provare un solo giorno sull’asciutto, abbiamo comunque svolto molto lavoro“, ha spiegato Davide Giugliano. “Dovevamo provare diverse cose, soprattutto sulla parte elettronica ed i due giorni wet ci hanno consentito di girare con calma e provare quasi tutto. E’ stato anche utile girare sul bagnato. E’ stata la prima volta con la moto 2015 con un setting ‘rain’ e tutto ha funzionato bene. Sono contento del materiale a disposizione e penso che abbiamo una buona base per il campionato. Non vedo l’ora di ricominciare i prossimi test di gennaio, subito dopo le vacanze natalizie“.

Peccato per il meteo che non ci ha aiutato questa volta, specialmente oggi, in quanto la pista è stata sempre in condizioni miste che non ci sono servite per l’asciutto e nemmeno per il bagnato“, ha ribadito Chaz Davies. “E’ stato però importante continuare l’esperienza con la moto 2015 e nella giornata bagnata di ieri abbiamo potuto lavorare sul setting da bagnato. Sono contento del lavoro svolto sulla parte elettronica, specialmente per quanto riguarda l’anti impennamento che ora funziona molto bene. Abbiamo fatto una prova interessante il primo giorno con la pista asciutta, per migliorare il grip al posteriore. E’ andata bene e la dovremo sviluppare ulteriormente alla prossima occasione. Abbiamo raccolto informazioni importanti prima della pausa invernale, che ci aiuteranno a rientrare a gennaio pronti ad affrontare la lotta che ci attende la prossima stagione“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Superbike: L’arrivo di Ten Kate farà saltare il banco in Yamaha?

Eugene Laverty: “Bitubo è il nostro asso nella manica”

MotoGP: Danilo Petrucci lavora sull’ergonomia, ma la sella ‘scotta’