Supersport: Federico Caricasulo il più veloce nei test di Jerez

Al suo ritorno nel team Evan Bros. Federico Caricasulo chiude al primo posto i due giorni di test a Jerez. Bene anche Raffaele De Rosa (terzo).

24 gennaio 2019 - 18:02

Le due giornate di test svoltesi a Jerez de la Frontera hanno visto scendere in pista dodici piloti del Mondiale Supersport e tra questi ha primeggiato su tutti gli altri Federico Caricasulo, tornato tra le fila del team Bardahl Evan Bros. dopo due stagioni col team GRT Yamaha.

In sella alla R6 della squadra ravennate, Caricasulo è stato il più veloce dei piloti Supersport sia nella prima giornata, sia nella seconda e alla fine ha chiuso davanti a tutti col tempo di 1’42.529. Davvero un bel viaggiare quello del pilota romagnolo, che pochi giorni prima aveva provato a Cartagena insieme al suo compagno di squadra Randy Krummenacher (quarto col tempo di 1’42.898). Da segnalare, inoltre, che “Carica” è stato anche il pilota Supersport più attivo in questi due giorni, dato che ha percorso ben 86 volte i 4,4 km del circuito intitolato ad Ángel Nieto.

Dietro a Caricasulo troviamo la Kawasaki del team Puccetti Racing guidata da Lucas Mahias. Il Campione del Mondo 2017 si è tenuto costantemente vicino a Caricasulo e alla fine si è fermato a due decimi dal suo ex-compagno di squadra (1’42.751). A soli due centesimi da Mahias troviamo invece Raffaele de Rosa, che ha portato la MV Agusta al terzo posto con un giro in 1’42.771, ottenuto al settantatreesimo dei 76 giri compiuti. Il pilota campano ha preceduto il già citato Krummenacher.

Quinto tempo per Jules Cluzel. Al suo primo test con la Yamaha del team GMT94, “Julo” ha sfruttato i due giorni a disposizione per adattarsi alla R6 della squadra di Christophe Guyot, la cui leva del cambio è posizionata a destra anziché a sinistra. Una novità assoluta per il secondo classificato del Mondiale 2018, che ha chiuso i test a quasi otto decimi da Caricasulo (1’43.300) e davanti a Hikari Okubo e Corentin Perolari (riconfermati rispettivamente dai team Puccetti e GMT94).

Ottavo tempo finale (1’44.564) per Ayrton Badovini, al suo primo test con la Kawasaki ZX-6R del Team Pedercini Racing by GSS, mentre l’ex-Mondiale Moto2 Federico Fuligni ha chiuso al nono posto con un best lap di 1’45.144. Il nuovo pilota del team MV Agusta Reparto Corse ha usato questi due giorni di test per adattarsi alla F3 della casa di Schiranna, con cui cercherà di riscattarsi dopo le grandi difficoltà patite nel Motomondiale. “Fulazzi” ha preceduto due piloti con più esperienza di lui nella categoria, che sono il nipote d’arte e Campione Europeo Supersport in carica Rob Hartog (quest’anno al via dell’intero Mondiale col proprio Team Hartog – Against Cancer) e Nacho Calero (alla sua quinta stagione nel WorldSSP con la Kawasaki del team Orelac, squadra di suo padre José).

Ultimo tempo per María Herrera. La spagnola ex-Mondiale Moto3 e Supersport 300 correrà nel Mondiale Supersport con la Yamaha del team MS Racing e questi test le sono serviti per affinare il proprio feeling con la Yamaha R6, moto che aveva già guidato lo scorso anno in alcune gare del CEV RFME Superstock 600.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

ARRC ASB1000 Bend Qualifiche: Broc Parkes in pole

Rea, Haslam, Razgatlioglu con Kawasaki alla 8 ore di Suzuka 2019

MotoGP, Alex Rins rincorre il suo terzo sogno