Bol d’Or Qualifiche 2: Suzuki SERT conquista la pole position

Quattro moto diverse nella top-4

15 aprile 2011 - 12:25

Tredici titoli mondiali Endurance, 14 Bol d’Or, 7 vittorie alle 24 ore di Le Mans. A questa bacheca di successi il Suzuki Endurance Racing Team (S.E.R.T.) di Dominique Meliand può ora aggiungere l’ennesima pole position al Bol d’Or, conquistata sul tracciato di Nevers Magny Cours con il nuovo record della pista siglato da Vincent Philippe in 1’39″740, l’unico a scendere sotto il muro dell’1’40”. Il pilota francese, quattro volte iridato Endurance e quest’anno impegnato nel campionato nazionale Supersport con la debuttante GSX-R 600, ha consentito una buona “media” a tutto l’equipaggio: sommando l’1’41″279 di Freddy Foray ed l’1’40″750 del nuovo acquisto Anthony Delhalle (preferito da Meliand rispetto a Daisaku Sakai rimasto sopra l’1’42”) consente una media eccezionale di 1’40″589, abbastanza per portare la Suzuki #1 gommata Dunlop davanti a tutti. Il “tempone” di Philippe ha fatto la differenza nei confronti della nuova Ninja ZX-10R ufficiale con coperture Pirelli di Kawasaki SRC, l’ex Gilles Stafler Racing che rappresenta Kawasaki France nelle maratone Endurance di Magny Cours e Le Mans. La nuova moto, con all’attivo solo due test, si dimostra già una moto in condizione di ben figurare nella corsa che scatterà domani alle 15:00 con Julien Da Costa che ha avvicinato il miglior tempo di Philippe ottenendo un ottimo 1’40″048, avvicinando all’interno del box in verde soltanto dal campione francese Supersport in carica Gregory Leblanc (1’40″445, più lontano Olivier Four in 1’41″647). Sfortunato lo scorso anno, l’equipaggio #11 è pur sempre il detentore della 24 Heures Moto di Le Mans, concludendo 2° al Bol d’Or nel 2009: insomma, il Team Kawasaki SRC farà di tutto per riportare alla casa di Akashi un successo che manca addirittura dal 1997 quando si correva sul tracciato Paul Ricard di Le Castellet.

Nel gruppo di testa non ci sono stati sostanziali cambiamenti con quattro differenti moto nelle prime quattro posizione. Al terzo posto spicca la S1000RR #99 ufficiale di BMW Motorrad France che per un paio di centesimi ha sfiorato la pole, grazie ad un omogeneo equipaggio composto da Erwan Nigon (campione francese Superbike in carica), Sebastien Gimbert ed il vincitore dell’IDM Supersport 2010 Damian Cudlin. I recenti movimenti al muretto box della compagine diretta da Michael Bartholemy con l’innesto di un nuovo responsabile tecnico e direttore sportivo non hanno reso la vita difficile alla struttura franco-belga, tanto da lasciarsi alle spalle le R1 di Yamaha Austria (con le nuove grafiche Monster Energy ritrovando il fortunato numero 7) e GMT94. Per YART solo Gwen Giabbani è sceso sotto il muro dell’1’41”, mentre con la squadra francese Matthieu Lagrive, David Checa e Kenny Foray hanno viaggiato sostanzialmente sugli stessi tempi mostrandosi come un equipaggio temibile per la corsa, affidabilità (tallone d’achille della R1 #94) permettendo. Il team più atteso dell’evento, Honda TT Legends, ha scalato una posizione cogliendo il settimo tempo grazie ad uno strepitoso Steve Plater che, appeso il casco al chiodo nel Road Racing dopo il brutto infortunio alla North West 200 del 2010, si ritrova a proprio agio nell’Endurance dove ha corso per oltre 10 anni cogliendo un positivo 1’41″680. Più distanti il leggendario 15 volte vincitore del TT John McGuinness (1’43″447) e lo scozzese Keith Amor (1’43″510), che punteranno a non commettere errori in gara mettendo a frutto la propria esperienza per centrare un bel piazzamento all’esordio del programma che vedrà la Honda #77 al via di tutte le prove del Mondiale Endurance 2011 più, con McGuinness e Amor, al Tourist Trophy e Ulster Grand Prix.

Davanti alla Fireblade ufficiale di Honda Europe c’è la CBR di National Motos, 55 anni di storia nel motociclismo, sesta con Jonchiere, De Carlois e Masson, lasciando la Yamaha del Maco Racing Team con l’ex campione del mondo Jason Pridmore affiancato dagli ex-piloti RAC 41 Gregory Junod e Gregg Black. Completano la top-10 il Team 18 Sapeurs Pompiers (passato da Suzuki a BMW) e lo Junior Team Suzuki Lycee Le Mans Sud, primo tra le Stocksport (o Superstock se preferite) con il giovane Baptiste Guittet, l’ex del mondiale SBK Loic Napoleone ed il già campione francese Supersport Julien Enjolras. Piccola curiosità, come riserva della Suzuki #72 c’è Alexis Masbou, lo scorso anno al via del Motomondiale classe 125cc passato quest’anno alle 600 Supersport in madrepatria. Passando ai team italiani, il RT Motovirus con Emiliano Bellucci è 17° assoluto, giusto davanti al MCS Racing Ipone buon 6° di classe Superstock e al No Limits, 8° di categoria con la Suzuki affidata ad Alessio Aldrovandi, Simone Saltarelli e Victor Casas. Tra le “Open” pole dell’originale Metiss, più staccata la MV Agusta del Team Raffin Motos (29° assoluta) e l’Aprilia RSV4 del Le Mans 2 Roues (39°). Il via della 75° edizione del Bol d’Or domani alle 15:00, preceduto alle 10:30 dal Warm Up pre-gara. 75ème Bol d’Or Classifica complessiva Qualifiche 01- Suzuki Endurance Racing Team – Suzuki GSX-R 1000 – Philippe/Foray/Delhalle – 1’40.589 (EWC) 02- Team SRC Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – Da Costa/Leblanc/Four – 1’40.713 (EWC) 03- BMW Motorrad France 99 – BMW S1000RR – Gimbert/Nigon/Cudlin – 1’40.800 (EWC) 04- Monster Yamaha YART – Yamaha YZF R1 – Jerman/Martin/Giabbani – 1’41.191 (EWC) 05- Yamaha France GMT94 – Yamaha YZF R1 – Checa/Foray/Lagrive – 1’41.499 (EWC) 06- National Motos – Honda CBR 1000RR – Jonchiere/De Carolis/Masson – 1’42.548 (EWC) 07- Honda TT Legends – Honda CBR 1000RR – Plater/McGuinness/Amor – 1’42.879 (EWC) 08- Maco Racing Team – Yamaha YZF R1 – Pridmore/Junod/Black – 1’42.957 (EWC) 09- Team 18 Sapeurs Pompier – BMW S1000RR – Metro/Molinier/Briere – 1’42.974 (EWC) 10- Junior Team Suzuki LMS – Suzuki GSX-R 1000 – Guittet/Enjolras/Napoleone – 1’43.070 (Stock) 11- Bolliger Team Switzerland – Kawasaki ZX-10R – Saiger/Stamm/Tangre – 1’43.074 (EWC) 12- AM Moto Racing Competition – Suzuki GSX-R 1000 – Auger/Loiseau/Denis – 1’43.380 (Stock) 13- Motors Events – Suzuki GSX-R 1000 – Gines/Bocquet/Humeau – 1’43.436 (Stock) 14- Van Zon Boenig – BMW S1000RR – Filla/Daemen/Seidel – 1’43.669 (Stock) 15- YMES Folch Endurance – Yamaha YZF R1 – Ribalta/Vallcaneras/Rita – 1’43.694 (EWC) 16- Maccio Racing – Kawasaki ZX-10R – Dumain/Moreira/Maurin – 1’44.012 (Stock) 17- R.T. Motovirus Racing – Suzuki GSX-R 1000 – Brivet/Jond/Bellucci – 1’44.121 (EWC) 18- MCS Racing Ipone – Suzuki GSX-R 1000 – Prosemik/Savary/Kispataki – 1’44.460 (Stock) 19- MCP Starteam 67 – Suzuki GSX-R 1000 – Lucas/Prulhiere/Keller – 1’44.474 (Stock) 20- No Limits Motor Team – Suzuki GSX-R 1000 – Saltarelli/Casas/Aldrovandi – 1’44.536 (Stock) 21- Metiss JLC Moto – Metiss – Michel/Fissette/Huvier – 1’44.901 (Open) 22- SH Techologie Scrubs – BMW S1000RR – Royer/Pouhair/Chevaux – 1’44.905 (EWC) 23- Atomic Motorsport – Suzuki GSX-R 1000 – Muteau/Lalevee/Lussiana – 1’44.915 (Stock) 24- Motobox Kremer – Suzuki GSX-R 1000 – Gaziello/Monge/Paavilainen – 1’44.955 (EWC) 25- TRT 27 City Bike – Suzuki GSX-R 1000 – Hardt/Hedelin/Houssin – 1’44.966 (EWC) 26- DG Sport – Yamaha YZF R1 – Depoorter/Dos Santos/Molina – 1’45.102 (Stock) 27- Endurance Moto 45 – Suzuki GSX-R 1000 – Diguet/Ganfornina/Lagrive – 1’45.115 (Stock) 28- Infini Team Power Bike – Kawasaki ZX-10R – Cuzin/Holub/Perrault – 1’45.387 (EWC) 29- Team Raffin Motos – MV Agusta F4 – Salchaud/Buffard/Polesso – 1’45.435 (Open) 30- 3D Endurance Moto Center – Kawasaki ZX-10R – Geers/Braun/Labussiere – 1’45.449 (Stock) 31- QERT – Suzuki GSX-R 1000 – Cudlin/Al Malki/Al Mannai – 1’45.489 (Stock) 32- Team AZ Moto Expert – Suzuki GSX-R 1000 – Mezard/Devoyon/Mau – 1’45.849 (Stock) 33- Moto 39 Competition – Kawasaki ZX-10R – Maitre/Thuillier/Piccolo – 1’45.869 (Stock) 34- Viltais Racing Division – Yamaha YZF R1 – Bardet/Besnard/Rochet – 1’45.982 (Stock) 35- Team V Racing – BMW S1000RR – Calleri/Desmero/Bouffier – 1’46.066 (Stock) 36- Dunlop Motors Events – Suzuki GSX-R 1000 – Gucciardi/Deneque/Mace – 1’46.137 (EWC) 37- Moto AIN Racing Team – Yamaha YZF R1 – Buisson/Bibollet/Gerard – 1’46.328 (Stock) 38- Racing Team Sarazin – Kawasaki ZX-10R – Guerouah/Kokes/Genetay – 1’46.683 (Stock) 39- Le Mans 2 Roues – Aprilia RSV4 – Lerat/Parisse/Le Bail – 1’46.707 (Open) 40- Sport Passion Endurance – Suzuki GSX-R 1000 – Guyot/Teramoto/Nishijima – 1’47.521 (EWC) 41- Team R2CL – Suzuki GSX-R 1000 – Lucas/Capela/De Laville – 1’47.612 (EWC) 42- Conflans Moto – Yamaha YZF R1 – Enault/Hubert/Grilli – 1’47.748 (Stock) 43- Motoplanete Racing Team – Yamaha YZF R1 – Goetschy/Ferre/Mecene – 1’48.231 (EWC) 44- Boenig Penz13 – BMW S1000RR – Matsushita/Bachler/Dokoupil – 1’48.484 (Stock) 45- Serbian Racing Team – Suzuki GSX-R 1000 – Perisic/Stojanovic/Mistode – 1’48.922 (Stock) 46- MAS 14 – Suzuki GSX-R 1000 – Pigeon/Pigeon/Roche – 1’48.969 (Stock) 47- Team FMA Assurances – Honda CBR 1000RR – Boulange/Morin/Kipp – 1’49.034 (EWC) 48- Suzuki P&RF Anortec – Suzuki GSX-R 1000 – Pocorull/Suchet/Cholvy – 1’49.091 (Stock) 49- TMS Racing – Suzuki GSX-R 1000 – Farlat/Henriques/Khartchenko – 1’49.519 (EWC) 50- Team R2CL Plus – Suzuki GSX-R 1000 – Tachon/Cohen/Flura – 1’49.824 (Stock) 51- YD Motos Racing – Kawasaki ZX-10R – Masson/Deneque/Bouvier – 1’50.396 (Stock) 52- Adrenatem Esprit Moto – Suzuki GSX-R 1000 – Joulin/Nouvellon/Boucle – 1’50.555 (EWC) Alessio Piana

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoE, Test Valencia: Giorno 1, Hector Garzó il più rapido

Alex Márquez vincitore sfortunato: porte chiuse in MotoGP?

MotoGP, Test Catalunya: Maverick Viñales top di giornata