CIV 2019: La nuova sfida tricolore presentata a Verona

Sei round, dodici gare e tante novità, soprattutto tra i giovani, per il campionato italiano velocità

20 gennaio 2019 - 8:01

Il 2019 del Campionato Italiano Velocità riparte dal Motor Bike Expo di Verona con à importanti novità in Moto3 e Premoto3. Elementi annunciati nel corso della presentazione ufficiale del Campionato svoltasi a MBE  alla fiera di Verona, Non sono mancati gli ospiti, a cominciare, tra gli altri, dal Presidente FMI Giovanni Copiol e dal Responsabile del Campionato Italiano Minimoto e CIV Junior Cristian Farinelli.

MOTO3 –  Ci sarà l’esordio dello Sky VR46 Junior Team, che per la nuova stagione ha scelto il CIV per far crescere i propri piloti, senza proseguire la partecipazione al Mondiale Junior. Oltre alla squadra di Valentino Rossi, le novità in Moto3 riguarderanno anche l’ingresso di due importanti Junior Team: quelli targati Leopard e Aspar, nonché l’esordio dell’RGR TM Racing Factory Team, nato dalla collaborazione tra TM e la nuova avventura di Davide Giugliano come Team Principal e che avrà tra le sue fila il Campione in carica Kevin Zannoni. Conferme arrivano dagli altri team, a cominciare da quello di Fausto Gresini, che ha presentato la nuova Honda Nsf250rw per un Campionato che cresce ancora dal punto di vista tecnico e sportivo, con una Moto3 che riveste sempre di più il ruolo di categoria formativa per i giovani talenti in ottica Mondiale.

PRE MOTO3 –  Cambiamenti importanti anche per l’entry class del Campionato: la Premoto3, che dal 2019 diventerà categoria unica (non più divisa in 125 2T e 250 4T) con l’introduzione di un monomotore 250 stock di derivazione crossistica fornito grazie all’importante accordo raggiunto con Yamaha. Motore che avrà costi bassi di gestione e acquisto, elementi che confermano il lavoro della FMI indirizzato alla crescita dei giovani talenti che passa anche per un abbattimento dei costi.

FORMAT –  Anche nella prossima stagione il CIV conferma le 12 gare divise in 6 round (con gara1 al sabato e gara2 alla domenica). 6 weekend di doppie sfide, in scena sui migliori circuiti italiani, che scatteranno il 30 e 31 marzo da Misano e che si concluderanno a Vallelunga il 5 e 6 ottobre, con eventi che vedranno coinvolti anche gli autodromi del Mugello e di Imola. Invariate le classi, con i migliori piloti italiani e non solo che si sfideranno ancora in Moto3, SBK, SS600, SS300 e Premoto 3.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MXGP Francia: info e orari delle dirette su Corsedimoto

MXGP Michele Rinaldi: “Stiamo lavorando in ottica 2020”

Test DTM, Andrea Dovizioso a Misano con l’Audi RS5