BSB: buon esordio per Joshua Brookes alla NW200

Sorprende tutti all'esordio alla North West 200

22 maggio 2013 - 20:27

Dal 2009 impegnato in pianta stabile nel British Superbike, Joshua Brookes quest’anno, di comune accordo con il team TAS Suzuki, ha coronato il proprio sogno: esordire nelle corse su strada tra Tourist Trophy e alla North West 200. Proprio nella grande classica del “Triangle” l’australiano ex-contendente al titolo mondiale Supersport ha debuttato ufficialmente nel Road Racing, sorprendendo tutti per la velocità espressa sin dalle prime prove. Impegnato nelle classi Superbike e Superstock con le GSX-R 1000 di Tyco Suzuki by TAS, nelle qualifiche ufficiali del martedì Josh era stato in grado di staccare il quinto riferimento cronometrico assoluto tra le Superbike e, a seguito di qualche problema e per l’avvento della pioggia, soltanto il 25esimo tra le Superstock. Nell’unica gara disputata da Brookes nella serata di giovedì, la prima riservata proprio alla Superstock, è stato autore di una proverbiale rimonta conclusa con il 7° posto assoluto, senza potersi ripetere nel “Race Day” di sabato per la pioggia battente che ha obbligato la direzione gara a cancellare il programma di attività al “Triangle”. “Onestamente sono rimasto sorpreso da me stesso per questi tempi e risultati“, spiega Joshua Brookes. “Nelle prove del martedì sono andato molto bene con la Superbike: è una moto che conosco bene, mi son dovuto soltanto preoccupare di conoscere il tracciato.

Più difficile è stato l’apprendistato con la Superstock, una moto che, sebbene simile alla mia GSX-R, non conoscevo. Giro dopo giro ho trovato il feeling e penso di esser andato forte in gara. Partendo dal secondo gruppo l’intento era di seguire gli altri piloti, capire i loro punti di frenata e far esperienza, ma in realtà già dopo curve era davanti a tutti! Penso sia stata comunque una gran gara, è stato difficile per me esordire nelle corse su strada sul bagnato, ma i risultati ed i tempi sul giro (3° assoluto, ndr) sono di buon auspicio per il futuro. Peccato per quanto accaduto sabato, se non altro ho fatto esperienza e sono davvero felice per questo mio esordio

“. Adesso per Joshua Brookes ancora qualche giorno di riposo prima di tornare in azione nell’evento che, per lui, vale una stagione: il Tourist Trophy all’Isola di Man…

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Assen: Alex Rins “Sarà battaglia anche quest’anno”

Pit Beirer: “Pedrosa non è marketing, vuole fare la differenza con KTM”

Honda vs Yamaha vs Kawasaki: super Test per la 8 ore di Suzuka