Il numero 69 verrà ritirato per onorare Nicky Hayden

Il 69, il numero utilizzato da Nicky Hayden per tutta la sua carriera, verrà ritirato con una cerimonia durante il GP delle Americhe.

24 gennaio 2019 - 12:23

Il numero 69 verrà ritirato nel Motomondiale. La decisione è stata presa per onorare Nicky Hayden, scomparso ormai più di un anno fa, pilota che verrà ricordato con una cerimonia che si svolgerà nel corso del Gran Premio delle Americhe. Un nuovo tributo per ‘Kentucky Kid’, già nominato Leggenda della MotoGP e che ha lasciato in segno nel corso dei suoi anni nel Campionato del Mondo, coronati da un titolo iridato conquistato nel 2006. Il suo è il sesto numero ad essere ritirato: prima di lui ricordiamo il 74 di Daijiro Kato, il 48 di Shoya Tomizawa, il 34 di Kevin Schwantz, il 58 di Marco Simoncelli ed il 65 di Loris Capirossi.

“Un grande onore che il suo numero venga ritirato ad Austin” ha dichiarato Earl Hayden, padre di Nicky. “La gara negli Stati Uniti è l’occasione adatta, visto che per Nicky si trattava sempre di un appuntamento importante. Per me sarà un momento speciale, visto che il 69 era il mio numero, e sono sempre stato orgoglioso del fatto che Nicky l’abbia usato per tutta la sua carriera. A nome della mia famiglia voglio ringraziare Dorna per onorarlo in questo modo, oltre a tutte le altre occasioni in cui hanno mostrato tutto il loro supporto verso di noi nei momenti difficili.”

Questo il commento di Carmelo Ezpeleta, CEO Dorna Sports: “Nicky Hayden è stato uno dei piloti più importanti nel paddock, un esempio sia in pista che fuori. Questo gesto è un modo per onorarlo ancora una volta, facendo sì che il 69 rimanga sinonimo di una leggenda e di un campione.” Come detto, la cerimonia per ricordare ‘Kentucky Kid’ avrà luogo nel corso del Gran Premio delle Americhe, in programma dal 12 al 14 aprile.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MotoGP: Danilo Petrucci lavora sull’ergonomia, ma la sella ‘scotta’

Valentino Rossi e il segreto del ‘Risorgimento Yamaha’

E’ scomparso Giuliano Maoggi, l’asso del MotoGiro 1956