MotoGP: le scelte Bridgestone per il Gran Premio d’Australia

MotoGP: le scelte Bridgestone per il Gran Premio d’Australia

Le temperature al posteriore sono il fattore cruciale

Commenta per primo!

Non c’è sosta per il Motomondiale, che disputerà sul circuito di Phillip Island questo week-end la terza gara consecutiva di questo finale di stagione 2010. Dopo il terribile caldo della Malesia, il circus MotoGP si sposta infatti in Australia, su un tracciato considerato da molti come il più spettacolare dell’intero calendario. Una pista difficile, caratterizzata dalle basse temperature ambientali di ottobre, ma in grado di stressare molto il pneumatico posteriore, specialmente sulla spalla sinistra (la maggioranza delle curve infatti sono proprio in questa direzione).

Il fornitore unico della MotoGP, Bridgestone, affronterà questa nuova sfida attraverso l’uso al posteriore di pneumatici asimmetrici, con opzioni di mescola dura ed extra-dura, mentre all’anteriore, che riceve pochissimo carico su questa pista, le due scelte ricadranno su una morbida ed una media. Tornando alla gomma posteriore, verrà sperimentata una soluzione extra-morbida sulla spalla destra per quanto riguarda la scelta più soft delle due a disposizione, questo per permettere al pneumatico di raggiungere la temperatura ideale specialmente nei turni di mattina.

“Lo scorso anno in Australia abbiamo ottenuto la nostra 50esima vittoria in MotoGP”, dichiara Hiroshi Yamada, manager del Reparto Motorsport Bridgestone, “che è stata conquistata da Casey Stoner e il team Ducati, con i quali abbiamo vinto il primo mondiale. E’ la terza gara in altrettante settimane in quello che è un periodo della stagione estenuante e stancante, specialmente dopo il caldo della Malesia che ha davvero messo alla prova la forma fisica dei piloti e dei team.

Phillip Island è un luogo molto più fresco, ma questo porta ad una sfida completamente diversa rispetto a quella di Sepang, quindi tutti avranno bisogno di adattarsi rapidamente alle nuove condizioni. Il titolo mondiale è stato già assegnato, ma ci sono ancora diverse battaglie per le posizioni di testa e quindi sono sicuro che continueremo a vedere duelli avvincenti in Australia e per il resto della stagione.”

“Phillip Island ha una bassa temperatura ambientale”, afferma Tohru Ubukata, manager del Reparto Sviluppo Pneumatici Bridgestone, “ma è un circuito caratterizzato da alte velocità, con una forma asimmetrica che ha più curve a sinistra che a destra. Nonostante la temperatura sia bassa, le lunghe e veloci curve generano la  più alta temperatura al posteriore della stagione, sulla spalla sinistra, quindi questo richiede una carcassa del pneumatico speciale affinché vada bene.

Di contrasto, ci sono poche curve a destra, quindi la spalla corrispondente degli pneumatici richiede facilità di entrata in temperatura. Assieme al fresco ambientale, utilizzeremo la mescola extra-soft nella spalla destra della gomma morbida posteriore, per migliorare il feeling dei piloti visto che ci aspettiamo condizioni di freddo, specialmente in mattinata.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy