MotoGP: conclusi i Test Sepang 2, Rossi e Pedrosa con lo stesso crono!

MotoGP: conclusi i Test Sepang 2, Rossi e Pedrosa con lo stesso crono!

Commenta per primo!

Un primato per due. La terza e conclusiva giornata di Test della MotoGP al Sepang International Circuit va in archivio con una leadership inaspettatamente, eccezionalmente condivisa da due degli attesi protagonisti della stagione quali Valentino Rossi e Dani Pedrosa, in cima alla graduatoria dei tempi con un crono ad ex-aequo in 1’59″999 registrato in due distinte occasioni: il “Dottore” nella mattinata, il portacolori HRC proprio allo scadere. Inatteso epilogo dei Test di Sepang 2 che ha offerto tanti spunti d’interesse da confermare tra pochi giorni a Phillip Island (“Tyre Test” per i team ufficiali di Yamaha, Ducati e Honda, ma senza Marc Marquez tuttora “in infermeria”) e a Losail (prove riservate ai team “satellite”), con Rossi che ribadisce l’ottimo feeling trovato con la Yamaha YZR M1 2014.

Competitivo sin dalla mattinata, il 9 volte Campione del Mondo ha concluso le prove in leggero anticipo rispetto alla concorrenza avvicinando l’1’59″727 siglato nei Test di “Sepang 1”. Buone sensazioni anche per Dani Pedrosa: sul passo (il primo a realizzare un “long run” sul 2’01”) ed in termini di “time attack”, sobbarcandosi in toto il programma di sviluppo della Honda RC213V Factory Spec. 2014 complice l’assenza per infortunio del Campione del Mondo in carica Marc Marquez.

Gli unici sotto il muro dei 2 minuti, Rossi e Pedrosa hanno lasciato a soli 68/1000 un agguerrito Andrea Dovizioso alternatosi tra le Desmosedici GP14 in configurazione “Factory” (con la quale ha fatto registrare il tempo sul giro di 2’00″067) e “Open” (dando vita ad una simulazione di gara) proprio in concomitanza con la “deadline” per iscriversi ad uno dei due status/categorie della MotoGP 2014.

Ducati verso la “Open” che premia un sempre velocissimo Aleix Espargaro, quarto con la Forward Yamaha FTR a 1/10 dalla vetta, seguito nell’ordine da Stefan Bradl, Alvaro Bautista e Jorge Lorenzo, settimo accusando 6/10 dal compagno di squadra Valentino Rossi, sempre cercando di trovare un buon compromesso con le specifiche Bridgestone 2014. In meno di 1″ dalla vetta figurano anche Cal Crutchlow (Ducati Factory) e Bradley Smith (Yamaha Tech 3) con a seguire il “rookie” Pol Espargaro, Andrea Iannone e Randy De Puniet che porta a 1″5 il prototipo Suzuki XRH-1 destinato alla stagione 2015.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy