Correre al mattino, cosa mangiano i piloti?

Correre al mattino, cosa mangiano i piloti?

1 Commento

Sveglia all'alba, la partenza di primo mattino e intervallo mini tra le due gare: il nuovo format orario del Mondiale Superbike ha cambiato radicalmente abitudini e alimentazione dei piloti. Davide Giugliano, 24 anni, alla prima stagione da pilota ufficiale con la Ducati, ci racconta cosa succede dietro le quinte del GP.

WAKE UP – “Nelle gare europee dormo nel motorhome parcheggiato nel paddock. Il warm up è stato anticipato alle 8.40, per cui mi sveglio alle 6.30. Mezz'ora dopo vado a fare colazione nell'hospitality Ducati. E' il pasto principale della giornata perchè fin dopo gara1 (che parte alle 10:30, ndr) non c'è più possibilità di alimentarsi, o quasi. Correre in pista è questione di destrezza, ma è anche molto faticoso, quindi bisogna assumere una bella quantità di carboidrati. Mi faccio un paio di toast col prosciutto oppure 50 grammi di pastasciutta, può sembrare strano mangiare pasta all'ora del cappuccino, ma ci si abitua. Finisco con un bel pezzo di torta, perchè anche gli zuccheri sono importanti.”

WARM UP – “Poco dopo le 8 sono già nel box per fare il punto finale coi tecnici. Il warm up così presto non ha un gran senso tecnico perchè temperature di aria e pista sono troppo basse per avere idea del comportamento di moto, gomme, assetti. Adesso serve unicamente per controllare che tutto sia okay. Quasi sempre vado in pista con gomma usata, perchè con il nuovo limite (10 anteriori e 14 posteriori per l'intero GP, prove incluse, ndr) è importante lasciarsi più margine possibile per le due gare. Il warm up finisce alle 8:55, ma calcolate che serve un po' di tempo aggiuntivo per la prova partenza, poi torno al box per fare un altro breve meeting con gli ingegneri. La prima corsa di giornata parte alle 10.30, ma per il giro di allineamento bisogna uscire dai box alle 10:10. Quindi la pausa è neanche un'ora.

GEL“Nel breve intervallo mi rilasso nel motorhome e assumo altri carboidrati in gel: sono prodotti dietetici calibrati per l'attività sportiva e si può scegliere il tipo più adatto alle specifiche necessità dell'organismo. Io ho scelto questa soluzione più pratica, altri piloti preferiscono barrette energetiche o cibi ad alta percentuale di zuccheri, tipo torte o cioccolata. Altra cosa importante per la gara è stare sempre idratati al punto giusto, quindi assumo una bella quantità di liquidi, almeno un paio di litri.”

DOPO GARA1 “La prima sfida termina intorno alle 11:15, poi ci sono le incombenze del dopo corsa: podio, interviste tv, nuovo briefing con gli ingegneri per decidere eventuali modifiche in vista di gara2 che scatta alle 13.10. Il giro di allineamento è alle 12:50, quindi l'intervallo vero è poco più di un'ora. Mentre esaurisco gli ultimi impegni  Claudia, la mia ragazza, corre in hospitality a prendermi un piatto di pasta. La preferisco in bianco, con un filo d'olio e qualche pezzo di formaggio grana. E' sufficiente per rientegrare le forze in vista del secondo impegno di giornata. Alla fine della giornta arriva  una gran fame e  mi sparo al volo un paio di panini al prosciutto. Poi la sera a cena mi rifaccio.”

ABITUDINE – “Partire così presto hai i suoi vantaggi:  c'è così poco tempo tra un impegno e l'altro che la testa resta sgombra dai pensieri, dai dubbi, dai timori che qualcosa non possa andare per il verso giusto. Fino all'anno scorso gara1 finiva alle 12.45 e la seconda era alle 15:30, c'era tempo di fare tutto con calma: parlare con la squadra, riposare, alimentarsi, pensare alla migliore tattica per il secondo impegno di giornata. Adesso c'è appena il tempo di cambiarsi e l'adrenalina resta sempre altissima. A me piace così, m bisogna essere veramente preparati fisicamente, altrimenti la paghi. Adesso ancora più più.”

Seguitemi su Twitter: https://twitter.com/PaoloGozzi1

Facebook: https://www.facebook.com/paolo.gozzi.54

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. ducaplett - 4 anni fa

    Veramente impegnativo adesso aver così poco tempo,non sò e se dovesse capitare un’imprevisto anche minimo può diventare stressante.Mi chiedo quei piloti un pò bassotti tipo Melandri come la vivono fisicamente.Comunque ha ragione Davide,ci si abitua,anch’io alla mattina preferisco una colazione salata e magari con finale dolce,se ci fosse sempre della torta sarebbe il massimo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy