Moto2: il bilancio Suter dei primi test stagionali

Moto2: il bilancio Suter dei primi test stagionali

Le Suter MMXI sempre al top con tutti i piloti nei test

Commenta per primo!

Sei squadre per, complessivamente, 10 piloti da seguire. Questo l’impegno di Suter nel mondiale Moto2, con i primi test all’attivo tra Valencia ed Estoril che hanno dato l’esito sperato per la factory svizzera. La nuova MMXI si è mostrata molto competitiva con tutti i piloti, da Marc Marquez (Monlau Competicion) all’esordio, senza scordarci di Scott Redding e Mika Kallio (Marc VDS Racing Team), Andrea Iannone (Speed Master), Julian Simon e Javier Fores (Mapfre Aspar), Jules Cluzel e Alex Baldolini (Forward Racing), Claudio Corti e Robertino Pietri (Italtrans Racing Team) più Thomas Luthi (Interwetten Racing). Eskil Suter ha fatto un bilancio di questi primi due test, mostrandosi sorpreso per il rendimento di qualche pilota in particolare…

“Nei primi test a Valencia la più grande sorpresa è stata senza dubbio Marc Marquez”, spiega Eskil Suter. “Mi aspettavo di vederlo in testa alla classifica dopo un periodo di apprendistato, ma in realtà ci ha messo pochi giorni per arrivare subito al top. Ha un talento incredibile ed è sicuramente avvantaggiato dalla sua statura fisica, ma a parte questo penso che possiamo aspettarci molto da lui in questa stagione.

Gli altri nostri piloti di punta come Simon, Iannone e Luthi sono stati costantemente veloci, confermando i miglioramenti che abbiamo apportato alla MMXI. Abbiamo provato diverse novità nei test a Jerez lo scorso mese di novembre, portando dei cambiamenti al telaio, forcellone ed il link per la sospensione posteriore che ci ha consentito di guadagnare più grip e non avvertire più chattering.

Rispetto a Valencia, Estoril ha caratteristiche diverse, ma anche qui, una volta che la pista era asciutta, i nostri piloti sono stati molto veloci senza dover cambiar molto a livello di messa a punto. Questo dimostra che la nostra moto funziona molto bene su ogni tracciato e che la nostra base è davvero ottima. Sono rimasto sorpreso da Thomas Luthi, perchè è uscito dai box soltanto verso la fine dei test spiccando un bel tempo sul giro: sono convinto che sarà un contendente al titolo.

Adesso pensiamo ai test di Jerez a inizio marzo dove i team avranno a disposizione per la prima volta i motori ufficiali. Ci presenteremo con qualche novità, cercheremo di affinare le moto realizzando anche una nuova carenatura per assecondare le esigenze dei piloti più alti“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy