125cc: Randy Krummenacher alla ricerca del riscatto

125cc: Randy Krummenacher alla ricerca del riscatto

Piani ambiziosi nel 2009 per il pilota del DeGraaf Grand Prix

Nel 2008 Randy Krummenacher ne ha vissute di tutti i colori. Due infortuni, una scarsa competitività della KTM FRR125, ritrovarsi sin dall’estate con il dover ritrovarsi una squadra per l’anno successivo. “Krummy”, fuori dalla KTM che lo ha “svezzato” e “lanciato” nel Motomondiale, sembra davvero un altro pilota. Passato al team DeGraaf Grand Prix di Arie Molenaar, il 19enne pilota svizzero ha esordito col botto in sella all’Aprilia: vittoria negli ultimi due appuntamenti del CEV 125, un mini-programma deciso per prender confidenza con una moto mai guidata prima.

Non ci ha messo molto per prender confidenza con squadra e moto, in attesa di testare la RSA ufficiale che lo accompagnerà per tutto il Motomondiale 2009. Inevitabile che Randy Krummenacher, dal nome scelto dal babbo tifoso di Mamola (mentre lui preferisce correre con il #34 di Kevin Schwantz…), sia ambizioso per questa nuova stagione che sta iniziare, come confermato nel corso della Presentazione ufficiale del DeGraaf Grand Prix al TT Circuit Van Drenthe di Assen.

Quest’anno correrò con una nuova squadra, una nuova moto ed una nuova opportunità di far bene“, afferma Randy Krummenacher. “Per me è davvero fantastico correre con il team DeGraaf e con un’Aprilia RSA ufficiale in questo 2009. Dopo le due vittorie dello scorso anno nel CEV con questa squadra sono molto fiducioso, convinto che è stata la scelta migliore. Mi sono allenato duramente quest’inverno, ho fatto molti kilometri nel Supermotard tra Italia e Spagna: sono pronto, carico e non vedo l’ora di correre a Losail per la prima gara stagionale, dove darò il massimo per stare là davanti

Randy Krummenacher sarà alla sua prima stagione con una moto non-KTM, casa con la quale ha conquistato il suo primo e unico podio nella carriera nel 2007 a Barcellona.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy