MotoGP: Test MotorLand Aragon, le dichiarazioni dei piloti

MotoGP: Test MotorLand Aragon, le dichiarazioni dei piloti

I commenti dei piloti presenti al Motorland Aragón

di Redazione Corsedimoto

Il Motorland Aragón di Alcañiz ha ospitato oggi una giornata di test riservati a sette piloti in rappresentanza di cinque differenti squadre della MotoGP, nello specifico Yamaha Factory Racing (Jorge Lorenzo e Valentino Rossi), Repsol Honda Team (Dani Pedrosa e Marc Marquez), LCR Honda MotoGP (Stefan Bradl), GO&FUN Honda Gresini (Alvaro Bautista) ed il Suzuki Test Team con Randy De Puniet in sella al prototipo XRH-1 per la stagione 2015. Questi i commenti dei piloti al termine della giornata di prove, a cominciare dal più veloce in pista: Jorge Lorenzo. Jorge Lorenzo (Yamaha Factory Racing), 1°Solitamente qui ad Aragon abbiamo incontrato qualche problema per andar forte, ma oggi siamo andati molto bene. Qui soffriamo più problemi nel trovare una buona messa a punto, ma a dir la verità oggi, sin dai primi giri di pista, mi sono trovato bene e fatto registrare ottimi tempi. Penso di esser in un buon momento di forma, ma oggi tutto è andato per il meglio ed è servito per la nostra fiducia. Il tempo sul giro l’ho fatto con una gomma nuova, è stato un gran giro ed un ottimo crono. In ogni caso sono soddisfatto: è vero che abbiamo provato soltanto piccole cose, ma è sempre meglio che nulla“. Marc Marquez (Repsol Honda Team), 2°Posso ritenermi soddisfatto di questa giornata di prove. Aragon è uno dei miei circuiti preferiti, a maggior ragione in sella ad una MotoGP: davvero molto divertente! Inizialmente non è stato facile perchè rispetto alla Moto2 bisogna cambiare i riferimenti in staccata, ma alla fine mi sono trovato bene e ho fatto registrare dei buoni tempi sul giro. Oggi ci siamo concentrati sul cercare di risolvere un problema incontrato nelle ultime due gare, modificando le geometrie del telaio per trovare una migliore messa a punto. Credo che il setting adottato oggi ci servirà non soltanto su questo tracciato, ma anche per le prossime gare. Quanto alla Honda RC213V 2014, la proverò domani insieme all’attuale RCV: si prospetta una giornata particolarmente impegnativa“. Dani Pedrosa (Repsol Honda Team), 3°E’ stata una giornata di test positiva. Ci siamo concentrati prevalentemente sull’attuale RCV provando diverse soluzioni di messa a punto ed ammortizzatori per trovare più trazione soprattutto in uscita di curva. Penso che abbiamo trovato un buon compromesso, di questo posso ritenermi abbastanza soddisfatto. Ho avuto modo di provare anche la moto 2014, ma di fatto è stato uno “shakedown”: soltanto due “run” per un totale di 9 giri. E’ servito per farmi un’idea della moto e riferire agli ingegneri HRC dei feedback importanti per lo sviluppo. La moto va bene, ma al momento ci serve ancora più tempo per capire meglio il suo potenziale: di certo non la userò presto in gara“. Dani PedrosaValentino Rossi (Yamaha Factory Racing), 4°Oggi abbiamo modificato un pò la messa a punto della moto provando anche una nuova forcella. Mi sono trovato bene, meglio rispetto alle ultime gare. Adesso in staccata ho più fiducia, posso frenare più a fondo e fermare la moto più in fretta. Questo per me rappresenta il più grande passo avanti di oggi. Dopo questo, oggi abbiamo provato anche il forcellone di Jorge (Lorenzo), è più rigido e sembra funzionare a dovere. Abbiamo inoltre testato altre piccole soluzioni che hanno migliorato nel suo complesso il comportamento della moto, soprattutto in frenata. Posso ritenermi davvero soddisfatto e felice, perchè è la prima volta che ho un così grande feeling in staccata e senza particolari problemi. Adesso non vedo l’ora di correre ad Assen per capire se con questa nuova messa a punto possiamo fare dei progressi anche su altri tracciati. Teoricamente dovrebbe andar bene soprattutto in qualifica dove potrò forzare di più e arrivare vicino al limite. Senza dubbio queste sensazioni, su un tracciato come Aragon dove non sono mai andato così bene, sono molto importanti: i tempi ed il passo mostrato mi lasciano fiducioso“. Stefan Bradl (LCR Honda MotoGP), 5° “Il primo giorno di test a Montmeló ci siamo concentrati sull’anteriore per migliorare la stabilità specialmente nel T4 dove in gara perdevo molto. Abbiamo trovato un paio di modifiche che mi permettono di entrare in curva più veloce e sono soddisfatto. Poi siamo partiti per Aragon ma il primo giorno pioveva a dirotto quindi mi sono limitato a fare qualche giro con il prototipo 2014. Oggi invece, sull’asciutto, abbiamo ripreso a lavorare sodo completando 45 giri e raccogliendo dati utili in vista della gara di Aragon a Settembre. Ho fatto anche 14 giri sulla Honda 2014 che è molto simile alla mia RCV di adesso”. Alvaro Bautista (GO&FUN Honda Gresini), 6°Dopo la pioggia di ieri finalmente siamo riusciti a lavorare intensamente e i riscontri sono stati estremamente positivi. Lo scorso anno sul circuito d’Aragon eravamo particolarmente in difficoltà e invece dopo il test di oggi mi sento fiducioso. La nuova forcella mi soddisfa perché non mi ha trasferito fastidiose vibrazioni e l’ammortizzatore posteriore mi da particolare fiducia. Anche i nuovi freni Nissin sono più performanti. Insomma nel complesso è stata una giornata positiva che lasci ben sperare per il futuro e per il prossimo appuntamento di Assen dove voglio riscattare la delusione di Barcellona“. Randy De PunietRandy De Puniet (Suzuki Test Team), 7°Non è stata una giornata facile. Aragon rispetto a Barcellona è un circuito dalle caratteristiche diverse, qui abbiamo incontrato qualche problema di gestione del freno motore e, di conseguenza, nel far fermare la moto prima in curva. La pioggia di ieri ha fatto iniziare le prove un pò in ritardo, ma sono convinto che domani riusciremo a migliorarci, proseguire il lavoro di sviluppo e comprender meglio le caratteristiche della moto“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy