MotoGP Phillip Island Prove Libere 2: vola Casey Stoner

MotoGP Phillip Island Prove Libere 2: vola Casey Stoner

La pista si asciuga e comanda in casa il Ducatista

Commenta per primo!

Netto miglioramento del meteo per la conclusiva sessione di prove libere della MotoGP a Phillip Island nonostante una partenza al ralentì. Al semaforo verde pochi i piloti a girare: la pista presenta tratti ancora “umidi” (in particolare nel settore più lontano dai box nei pressi della “Lukey Heights”) invitando il Campione del Mondo Lorenzo, Stoner e compagnia ad incrociare le braccia ai box. Scendono in pista con gomme rain, dischi freno in acciaio e assetto “full wet” Bautista, Edwards e Spies salvo rientrare subito in pit lane, mentre decidono di prender maggior confidenza con queste condizioni Espargaro, Kallio e Valentino Rossi.

Dopo 20 minuti Marco Melandri è la prima vittima di queste condizioni: proprio quando la pista si asciuga tocca la linea bianca della curva 11 rovinando nella caduta una delle sue due Honda RC212V a disposizione. Battuta d’arresto per il futuro pilota Yamaha Superbike, non per i suoi colleghi che iniziano a girare con regolarità a cominciare da Stoner protagonista assoluto, Lorenzo che sfiora un contatto ravvicinato del terzo tipo con un volatile, Randy De Puniet che sbaglia alla curva “Honda” e parcheggia la propria RCV nelle vie di fuga.

Nel finale da “qualifiche” Casey Stoner viaggia su di un passo inavvicinabile (quattro giri sotto l’1’32”), arrivando proprio all’esposizione della bandiera a scacchi al crono di 1’31″243, tradotto 7/8 decimi rifilati alle Yamaha del team Tech 3 di Colin Edwards e Ben Spies (fermo ai box nella giornata di ieri) inaspettatamente in seconda e terza posizione. Per la casa dei Tre Diapason sono tre le M1 al seguito del missile #27 con il quarto tempo di Jorge Lorenzo, non c’è invece Valentino Rossi che accusa 1″4 di svantaggio ritrovandosi in ottava posizione perdendo una vita negli ultimi due settori guidati del circuito di Victoria.

Nonostante un dritto guadagna la sesta posizione Andrea Dovizioso alle spalle di Nicky Hayden tenendo alta la bandiera della HRC che ritrova Dani Pedrosa ultimissimo percorrendo 19 giri, ma a 3″5 dalla vetta, segno che la spalla fa male davvero. Nella top ten invece Simoncelli e Melandri, 15° Loris Capirossi preceduto anche dal compagno di squadra Alvaro Bautista. Alle 04:55 italiane, meteo permettendo, le qualifiche ufficiali.

MotoGP World Championship 2010
Phillip Island, Classifica Prove Libere 2

01- Casey Stoner – Ducati Marlboro Team – Ducati Desmosedici GP10 – 1’31.243
02- Colin Edwards – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.757
03- Ben Spies – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.858
04- Jorge Lorenzo – Fiat Yamaha Team – Yamaha YZR M1 – + 0.925
05- Nicky Hayden – Ducati Marlboro Team – Ducati Desmosedici GP10 – + 0.966
06- Andrea Dovizioso – Repsol Honda Team – Honda RC212V – + 0.983
07- Randy De Puniet – LCR Honda MotoGP – Honda RC212V – + 1.206
08- Valentino Rossi – Fiat Yamaha Team – Yamaha YZR M1 – + 1.424
09- Marco Simoncelli – San Carlo Honda Gresini – Honda RC212V – + 1.496
10- Marco Melandri – San Carlo Honda Gresini – Honda RC212V – + 1.849
11- Aleix Espargaro – Pramac Racing Team – Ducati Desmosedici GP10 – + 2.060
12- Mika Kallio – Pramac Racing Team – Ducati Desmosedici GP10 – + 2.499
13- Hector Barbera – Paginas Amarillas Aspar – Ducati Desmosedici GP10 – + 2.812
14- Alvaro Bautista – Rizla Suzuki MotoGP – Suzuki GSV-R – + 2.822
15- Loris Capirossi – Rizla Suzuki MotoGP – Suzuki GSV-R – + 3.211
16- Hiroshi Aoyama – Interwetten Honda MotoGP – Honda RC212V – + 3.475
17- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC212V – + 3.561

Alessio Piana

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy