MotoGP: le dichiarazioni dei piloti alla vigilia di Silverstone

MotoGP: le dichiarazioni dei piloti alla vigilia di Silverstone

I commenti di tutti i piloti al via del GP di Gran Bretagna

Commenta per primo!

Domani la MotoGP torna in pista sul rinnovato tracciato “Arena GP” di Silverstone per l’AirAsia British Grand Prix 2011, sesto appuntamento stagionale del Motomondiale con Jorge Lorenzo leader in classifica di campionato con solo 7 punti di margine nei confronti di Casey Stoner. Proprio da loro partiamo nel riportare le dichiarazioni di tutti i piloti alla vigilia di Silverstone, grazie al servizio media delle squadre. Jorge Lorenzo (Yamaha Factory Racing Team) “La scorsa settimana siamo riusciti a finire il nostro GP di casa ancora da leader di campionato. Sono molto contento perché in questo inizio di stagione stiamo dimostrando di essere abbastanza costanti. Ora andiamo a Silverstone per la seconda volta: si tratta di una pista che mi piace molto e dove, lo scorso anno, ho fatto una delle mie migliori gare. So che quest’anno sarà dura ripetersi ma la Yamaha ed io stiamo lavorando per migliorare gara dopo gara”. Casey Stoner (Repsol Honda Team) “Dopo le ultime bellissime gare, sono contento di correre a Silverstone. La stagione scorsa una partenza sfortunata condizionò tutta la nostra corsa. Sono sicuro che che quest’anno sarà una storia diversa, considerato come stanno andando le cose. Speriamo di ripeterci con un’altra bella prestazione e che vada tutto liscio. Dobbiamo restare concentrati perché Jorge, il nostro principale rivale per il Campionato, è molto veloce su questa pista. Mi piace molto Silverstone e vedremo come andrà il fine settimana, noi ce la metteremo tutta come al solito. Mi dispiace molto che Dani non correrà a Silverstone. È una sua decisione e gli auguro il meglio in questo momento difficile”. Valentino Rossi (Ducati Marlboro Team)Silverstone è una gran pista, difficile e molto veloce. Venerdì comincerò con un piccolo gap perché purtroppo l’anno scorso non vi ho corso e quindi non ho mai girato con la MotoGP, ho fatto solo una ventina di giri con una 1198 da strada. Dovrò imparare bene e rapidamente la pista che è molto tecnica, con diversi punti ciechi dove le traiettorie sono molto importanti. Una cosa che si aggiunge al lavoro sulle regolazioni della moto. Comunque vediamo, stiamo capendo sempre di più come agire sulla messa a punto della GP11 mentre, contemporaneamente, in Ducati continua il lavoro di sviluppo. Ci resta ancora da fare ma le aree su cui lavorare ci sono chiare e siamo tutti concentrati e determinati a migliorare“. Marco Simoncelli (San Carlo Honda Gresini) “Chiaramente dopo aver fatto la pole position il sesto posto di Barcellona lascia un po’ l’amaro in bocca però credo che complessivamente il fine settimana catalano debba essere valutato positivamente perché se consideriamo le difficoltà delle due settimane precedenti riuscire a fare l’ottima prestazione il sabato ritengo sia stata una bella dimostrazione di carattere. La gara poteva andar meglio ma avremo modo di rifarci già a Silverstone questa settimana. La pista inglese l’anno scorso mi è piaciuta tantissimo e proprio in Inghilterra ho fatto, lo scorso anno, il mio primo salto di qualità quindi sono estremamente fiducioso. Naturalmente adesso serve conquistare il risultato di prestigio in gara, io sono pronto e non vedo l’ora di riuscire a salire per la prima volta sul podio in Motogp e magari anche sul gradino più alto”. Ben Spies (Yamaha Factory Racing Team) “Non vedo l’ora di arrivare a Silverstone e tornare di nuovo in sella alla mia M1. Si tratta di una pista che mi piace molto e proprio lì, lo scorso anno, ho ottenuto il mio primo podio in MotoGP. Mi sento come se la mia stagione fosse cominciata a Barcellona: tutto è andato esattamente come speravo e mi sono sentito veramente in forma, in grado di lottare per il podio. Noi cercheremo di continuare questo slancio positivo nel Regno Unito e, possibilmente, sin dal venerdì”. Andrea Dovizioso (Repsol Honda Team) “Mi piace molto Silverstone, è una buona pista per noi e adesso che sono stati riasfaltati i tratti dove c’erano più buche, sicuramente sarà ancora più bello correre qui. Arriviamo determinati a lottare per il podio. In termini di passo gara a Barcellona abbiamo migliorato rispetto a Le Mans, anche se in Francia eravamo finiti secondi. La scorsa settima in Spagna siamo arrivati quarti a 5 secondi da Casey perché non sono riuscito a sfruttare tutto il potenziale della moto con condizioni di pista diverse rispetto alle prove. Sono contento di andare in Inghilterra: a Donington avevo conquistato la prima vittoria in MotoGP, a Silverstone lo scorso anno sono salito sul secondo gradino del podio. Voglio ripetermi, per questo sarà importante lavorare bene sin dal primo turno di prove. Mi spiace che Dani non correrà a Silverstone. Spero che possa recuperare per tornare quanto prima”. Nicky Hayden (Ducati Marlboro Team)Abbiamo avuto una settimana davvero molto corta dopo Barcellona. Dopo la gara sono andato all’Isola di Man dove per la prima volta ho assistito al TT, un’esperienza notevole. Ora però è tempo di pensare a Silverstone, una pista dove abbiamo corso per la prima volta l’anno scorso quindi ancora relativamente nuova. Sappiamo che il disegno del tracciato è rimasto lo stesso, nonostante abbiano spostato i box e l’ingresso della pit-lane, e ne sono contento perché mi piace molto: la pista è larga, lunga e molto veloce. Il fondo è un po’ ondulato in un paio di sezioni ma perfetto per il resto. Non vedo l’ora di tornare in pista“. Cal Crutchlow (Monster Yamaha Tech 3)Non vedo l’ora di correre la mia gara di casa a Silverstone. Quando ho firmato con il team Tech 3 ho subito pensato a questo weekend, a maggior ragione adesso dopo aver ottenuto il mio miglior risultato in MotoGP a Barcellona. Penso che per Silverstone la top-6 sia un obiettivo realistico, non perchè corro in casa, ma per il nostro potenziale. Anche se è il mio tracciato, qui non ho girato più degli altri piloti: come tutti ho corso soltanto lo scorso anno anche se non in MotoGP, bensì in Superbike vincendo due gare, uno dei miei momenti migliori della carriera. Nel 2010 in GP a Silverstone aveva vinto Lorenzo, pertanto so di poter disporre di un ottimo pacchetto oltre che del grande apporto del pubblico e di Colin (Edwards) che sarà nuovamente con noi in pista“. Loris Capirossi (Pramac Racing Team) “Sono positivo in vista della prossima gara. Abbiamo trovato una nuova base in questi ultimi tempi, cercheremo di mettere in pratica gli ultimi accorgimenti anche a Silvestone. Quella inglese è una gara difficile, con un tracciato ancora nuovo per tutti. Qui le condizioni metereologiche potrebbero più che mai mescolare le carte, dovremo essere bravi a sfruttare anche queste situazioni”. Colin Edwards (Monster Yamaha Tech 3) “Dopo qualche giorno di riposo mi sento meglio, adesso sto solo aspettando di tornare in sella. Non sarò al 100 %, ma la spalla sta migliorando a vista d’occhio, giorno dopo giorno sto ritrovando la forza e non mi fa più male. Per questo devo ringraziare il Dottor Xavier Mir e tutto il suo staff per aver eseguito alla perfezione l’intervento chirurgico, mi hanno rimesso in sesto la clavicola consentendomi di correre questo weekend a Silverstone: senza di lui probabilmente non ci sarei riuscito. Non mi aspetto un weekend facile, ma voglio scender in pista per fare del mio meglio. L’ideale sarebbe conquistare qualche punto per la classifica, ma voglio soltanto disputare un GP senza problemi, so benissimo che per guarire ci vorrà ancora un paio di settimane e sarò vicino alla forma fisica ideale per Assen”. Alvaro Bautista (Rizla Suzuki MotoGP) “Non vedo l’ora di correre questo fine settimana a Silverstone, dobbiamo rimetterci al lavoro e continuare con quello che abbiamo fatto nelle sessioni di prove della settimana scorsa. Siamo andati molto bene – anche nella sessione sul bagnato – mentre la gara non è andata come ci aspettavamo. Sono più tranquillo di domenica e assolutamente concentrato sul lavoro che ci aspetta. So che a Silversone sarà dura, sia in pista che fuori pista, ma sono pronto e punto a fare una buona gara per tutto il team che gioca in casa”. Randy De Puniet (Pramac Racing Team) “Devo dire che questo infortunio alla caviglia proprio non ci voleva. In questi giorni ho cercato di riposarmi, i controlli che ho fatto hanno escluso fortunatamente la lesione dei legamenti. Peccato, perché l’anno scorso a Silvestone ho fatto bene, soprattutto nelle qualifiche. Spero, nonostante la mia condizione fisica non sia al 100%, di ripetermi nel risultato finale”. Hiroshi Aoyama (San Carlo Honda Gresini) “Dopo la caduta di Barcellona, nella quale ho anche coinvolto l’incolpevole Randy De Puniet, vado a Silverstone con il forte desiderio di compensare la brutta prova spagnola. Della pista inglese purtroppo ho uno spiacevole ricordo perché lo scorso anno su quel tracciato sono stato protagonista di una caduta a causa della quale sono stato costretto a star fuori dal mondiale per ben sei gare. Forse anche per questo motivo vorrei cancellare quello spiacevole ricordo e cercare di disputare un buon Gran Premio. Le potenzialità per far bene ci sono e quindi ci proverò cercando di raccogliere importanti punti per la classifica iridata”. Hector Barbera (Mapfre Aspar Team)Non vedo l’ora di correre a Silverstone, soprattutto dopo la delusione di domenica a Barcellona. Diciamo che l’ultimo GP è stato un test perchè possiamo fare di più, innanzitutto cercando di migliorare la moto con diversi grandi cambiamenti che proveremo dalle prove del venerdì. Quel che è successo a Barcellona dobbiamo lasciarcelo alle spalle, siamo tutti motivati per ottenere un buon risultato a Silverstone perchè sappiamo che questo tracciato ben si adatta alla nostra moto“. Toni Elias (LCR Honda MotoGP) “Il mio GP di casa è stato un pò frustrante, voglio ripartire da zero a Silverstone. Abbiamo lavorato molto, ma ci manca ancora qualcosa per migliorarci e fare quel salto di qualità che ci aspettiamo. Dobbiamo trovare la soluzione adesso perchè voglio tornare a guidare la moto come nel passato. Sono molto determinato anche perchè tutte le Honda in questo momento sono competitive: abbiamo bisogno di un cambiamento radicale nella messa a punto”. Karel Abraham (Cardion AB Motoracing) “So che le previsioni metereologiche danno pioggia, ma preferirei comunque correre sull’asciutto, anche se sul bagnato mi trovo bene. Silverstone è un bel circuito, l’ho constatato lo scorso anno, in più ci sarà il nuovo paddock che è davvero una struttura imponente”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy