MotoGP Laguna Seca Prove 1: Crutchlow, Rossi, Marquez

MotoGP Laguna Seca Prove 1: Crutchlow, Rossi, Marquez

Bene all’esordio Marquez, in pista Jorge Lorenzo

Commenta per primo!

Per il nono anno consecutivo la MotoGP corre al mitico Mazda Raceway di Laguna Seca incontrando condizioni climatiche tutt’altro che “invitanti” nell’inaugurale sessione di prove libere del Red Bull U.S. Grand Prix 2013: pista poco gommata (scesi in pista soltanto nella primissima mattinata i talenti dell’AMA SuperSport con riferimenti cronometrici indicativamente 2″ più alto rispetto al consueto), temperature nell’ordine di 14-15° (26° dell’asfalto), addirittura una parvenza di nebbia che non ha comportato grandi problemi ai piloti scesi in pista. Se Dani Pedrosa, ricevuta l’idoneità medica a salire in sella alla propria Honda RC213V Factory Spec. dopo lo stop forzato di Laguna Seca, ha preferito posticipare il rientro a questo pomeriggio, Cal Crutchlow allo scadere in 1’22″757 ha staccato il miglior riferimento cronometrico con soltanto 91/1000 di vantaggio rispetto a Valentino Rossi, a lungo al comando della graduatoria dei tempi, preceduto soltanto nel finale dal portacolori Yamaha Tech 3.

Un ottimo inizio per entrambi, medesimo discorso per Marc Marquez, terzo assoluto all’esordio a Laguna Seca con una proverbiale progressione sul piano cronometrico (interpretando subito al meglio il “Corkscrew”, o “Sacacorchos” spagnolizzando il nome del celebre “Cavatappi”) riuscendo al 23esimo ed ultimo giro di pista a ritrovarsi con il “casco rosso” nei primi tre settori, salvo poi perder tutto al T4 dalla “Rainey” al traguardo scontando 223/1000 dalla vetta. Bene per il nuovo capoclassifica di campionato che precede nell’ordine le Honda “Clienti” di Stefan Bradl (LCR Honda) e Alvaro Bautista (GO&FUN Honda Gresini) più Andrea Dovizioso, sesto assoluto con la Ducati Desmosedici GP13 ufficiali seguito da Aleix Espargaro, settimo e miglior CRT in pista seppur costretto alla resa nel finale per un problema tecnico alla propria ART-Aprilia.

Con Nicky Hayden che chiude con l’ottavo tempo dopo aver annunciato il divorzio con Ducati per fine stagione, Jorge Lorenzo ricevuto il via libera dai medici è sceso in pista a 23 minuti dal termine completando soltanto 8 giri con l’undicesimo crono della sessione a 1″684 dal leader Crutchlow ritrovandosi tra le CRT di Randy De Puniet (10°) ed Hector Barbera (12°) più Alex De Angelis, unico portacolori designato dal Pramac Racing Team per l’evento in sostituzione dell’infortunato Ben Spies complice l’indisponibilità di Michele Pirro (prossimamente impegnato nei test di sviluppo Ducati a Misano) e Andrea Iannone, tuttora in ripresa dall’infortunio alla spalla destra rimediato al Sachsenring.

Il sammarinese al rientro in MotoGP sconta 2″3 dalla vetta mentre i nostri rappresentanti dei “Claiming Rule Team” Danilo Petrucci (Ioda Suter BMW) e Claudio Corti (all’esordio a Laguna Seca con la FTR Kawasaki del Forward Racing) chiudono rispettivamente in 17esima e 19esima posizione davanti a Blake Young, come ad Austin wild card con la APR (CRT americana progettata e realizzata da Attack Performance Racing), 21esimo e pur sempre davanti a Bryan Staring e Lukas Pesek.

MotoGP World Championship 2013
Mazda Raceway Laguna Seca, Classifica Prove Libere 1

01- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – 1’22.757
02- Valentino Rossi – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.091
03- Marc Marquez – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 0.223
04- Stefan Bradl – LCR Honda MotoGP – Honda RC213V – + 0.276
05- Alvaro Bautista – GO&FUN Honda Gresini – Honda RC213V – + 0.498
06- Andrea Dovizioso – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 0.623
07- Aleix Espargaro – Power Electronics Aspar – ART GP13 – + 1.148 (CRT)
08- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 1.170
09- Bradley Smith – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 1.530
10- Randy De Puniet – Power Electronics Aspar – ART GP13 – + 1.606 (CRT)
11- Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 1.684
12- Hector Barbera – Avintia Blusens – BQR FTR – + 1.710 (CRT)
13- Alex De Angelis – Ignite Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 – + 2.376
14- Yonny Hernandez – Paul Bird Motorsport – ART GP13 – + 2.552 (CRT)
15- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – ART GP13 – + 2.637 (CRT)
16- Hiroshi Aoyama – Avintia Blusens – BQR FTR – + 2.694 (CRT)
17- Danilo Petrucci – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW – + 2.837 (CRT)
18- Colin Edwards – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki – + 2.907 (CRT)
19- Claudio Corti – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki – + 3.013 (CRT)
20- Michael Laverty – Paul Bird Motorsport – PBM 01 – + 3.902 (CRT)
21- Blake Young – Attack Performance Racing – Attack Performance APR – + 3.911 (CRT)
22- Bryan Staring – GO&FUN Honda Gresini – FTR Honda MGP13 – + 3.996 (CRT)
23- Lukas Pesek – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW – + 5.068 (CRT)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy