MotoGP: clamoroso, Gabor Talmacsi con il team Scot!

MotoGP: clamoroso, Gabor Talmacsi con il team Scot!

Affiancherà Yuki Takahashi con una Honda RC212V

Commenta per primo!

Prima Stefano Favaro, il suo manager, l’aveva proposto come sostituto di Yuki Takahashi. Nelle successive settimane si è arrivati ad una trattativa che porterà Gabor Talmacsi a correre nella MotoGP proprio con il Scot Racing Team, naturalmente con una Honda RC212V e, più precisamente, la seconda moto a disposizione del pilota giapponese. Raddoppia gli sforzi la squadra di Cirano Mularoni su benedizione della Honda (giunta solo nelle ultimissime ore), pronta così ad ampliare la propria presenza nella top class in un modo un pò inusuale. L’accordo è stato raggiunto grazie ai buoni uffici di MOL, sponsor personale di Talmacsi che supporterà l’operazione da un punto di vista finanziario dopo aver seguito il pilota di Budapest in tutta la sua carriera. L’annuncio è arrivato mediante un comunicato preparato proprio dall’ufficio stampa che cura gli interessi di Talmacsi, dove sono riportate le dichiarazioni delle tre parti: sponsor, pilota, manager.

Partendo dal pilota, l’ex iridato della 125cc (che nell’arco di nove mesi è passato da una 125 2 tempi ad una 800cc 4 tempi…) si è detto entusiasta di questa possibilità, ringraziando lo sponsor e rivelando quali sono i suoi propositi per l’immediato. “Imparare la guida della MotoGP e, nelle prossime gare, ridurre il gap dal leader“. Dovrà farlo in poco tempo, ma d’altronde Talmacsi ha esperienza e manetta per un simile impegno.

Quanto a MOL, il responsabile della comunicazione Ferencz I. Szabolcs si è detto orgoglioso di esser riuscito a portare un pilota ungherese in MotoGP, tutto in pochissimo tempo, tra lo stupore generale di molti addetti ai lavori. Adesso la parola passa alla pista, al primo turno di prove libere della top class a Barcellona, per una delle trattative-lampo che saranno ricordate a lungo nel Motomondiale.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy