MotoGP Austin Prove Libere 2: Marc Marquez in fuga

MotoGP Austin Prove Libere 2: Marc Marquez in fuga

Lorenzo chiude quarto a precedere Rossi

Commenta per primo!

Impressionante, ancor più dei 5.513 metri del Circuit of the Americas. Marc Marquez ha monopolizzato la scena nel venerdì di attività ad Austin riconfermandosi (e con vantaggio!) il pilota più veloce in pista nella seconda sessione di prove libere del Red Bull Grand Prix of the Americas della MotoGP. Leader nella mattinata con pista ai limiti della praticabilità (zero grip, basse temperature) in 2’08″756, nuovamente al comando nel pomeriggio in 2’05″031 con un apparente margine testimoniato dal 2’03″357 siglato nei test privati dello scorso mese di marzo. Migliora la pista, si migliora il Campione del Mondo Moto2 in carica, imprendibile in sella alla Honda RC213V Factory Spec. vestita dei colori Repsol Honda con più tornate sul 2’05” basso ed un distacco “importante” rifilato ai suoi più diretti inseguitori: mezzo secondo e spiccioli (554/1000) al proprio compagno di squadra Dani Pedrosa, 1″1 a Stefan Bradl che in terza posizione completa l’egemonia Honda nella top-3.

Con un Marquez così suona un campanello d’allarme per gli avversari, costretti ad una risalita ben più impegnativa del dislivello di 42 metri verso la staccata della curva 1: Jorge Lorenzo, reduce dal trionfo senza discussioni di Losail, 4° sconta 1″6, esattamente 1″837 lo svantaggio di Valentino Rossi che in quinta posizione precede di soli 31/1000 Cal Crutchlow, sesto ed il primo dei piloti a non aver girato in precedenza al COTA nelle scorse settimane.

Yamaha costretta ad inseguire, altrettanto la Ducati che dopo un promettente avvio ritrova Andrea Dovizioso in settima posizione e a bordo-pista, fermato da un problema alla propria Ducati Desmosedici GP13. Il “Dovi” resta il miglior Ducatista a scapito di Nicky Hayden (9° e preceduto da Alvaro Bautista) e Ben Spies, 10° ed al momento l’ultimo dei piloti qualificati direttamente al Q2 “braccato” da Aleix Espargaro, il più veloce tra le “CRT” con la ART-Aprilia del team Aspar seguito da Yonny Hernandez (confermatosi ad alti livelli con la ART di PBM UK) e dal proprio team-mate Randy De Puniet, incappato nel finale in una rovinosa caduta alla curva 18.

Per quanto concerne gli italiani, apprendistato difficile con il COTA per Andrea Iannone attualmente 15°, chiudono con le rispettive CRT in 17° e 19° posizione Claudio Corti (FTR Kawasaki del Forward Racing) e Danilo Petrucci (Ioda-Suter-BMW), in fondo al gruppo le CRT americane del due-volte vice-Campione AMA Superbike Blake Young (APR realizzata da Attack Performance spinta dal propulsore Kawasaki Ninja ZX-10R) e Michael Barnes (BCL GP212 su base Suzuki GSX-R 1000 di GPTech), quest’ultimo al momento fuori dal 107 %.

MotoGP World Championship 2013
Circuit of the Americas Austin, Classifica Prove Libere 2

01- Marc Marquez – Repsol Honda Team – Honda RC213V – 2’05.031
02- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 0.554
03- Stefan Bradl – LCR Honda MotoGP – Honda RC213V – + 1.142
04- Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 1.606
05- Valentino Rossi – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 1.837
06- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 1.868
07- Andrea Dovizioso – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 2.205
08- Alvaro Bautista – GO&FUN Honda Gresini – Honda RC213V – + 2.225
09- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 2.668
10- Ben Spies – Ignite Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 – + 3.003
11- Aleix Espargaro – Power Electronics Aspar – ART GP13 – + 3.268 (CRT)
12- Yonny Hernandez – Paul Bird Motorsport – ART GP13 – + 4.343 (CRT)
13- Bradley Smith – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 4.393
14- Randy De Puniet – Power Electronics Aspar – ART GP13 – + 4.708 (CRT)
15- Andrea Iannone – Energy T.I. Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 – + 4.829
16- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – ART GP13 – + 5.380 (CRT)
17- Claudio Corti – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki – + 5.689 (CRT)
18- Hiroshi Aoyama – Avintia Blusens – BQR FTR – + 6.152 (CRT)
19- Danilo Petrucci – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW – + 6.583 (CRT)
20- Michael Laverty – Paul Bird Motorsport – PBM 01 – + 6.797 (CRT)
21- Lukas Pesek – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW – + 7.199 (CRT)
22- Bryan Staring – GO&FUN Honda Gresini – FTR Honda MGP13 – + 7.431 (CRT)
23- Colin Edwards – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki – + 7.473 (CRT)
24- Hector Barbera – Avintia Blusens – BQR FTR – + 7.542 (CRT)
25- Blake Young – Attack Performance Racing – Attack Performance APR – + 8.127 (CRT)
26- Mike Barnes – GP Tech – BCL GP212 – + 11.138 (CRT)

Alessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy