MotoGP Assen Qualifiche: prima pole per Cal Crutchlow

MotoGP Assen Qualifiche: prima pole per Cal Crutchlow

Batte Marquez, Rossi in seconda fila con Pedrosa

di Redazione Corsedimoto

Jorge Lorenzo in arrivo ad Assen con il chiaro intento di prender parte domani alla gara? Doveroso da parte dei suoi più diretti avversari nella corsa al titolo iridato Dani Pedrosa e Marc Marquez portarsi avanti col lavoro sin dalle qualifiche ufficiali del venerdì. Una bella opportunità per guadagnarsi un posto privilegiato in griglia, vanificata da una serie di disavventure, ma anche e soprattutto da un Cal Crutchlow in stato di grazia. Al 41esimo gettone di presenza nella classe regina, dopo essersi qualificato quest’anno in prima fila a Losail e Montmelò (sempre in seconda posizione), “The Dog” conquista la prima pole position in carriera nella MotoGP, inseguita e sfiorata in numerose circostanze nell’ultimo biennio. Davvero una grande prestazione per l’iridato 2009 del Mondiale Supersport, capace nel suo ultimot entativo di fermare i cronometri sull’1’34″398 lasciando a 357 millesimi Marc Marquez, a 480 un convincente Stefan Bradl, terzo ed alla “prima prima fila” in MotoGP con la Honda RC213V del team LCR. Con il pilota britannico che regala una pole storica a tutto il team Yamaha Tech 3 ed al movimento motociclistico d’Oltremanica, le odierne qualifiche al TT Circuit sanno un pò di occasione mancata per i piloti ufficiali HRC.

Marc Marquez, nonostante una doppia frattura (falange del mignolo destro, all’alluce del piede destro più qualche abrasione al fianco e alla spalla destra) rimediata a seguito della caduta alla “Ramshoek” nel corso della terza sessione di prove libere, si è qualificato in seconda piazza con accanto l’ex rivale nella corsa al titolo iridato in Moto2 Stefan Bradl. Non è andato oltre il quinto crono invece Dani Pedrosa, volato a terra alla “De Bult” a “Q2” in pieno svolgimento poco dopo aver fatto registrare la pole position provvisoria. Il tri-Campione del Mondo domani cercherà di indovinare l’ormai sua consueta e proverbiale ottima partenza, cercando di staccarsi dai compagni di seconda fila Valentino Rossi (4°) ed un sorprendente Bradley Smith, 6° con la seconda M1 del Team Tech 3.

Senza Lorenzo, qualificatosi pur sempre da regolamento in dodicesima posizione, ci sono tre Yamaha nella top-6 con la M1 #46 ancora una volta lontana dalla prima fila, un traguardo che al “Dottore” manca da 53 Gran Premi, l’ultimo ad Estoril nel 2010. Rossi sconta 576 millesimi dal poleman Crutchlow con distacchi a salire dalla settima piazza in giù con, nell’ordine, Aleix Espargaro (in “pole” tra le CRT con la ART-Aprilia del team Aspar), Alvaro Bautista, Randy De Puniet (il più veloce nel “Q1”) ed i Ducatisti Nicky Hayden e Michele Pirro, undicesimo con la Desmosedici GP13 Laboratorio schierata sotto le insegne del Pramac Racing.

Primo tra gli esclusi dal decisivo “Q2” invece il compagno di squadra Andrea Iannone, incappato in una caduta alla “De Bult” ritrovandosi costretto a prender il via da un’illustre quinta fila insieme ad Hector Barbera ed un (irriconoscibile) Andrea Dovizioso, quest’ultimi protagonisti di un “battibecco” con un cenno di disappunto (un “calcetto”) da parte del forlivese nei confronti del portacolori Avintia Blusens, reo di averlo ostacolato in uno dei suoi ultimi tentativi per il giro veloce. Dopo essersi ritrovato in due distinte occasioni in prima fila tra Le Mans e Mugello, il “Dovi” scatterà dalla quindicesima casella seguito da vicino da un positivo Danilo Petrucci (16° con la Ioda-Suter-BMW, 4° di classe CRT) e da Claudio Corti, 20esimo con la seconda FTR Kawasaki del Forward Racing a precedere la coppia del Paul Bird Motorsport formata da Yonny Hernandez (con una ART) e Michael Laverty (con la sperimentale PBM 01, ciclistica GPMS e propulsore Aprilia RSV4) più Lukas Pesek e Ivan Silva, in fondo al gruppo da sostituto dell’infortunato Hiroshi Aoyama in Avintia Blusens. Con o senza Jorge Lorenzo in pista, ma con Cal Crutchlow in pole, domani alle 15:00 spegnimento del semaforo per l’83esima edizione del Dutch TT, la 65esima nell’ambito del Motomondiale.

MotoGP World Championship 2013
TT Circuit Van Drenthe Assen, Classifica Qualifiche (Q2)

01- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – 1’34.398
02- Marc Marquez – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 0.357
03- Stefan Bradl – LCR Honda MotoGP – Honda RC213V – + 0.480
04- Valentino Rossi – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.576
05- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 0.608
06- Bradley Smith – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 1.056
07- Aleix Espargaro – Power Electronics Aspar – ART GP13 – + 1.102 (CRT)
08- Alvaro Bautista – GO&FUN Honda Gresini – Honda RC213V – + 1.110
09- Randy De Puniet – Power Electronics Aspar – ART GP13 – + 1.224 (CRT)
10- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 1.510
11- Michele Pirro – Ignite Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 – + 2.468

Classifica Q1

01- Randy De Puniet – Power Electronics Aspar – ART GP13 – 1’36.087 (CRT)
02- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 0.075
03- Andrea Iannone – Energy T.I. Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 – + 0.345
04- Hector Barbera – Avintia Blusens – BQR FTR – + 0.403 (CRT)
05- Andrea Dovizioso – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 0.437
06- Danilo Petrucci – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW – + 0.608 (CRT)
07- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – ART GP13 – + 0.704 (CRT)
08- Colin Edwards – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki – + 1.056 (CRT)
09- Bryan Staring – GO&FUN Honda Gresini – FTR Honda MGP13 – + 1.228 (CRT)
10- Claudio Corti – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki – + 1.538 (CRT)
11- Yonny Hernandez – Paul Bird Motorsport – ART GP13 – + 1.694 (CRT)
12- Michael Laverty – Paul Bird Motorsport – PBM 01 – + 2.291 (CRT)
13- Lukas Pesek – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW – + 2.617 (CRT)
14- Ivan Silva – Avintia Blusens – BQR FTR – + 2.990 (CRT)

La Griglia di Partenza

01- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1
02- Marc Marquez – Repsol Honda Team – Honda RC213V
03- Stefan Bradl – LCR Honda MotoGP – Honda RC213V
04- Valentino Rossi – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1
05- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC213V
06- Bradley Smith – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1
07- Aleix Espargaro – Power Electronics Aspar – ART GP13 (CRT)
08- Alvaro Bautista – GO&FUN Honda Gresini – Honda RC213V
09- Randy De Puniet – Power Electronics Aspar – ART GP13 (CRT)
10- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13
11- Michele Pirro – Ignite Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13
12- Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1
13- Andrea Iannone – Energy T.I. Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13
14- Hector Barbera – Avintia Blusens – BQR FTR (CRT)
15- Andrea Dovizioso – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13
16- Danilo Petrucci – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW (CRT)
17- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – ART GP13 (CRT)
18- Colin Edwards – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki (CRT)
19- Bryan Staring – GO&FUN Honda Gresini – FTR Honda MGP13 (CRT)
20- Claudio Corti – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki (CRT)
21- Yonny Hernandez – Paul Bird Motorsport – ART GP13 (CRT)
22- Michael Laverty – Paul Bird Motorsport – PBM 01 (CRT)
23- Lukas Pesek – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW (CRT)
24- Ivan Silva – Avintia Blusens – BQR FTR (CRT)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy