MotoGP: Michelin al Sachsenring con la asimmetrica

MotoGP: Michelin al Sachsenring con la asimmetrica

Le specifiche Michelin per il Gran Premio di Germania della MotoGP, inedita asimmetrica anteriore.

A tre settimane dalla tappa di Assen, la MotoGP è pronta per tornare in azione sul tracciato tedesco del Sachsenring, giro di boa di questa stagione. Sarà un nuovo banco di prova anche per Michelin, fornitore unico della categoria regina e che si sta preparando nel migliore dei modi per affrontare il Gran Premio.

Quello del Sachsenring è un tracciato piuttosto tecnico, da percorrere in senso antiorario e con un asfalto piuttosto abrasivo, vale a dire uno dei più esigenti del Motomondiale, oltre ad essere il più corto. La risposta del fornitore francese è una slick asimmetrica anteriore, una novità in questa stagione: il lato sinistro della gomma, più duro, è stato pensato per aiutare i piloti ad affrontare al meglio le dieci curve a sinistra. Saranno disponibili tre tipi di mescole, a seconda delle condizioni della pista e del tempo: una morbida, riconoscibile per la banda laterale bianca, una dura, con la banda gialla, ed una media, senza nessuna banda.

La soluzione asimmetrica verrà utilizzata anche per le gomme posteriori, in modo che i piloti abbiano un buon grip all’uscita dalle curve lente. Due le mescole per questo tipo di pneumatico, ovvero media (senza banda) e dura (banda gialla). Michelin ha deciso di portare nuovamente anche le gomme da pioggia, utilizzate con successo ad Assen, e le intermedie, utili in caso di condizioni miste.

Queste le parole di Piero Taramasso, Manager di Michelin Two-Wheel Motorsport: “Dopo le condizioni trovate ad Assen, vorremmo avere un weekend più semplice, ma probabilmente il Sachsenring non è il posto giusto! È un tracciato esigente ed il layout, con le sue lunghe curve a sinistra, genera un surriscaldamento che le gomme devono saper gestire. Proprio per questo abbiamo creato delle nuove gomme, specifiche per questo tracciato. Per la prima volta useremo le gomme asimmetriche: il lato sinistro è più duro per resistere alle alte temperature, mentre il lato destro, più morbido, si scalderà più facilmente nelle lente curve a destra all’inizio di ogni giro. In questo modo cerchiamo di dare ai piloti tutto il grip di cui avranno bisogno. Al Sachsenring poi il tempo è sempre variabile, come ad Assen, quindi dobbiamo essere preparati a tutto“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy