MotoGP: Marc Marquez “Se la KTM diventa vincente, perchè no?”

MotoGP: Marc Marquez “Se la KTM diventa vincente, perchè no?”

Con Dani Pedrosa collaudatore l’iridato comincia a pensare che la RC16 potrebbe diventare da Mondiale. E a quel punto…

di andrè cazeneuve/paddock-gp.com
Dani Pedrosa e Marc Marquez

Se con Dani Pedrosa la KTM diventa una moto vincente, perchè non salirci su?” Questa è una frase breve che rimarrà a lungo nella mente di chi decide le sorti della MotoGP. Le parole sono di  Marc Marquez, che è considerato il pilota capace di vincere con qualsiasi moto. Domina la top class da quando vi ha debuttato,  nel 2013. È sotto contratto con Honda fino al 2020. Dopo? Ha già detto che la Yamaha non gli  interessa. Ma non c’è solo l’HRC nella vita.. Quindi Ducati? No, Marc pensa a… Dani!

INTERVISTE – La provocazione non è sfuggita al sito solomoto.es. Marc Marquez ha rilasciato un’intervista alla pubblicazione giapponese “Japan Two Wheels” in cui ha avuto un pensiero per il suo ex compagno di squadra Dani Pedrosa. Lo stesso che ora è un pilota collaudatore KTM. Sul conto dell’ex compagno di team, Marc afferma: “Dani ha una sensibilità che nessuno conosce. Sono sicuro che farà un ottimo lavoro in KTM. Questo renderà la KTM una moto vincente.”

POSSIBILITA’ – Una moto vincente? Uno sponsor a lui ben noto? Ma allora, perché non provare la nuova sfida con la marca di Mattighofen una volta che l’accordo con HRC sarà scaduto? Marc Marquez si lascia andare: “Se Dani riesce a fare della KTM una moto vincente, perché no?”

BINGO! –  Si ricorderà che con  l’ingaggio di Dani Pedrosa come tester, gli austriaci hanno dichiarato di voler utilizzare l’esperienza di un tre volte campione del Mondo  per convincere un giorno Marquez a unirsi a loro. E sembra che questo piano stia già iniziando a dare i suoi frutti. Adesso non ci resta che aspettare di sapere che ne pensa Alberto Puig, il gran capo del team Honda HRC….

Leggi qui l’articolo originale su Paddock-GP

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy