MotoGP: Conferenza Stampa GP Austria, le parole dei piloti

MotoGP: Conferenza Stampa GP Austria, le parole dei piloti

Cos’hanno detto Marc Marquez, Jorge Lorenzo, Valentino Rossi, Andrea Dovizioso, Dani Pedrosa e Cal Crutchlow nel corso della conferenza stampa MotoGP al Red Bull Ring.

Si apre ufficialmente la seconda parte di questa stagione MotoGP 2016 con la conferenza stampa del giovedì che anticipa i primi turni di libere. Hanno partecipato all’evento di oggi i “fantastici quattro”, ovvero il leader iridato Marc Marquez, il campione in carica Jorge Lorenzo, Valentino Rossi e Dani Pedrosa, a cui si sono uniti Andrea Dovizioso ed il neo-genitore Cal Crutchlow, in questi giorni diventato padre di una bambina, Willow.

Si comincia con Marc Marquez, leader iridato con un buon margine sui rivali: “C’è stato un po’ di tempo per riposare ed allenarsi. Ora affrontiamo un circuito nuovo per tutti e dobbiamo lavorare bene fin da subito per cercare di salire sul podio domenica. È un tracciato interessante: abbiamo testato qui con una moto stradale, ma Cal ha realizzato le prove dopo il Sachsenring, quindi abbiamo una base sia per quanto riguarda l’elettronica che per il set up. Dovremo cercare di stare vicini alle Ducati, che durante i test si sono dimostrate molto competitive“. Per quanto riguarda l’accoglienza, “non mi aspettavo così tanti fan qui in Austria, è stato davvero bello guidare in strada davanti a loro“.

La parola passa poi al campione in carica Jorge Lorenzo, secondo in classifica iridata ma determinato a tornare in competizione per la vittoria: “Queste per me sono state settimane di riposo ma ci siamo anche allenati per essere più forti in questa seconda parte di stagione. Cercheremo già da domani di avvicinarci alle Ducati rispetto a quanto visto durante i test. Nelle ultime gare mi sono trovato un po’ in difficoltà, ma queste sono le competizioni: ci sono sempre momenti peggiori, ma ora punto a tornare a competere al massimo livello“.

Tocca poi a Valentino Rossi, fiducioso per quanto riguarda il weekend al Red Bull Ring: “Da domani comincia un momento importante della stagione perché da qui ad Aragón ci saranno gare quasi ogni settimana. Ma preferisco così: nella prima parte di stagione avevamo lunghe pause, che secondo me non erano positive. Prima delle vacanze abbiamo realizzato dei test per provare il tracciato, che per me è lo stesso di 20 anni fa quando correvo in 125cc: è un tracciato veloce e diverso da altri, quindi sicuramente vedremo gare differenti“. Per quanto riguarda la classifica iridata, “il distacco da Marc è davvero importante, ma ora dovremo dare il massimo per arrivare sul podio e prendere più punti rispetto alla prima parte di stagione“. Il tracciato austriaco è il posto in cui Rossi ottenne il primo podio mondiale, esattamente venti anni fa: “Mi ricordo, c’è stata una bella battaglia con Martinez ed alla fine sono riuscito a tagliare il traguardo in terza posizione. Nel 1997 invece mi è andata peggio: ho perso per soli 4 millesimi da Ueda!

È il turno di Dani Pedrosa, che in questa seconda parte di stagione è deciso a migliorare i propri risultati: “Come ha detto Marc, siamo già stati qui ed abbiamo realizzato qualche giro con una moto stradale, ma la prima volta che affronti questo tracciato è davvero impressionante. Girando in scooter ho visto la piccola modifica alla curva 10, che dovremo controllare con la nostra moto. Questo weekend dovremo anche stare attenti alle gomme, che sono cambiate. Come hanno detto tutti, è un tracciato nel quale devi mantenere il gas aperto per molto tempo, quindi sarà sicuramente una situazione diversa“. Facendo poi un breve riepilogo, “la prima parte di stagione per me è stata difficile, ma mi sono allenato durante la pausa e conto di migliorarmi in ogni sessione per realizzare una seconda parte positiva“.

Andrea Dovizioso, particolarmente competitivo nel corso dei test realizzati su questo tracciato, domenica toccherà quota 250 GP, il più giovane a raggiungere questo risultato. “Questa pista sembra adattarsi bene alla nostra moto, tutti i piloti Ducati sono stati molto veloci nei test: sono fiducioso per il weekend ma sappiamo che poi le cose saranno differenti rispetto a dei test. Il maggior cambiamento è rappresentato dalle gomme, dovremo capire se con queste siamo ugualmente veloci. La cosa più importante è avere un buon feeling con la moto e qui lo è stato fin da subito, ma come detto le gomme sono diverse“. Per quanto riguarda poi il suo record, “Non guardo molto questi dettagli, ma sono orgoglioso di avere una lunga carriera in MotoGP“.

Chiude il giro di domande Cal Crutchlow, che come detto ha da poco salutato la nascita della primogenita Willow: “Circa una settimana fa Lucy ha partorito ed è nata nostra figlia. È l’esperienza più emozionante della mia vita!“. Si torna poi a parlare di moto: “Nelle ultime gare siamo stati abbastanza veloci, gara dopo gara tutti i ragazzi Honda stanno migliorando, la squadra sta facendo un gran lavoro. Ci siamo concentrati molto nei test su accelerazione e frenata. Sappiamo che qui sarà davvero difficile, ma spero che i risultati dei nostri sforzi si vedano“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy