Moto2 Motegi, Qualifiche: Francesco Bagnaia scatterà dalla pole position

Moto2 Motegi, Qualifiche: Francesco Bagnaia scatterà dalla pole position

Francesco Bagnaia conquista la pole position a Motegi, pronto ad allungare su Miguel Oliveira (nono). In prima fila Fabio Quartararo e Iker Lecuona.

di Diana Tamantini, @dianatamantini

La sessione di qualifiche per la categoria intermedia si chiude nel segno di Francesco Bagnaia: determinato a dare uno strattone definitivo in classifica generale, il pilota Sky Racing Team VR46 compie un primo passo assicurandosi la pole position a Motegi. Subito dietro di lui troviamo Fabio Quartararo ed Iker Lecuona, che per la prima volta conquista la prima fila in griglia di partenza in un GP, mentre Miguel Oliveira chiude in nona posizione.

Il turno di qualifiche vede dopo pochi minuti il leader iridato Bagnaia al comando, provvisoriamente seguito da Lecuona (autore del miglior crono del venerdì e a rischio caduta nella seconda parte della sessione) e da Quartararo (risultato in più rapido alla fine delle ultime prove libere), mentre assistiamo ad una prima caduta, quella di Manzi, fortunatamente senza conseguenze e con il pilota che riesce presto a tornare in pista. Se Baldassarri rischia, va peggio al compagno di squadra Fernández, che finisce a terra proprio negli ultimi minuti del turno ed è costretto a chiudere anzitempo le qualifiche.

Non ci sono scossoni importanti in qualifica e Francesco Bagnaia può festeggiare una nuova pole position. Fabio Quartararo sopravanza Iker Lecuona e si assicura la seconda piazza davanti allo spagnolo, mentre Marcel Schrötter è quarto a precedere Lorenzo Baldassarri ed Alex Marquez. Xavi Vierge apre la terza fila, completata da Tetsuta Nagashima e da Miguel Oliveira, mentre chiude la top ten Brad Binder. Così gli altri italiani: Luca Marini è 11°, Simone Corsi è 16°, Andrea Locatelli è 20° davanti a Mattia Pasini, Stefano Manzi è 27°, Federico Fuligni è 32°.

La classifica

Cattura3

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy