Supersport Phillip Island Roberto Rolfo trionfa per un millesimo!

Supersport Phillip Island Roberto Rolfo trionfa per un millesimo!

Roberto Rolfo vince in volata la rocambolesca apertura del Mondiale Supersport. Fulmimato Lucas Yamaha, quante cadute

Commenta per primo!

Roberto Rolfo sbanca Phillip Island bruciando in volata, per un solo millesimo, il francese Lucas Mahias. Il veterano torinese ha fatto brillare la MV Agusta del team Factory Vamag contro la Yamaha ufficiale del talento francese. Che sul rettilineo ha provato con due toccate a prendersi il successo, finendo per buttare Rolfo nel prato.

COLPI DI SCENA – E’ stata una gara rocambolesca, interrotta al terzo giro per il pauroso incidente di Robin Mulhasuer (pilota OK) e poi ripresa sulla mini distanza di dieci giri. Gruppo compatto, animato da Rolfo schieratosi con la spalla sinistra lussata martedi nei test, e Anthony West spettacolare con la sua Yamaha presa dal concessionario. L’australiano partiva in fondo alla griglia ma si è catapultato sul gruppetto di testa che all’ultimo giro ha registrato l’errore di Federico Caricasulo, neo ufficiale Yamaha, che al tornantino ha perso il controllo coinvolgendo anche Jules Cluzel, tornato alla Honda. Il francese sembrava rialzatosi indenne ma in serata è stato trasportato all’Epworth Hospital di Melbourne per la frattura dell’osso sacro.  Rolfo ha giocato d’esperienza, era la 21° volta che correva a Phillip Island, e nei due giri conclusivi li ha messi tutti in riga, battezzando la prima vittoria nel Mondiale Supersport.

cover RolfoWEST PODIO! – Anthony West ha centrato la terza posizione lasciandosi dietro l’acerbo Kyle Ryde, pupillo di Jonathan Rea che ha dato amorevoli consigli nonostante incombesse la partenza della Superbike. Doveva essere la gara di Patrick Jacobsen, scattato dalla MV Agusta, ma l’americano ha perso tempo per un dritto al tornantino recuperando a suon di giri veloci fino al sesto posto. Sfortuna nera per Alex Baldolini protagonista per buona parte della sfida ma uscito di scena per caduta.

INCIDENTE – La gara era stata interrotta per il pauroso incidente in uscita dalla “Sibera” capitato a Robin Mulhauser, con Honda rimbalzata più volte in mezzo alla pista lasciando detriti. Nessuna conseguenza per il pilota austriaco. Un grande colpo di fortuna per Patrick Jacobsen che dopo esser balzato al comando aveva rallentato improvvisamente per lo spegnimento della MV Agusta ufficiale. E’ potuto ripartire anche Alex Baldolini (MV Agusta ATK25) scivolato al tornantino quando era a sua volta davanti. Entrambi hanno raggiunto i box in tempo utile per riprendere il via. Non sono invece ripartiti Mulhasuer, Gino Rea e Christian Gamarino.

Arrivo (10 giri, km. 45,550): 1. Rolfo (Kawasaki) in 15’56″217; 2. Mahias (Yamaha) +0.001; 3. West (Yamaha) +1.544; 4. Ryde (Kawasaki) +1.679; 5. Tuuli (Yamaha) +1.727; 6. Jacobsen (MV Agusta) +5.237; 7. Wagner (Honda) +5.387; 8. Watanabe (Kawasaki) +6.610; 9. Calero (Kawasaki) +8.067; 10. Epis (Kawasaki) +8.309; 11. Morais (Yamaha) +10.264; 12. Khairuddin (Kawasaki) +11.579; 13. Baldolini (MV Agusta) +14.148; 14. Canducci (Kawasaki) +23.247.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy