Supersport Argentina: Jules Cluzel batte Cortese e vince

Supersport Argentina: Jules Cluzel batte Cortese e vince

Jules Cluzel vince a San Juan e va a -6 da Sandro Cortese (2°). Disastro Italia: out sia Federico Caricasulo, sia Raffaele De Rosa. 11° Ayrton Badovini.

di Alessandro Palma

A San Juan il Mondiale Supersport ha offerto una gara meno spettacolare del solito, ma comunque interessante e alla fine a trionfare è stato Jules Cluzel. Il pilota francese ha conquistato la sua quinta vittoria stagionale dopo una gara tutta in testa, durante la quale ha controllato i suoi avversari per poi difendersi da Sandro Cortese all’ultimo giro. Ora Cortese guida il campionato con 189 punti e sole sei lunghezze di vantaggio su Cluzel (183), in una lotta per il titolo che si deciderà in un confronto a due tra due settimane a Losail. Tagliati fuori dalla corsa all’iride Lucas Mahias (3°), i nostri Federico Caricasulo e Raffaele De Rosa (ritirati) e Randy Krummenacher (6°).

GARA TATTICA – Con Caricasulo subito fuori dai giochi per un contatto alla curva 2 con Corentin Perolari, abbiamo assistito per un buon numero di giri a una gara piuttosto tattica, con Cluzel a controllare la situazione seguito da Mahias e Perolari. I tre sono stati poi raggiunti da Cortese, mentre De Rosa veniva costretto al ritiro da un problema tecnico. Verso la metà dei 19 giri previsti Cortese ha superato Perolari e si è portato in terza posizione, col pilota Yamaha GMT94 che ha poi perso terreno tanto da ritrovarsi a lottare per il quarto posto con Thomas Gradinger.

FINALE – Dopo tanti giri col fiato di Mahias sul collo, Cluzel ha iniziato a prendere vantaggio sul connazionale e su Cortese al quattordicesimo dei 19 giri previsti e il momento di difficoltà di Mahias ha trovato conferma nel sorpasso subito da Cortese. Il tedesco del team Yamaha Kallio Racing ha provato ad acciuffare il compagno di marca del team NRT, ma alla fine “Julo” è andato a vincere battendo per poco “Sandrissimo”, mentre Mahias ha completato il podio con una solitaria terza posizione. Quarto posto per un bravo Thomas Gradinger, mentre Corentin Perolari ha tenuto dietro per pochissimo un Randy Krummenacher in grande rimonta nel finale.

GLI ALTRI – Detto dei ritiri dei nostri Caricasulo e De Rosa, l’unico italiano al traguardo è Ayrton Badovini, 11° e appena fuori dalla top 10 alle spalle di Kyle Smith, Hikari Okubo, Héctor Barberá e Loris Cresson (arrivati in questo ordine dal settimo al decimo posto). Da segnalare anche la caduta dell’esordiente Glenn van Straalen, ingaggiato per questa gara come sostituto di Anthony West.

Captura

Photo Credit: SP8 Images

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy