Superbike Troy Bayliss: “Non paghiamo per correre”

Superbike Troy Bayliss: “Non paghiamo per correre”

Mike Jones non correrà con la Ducati VFT liberata dall’infortunio di Fabio Menghi. La stellina australiana userà la stessa Panigale Stock con cui sarà al via del concomitante campionato australiano

Commenta per primo!

Troy Bayliss avrebbe voluto far correre il suo pupillo Mike Jones sulla Ducati VFT liberata dal grave infortunio di Fabio Menghi. Ma la trattativa non è andata in porto per cui il 22enne neo campione australiano debutterà nel Mondiale con la stessa Panigale Stock  (“Ma in realtà è quasi una stradale“, puntualizza TB21) coi colori del Desmo Sport che  userà nelle tre gare della serie nazionale, sempre a Phillip tra sabato e domenica.

Il mancato accordo è stato un fulmine a ciel sereno. Anche la Ducati stava seguendo da vicino l’evolversi della trattativa, e aveva offerto  Bayliss la possibilità di utilizzare due motori “test” in dotazione al team ufficiale. Se l’accordo fosse andato in porto Jones avrebbe avuto un pacchetto di prim’ordine e la VFT la possibilità  di valorizzare un potenziale protagonista della Superbike del futuro.  Troy Bayliss e Valerio Menghi, papà del pilota infortunato e titolare del team, hanno anche discusso l’ipotesi di schierare Mad Mike nel prossimo round iridato del 13 marzo in Thailandia. Ma anche su questo fronte, per adesso,  fumata nera.

Penso che in Thailanda sulla Ducati VFT salirà un pilota pagante, io sono della vecchia scuola, non ho mai pagato per correre, e non comincio adesso per far correre Mike.  A questo punto preferiamo usare la nostra moto, coi nostri sponsor, e concentrarci sul campionato australiano.”

Mike Jones ha solo 22 anni, per il Mondiale ci sarà tempo…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy