Superbike Thai: Jonathan Rea 15° pole, Marco Melandri cade

Superbike Thai: Jonathan Rea 15° pole, Marco Melandri cade

Il nordirlandese abbassa il primato beffando il compagno di squadra Tom Sykes. Anche la Honda in prima fila, Ducati in terza

di Redazione Corsedimoto
Jonathan Rea

Strepitoso Jonathan Rea: nel round Thai del Mondiale Superbike a Buriram ha conquistato la 15° Superpole in carriera migliorando con 1’32″814 il primato che lui stesso aveva stabilito un anno fa, antipasto di una folgorante doppietta. Il tre volte iridato ha beffato il compagno Tom Sykes con la Kawasaki che confeziona la doppietta su questo tracciato dove è imbattuta. In prima fila scatterà anche la Honda del fantastico Leon Camier. Male le Ducati relegate in terza con Marco Melandri 7° e scivolato, Chaz Davies 9°. Gara 1 si corre alle 10 italiane, le 16 locali.

URLO DEL RE – Jonathan ha centrato il giro veloce al secondo giro con la gomma ultrasoffice, un altro dettaglio che rende ancora più stupefancente la prestazione. La Kawasaki già in FP4 aveva alzato il ritmo rispetto al venerdi, con entrambi i piloti. Anche Tom Sykes ha ritrovano vena perdendo per appena tre millesimi la possibilità di diventare il pilota più veloce di sempre in qualifica: con 43 Superpole al momento divide il primato con Troy Corser. Considerando tutti i circuiti del calendario SBK 2013, Sykes non è partito al palo solo qui a Buriram. In prima fila c’è anche la Honda con Leon Camier, ma ormai non si deve più parlare di sorpresa: almeno sul giro secco la CBR-RR è ormai vicinissima alle corazzate del Mondiale, segno che l’elettronica Cosworth considerata il limite più grande nella disastrosa campagna 2017 tanto male non va…

DUCATI A FONDO – La Ducati aveva fatto intendere in FP4 di avere il passo per complicare i piani di fuga di Rea ma la qualifica disastrosa adesso pesa come un macigno sull’esito di gara 1. Marco Melandri è caduto all’ultimo tentativo, con la gomma supersoffice, fermandosi in settima posizione. Chaz Davies invece si è arenato in nona, così le due Rosse partiranno entrambe in terza fila. Con un tale equilibrio – i primi nove dello schieramento sono racchiusi in tre decimi! – ritrovarsi nei guai è un attimo.

MINE VAGANTI – In seconda invece ci sono tre piloti da seguire con interesse: Jordi Torres 4° con la MV Agusta, Xavi Fores anche in questo frangente più avanti dei ducatisti ufficiali (era già successo in FP1 e FP2) e il britannico Alex Lowes, rientrato un pò nei ranghi dopo aver siglato il giro veloce in FP4.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy