Superbike Donington Prove 2 Jonathan Rea super, Leon Haslam incalza

Superbike Donington Prove 2 Jonathan Rea super, Leon Haslam incalza

Superbike Donington Prove 2 Jonathan Rea super, Leon Haslam incalza Dominio Kawasaki la Ducati rincorre con Melandri e Davies

1 Commento

Tom Sykes Re di Donington imbattuto da otto gare? Beh, vediamo stavolta come si mette perchè Jonathan Rea è sbarcato nell’East Midlands con il chiaro intento di battere lo scudiero Kawasaki anche sulla pista che ama di più. Il Cannibale intanto ha calato sul tavolo un venerdi super: primo al mattino, nonostante una scivolata, di nuovo davanti al pomeriggio con tanto di solita simulazione di gara a passo di carica. Nella seconda ora di libere il Cannibale ha realizzato il primo, secondo e terzo tempo più veloce. Vi basta?

RECORD – A due terzi della sessione, con Rea impegnato nella prova sulla distanza, Tom Sykes è balzato davanti al compagno, con un paio di passaggi al limite. L’altro si è fermato ai box, si è riposato un attimo e con gomme fresche ha ristabilito subito gli equilibri scioriando una sequenza di quattro giri veloci. Unica sbavatura un “lungo” in ingresso al tornantino Melbourne, con breve divagazione sull’erba e giro abortito.

DUCATI – La festa di Imola sembra uno sbiadito ricordo, le Rosse sono tornate nei ranghi a rincorrere con Melandri e Davies una Kawasaki che qui gioca anche l’asso Leon Haslam, protagonista del British Superbike tornato al Mondiale  in veste di wild card del team Puccetti. L’ex viceiridato, velocissimo nella parte più scorrevole (e tecnica…) ha il terzo crono e senza pensieri di classifica potrebbe rivelarsi un osso assai duro, forse non per i due Kawasaki ufficiali ma sicuramente per le Ducati.  Chaz Davies ha cambiato ritmo rispetto al mattino, avvicinando la prestazione di Melandri che a sua volta ha solo replicato il tempo del mattino, senza migliorare. Per com’è messa la situazione per i ducatisti può diventare una mezza impresa anche conquistare una casella in prima fila.

MOSTRO – Il venerdi pomeriggio è il momento clou per Jonathan Rea che anche stavolta si è prodotto nell’ormai abituale simulazione con prestazioni mostruose.Ha inanellato diciotto passaggi (la gara ne conterà 23) tutti sul passo di 1’28” basso, il migliore (1’28″169) alla sedicesima tornata. Il record del circuito in gara è 1’27″605 stabilito dallo stesso Rea un anno fa, per cui  il Cannibale anche qui ha alzato ulteriormente l’asticella. Tom Sykes è avvertito…

CADUTE – Nella sessione pomeridiana, disputata in condizioni meteo perfette e un caldo inusuale . per queste latitudini (25°C aria, quasi 40°C d’asfalto), si è registrata l’immancabile caduta di Alex Lowes, atterrato in ingresso al tornante Melbourne. Poi il britannico si è dato una mossa proiettando la Yamaha al sesto posto, comunque a sei decimi da Rea, che su un tracciato di questo genere non sono uno scherzo. L’Aprilia naviga ancora ad un secondo, con Lorenzo Savadori ottavo tempo. L’unica Honda di Stefan Bradl è soltanto diciassettesima, a quasi due secondi dalla vetta. Sabato alle 14 il compianto Nicky Hayden verrà omaggiato con un minuto di silenzio.

ORARI – Occhio agli orari, che in questo round britannico sono positipati  rispetto al solito. La Superpole è in programma sabato alle 12 italiane, la gara scatterà alle 16 (le 15 locali) con diretta TV su Italia 1.

I TEMPI (combinata due sessioni): 1. Rea (GB-Kawasaki) 1’27”740 media 165,065 km/h; 2. Sykes (GB-Kawasaki) 1’27”862; 3. Haslam (Gb-Kawasaki) 1’28”138; 4. Melandri (Ita-Ducati) 1’28”153; 5. Davies (GB-Ducati) 1’28”166; 6. Lowes A. (GB-Yamaha) 1’28”374; 7. van der Mark (Ola-Yamaha) 1’28”404; 8. Savadori (Ita-Aprilia) 1’28”621; 9. Camier (GB-MV Agusta) 1’28”681; 10. Mercado (Arg-Aprilia) 1’28”683; 11. Ramos (Spa-Kawasaki) 1’28”710; 12. Laverty (Irl-Aprilia) 1’28”896; 13. Fores (Spa-Ducati) 1’28”906; 14. De Angelis (RSM-Kawasaki) 1’28”905; 15. Torres (Spa-Spagna) 1’29”067; 16. De Rosa (Ita-BMW) 1’29”288; 17. Bradl (Ger-Honda) 1’29”400; 18. Dixon (GB-Kawasaki) 1’29”509; 19. Krummenacher (Svi-Kawasaki) 1’29”522; 20. Russo (Ita-Yamaha) 1’29”796; 21. Jezek (Cze-Kawasaki) 1’30”295; 22. Badovini (Ita-Kawasaki) 1’30”588.

Version:1.0 StSuperbike Donington Tutti gli orari in pista e TV 

Superbike Donington Libere 1 Rea cade 

 

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. l.zecchin_417 - 5 mesi fa

    Ciao Paolo. andiamo per ordine il mondiale è finito d’ampezzo quindi sui circuiti ostici per la belva Bolognese Davies puo’ anche prendersela comoda
    Haslam fa’ un ottimo terzo con la Kawa senza controlli di trazione.
    fortuna vuole che wild card Britanniche c’e ne sono poche da quelle parti gente che da gas a due mani ne hanno da vendere persino il prete dell’Isola di Mann finita la messa si toglie la tonaca e infila la tuta di pelle e non è uno scherzo…. Se poi usaserro Cadweel Park come pista per il mondiale….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy